Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Psicologia del dating online

Il dating online è ormai un’industria milionaria: numerosi siti offrono servizi che vanno dalla semplice registrazione del profilo fino al coaching per essere irresistibili, passando per la promessa di essere presentati alla propria anima gemella grazie all’utilizzo di segreti algoritmi. La matematica, si sa, non è un’opinione!

E se da un lato alcuni sono ancora portati a guardare i siti di incontri con un po’ di diffidenza e il sopracciglio sollevato, immaginando persone sole, imbambolate davantu a un computer, alla disperata ricerca dell’anima gemella o di una veloce scappatella; dall’altro molti sono ormai gli utenti conquistati dalla praticità dell’incontro online e/o dal fascino del sua atmosfera trasgressiva. L’emozione del primo contatto, l’attesa della prima mail e l’eccitazione della prima telefonata: quel meraviglioso confluire di vicinanza e distanza, su cui tantissimo si può investire grazie anche all’immaginazione e alla speranza di fare un incontro significativo, fosse anche una bella e duratura amicizia.

Chi sono i fruitori del dating online?

In una società dai ritmi frenetici come la nostra, il tempo per gli incontri si è drasticamente ridotto e, per la maggior parte degli adulti, sono rare le occasioni per conoscere persone nuove. In questo contesto il dating online diventa più attraente: con pochi clic si può entrare facilmente in contatto con uomini e donne che sono essi stessi in cerca di nuove persone da conoscere. Secondo Edoardo Giusti e Gilda Di Nardo (2008), infatti, inizialmente gli utenti dei siti di dating erano per lo più introversi o fobici, mentre ora sono persone che hanno difficoltà a trovare un partner all’interno della propria rete sociale.

Cosa cercano?

Nel mondo dei “supermarket relazionali” italiani, come li definisce Giusti (in Cicerone, 2012), sembra andare per la maggiore l’immagine tradizionale della coppia romantica, in cui il sito favorisce l’incontro con il partner ideale. Contemporaneamente si sono sviluppate realtà minori, in cui si riuniscono persone con gusti ed esigenze particolari ed è preponderante il clima di trasgressione.

Qualche indicazione utile

Affinché i siti di dating siano veramente efficaci e sicuri, però, vanno usate delle piccole accortezze. Se è vero che queste piattaforme sono il secondo modo più diffuso per conoscersi, subito dopo gli incontri grazie ad amici comuni, è vero anche che nascondo alcuni presupposti critici (Finkel, Eastwick, Karney, Reis e Sprecher, 2012):

  • che, a partire da un profilo “su carta”, le persone sappiano decidere quali saranno quelle più importanti e di maggior interesse,
  • che sia possibile “individuare” il partner giusto scorrendo una lista e
  • che avere più scelta dia più chance di trovare “la persona giusta”.

I presupposti su cui si basano i siti di dating sono già stati smentiti dalla ricerca scientifica. Tenerne conto, permetterà un uso maggiormente efficace delle piattaforme. Finkel, Eastwick, Karney, Reis e Sprecher (2012) forniscono qualche suggerimento operativo.

  1. Durante la navigazione, imponetevi un limite di tempo per esaminare i profili. L’esposizione a numerose possibilità di scelta, infatti, porta ad essere poco soddisfatti della scelta presa, perché rimane la memoria delle numerose alternative ed è più probabile dover scegliere tra elementi con caratteristiche molto simili.
  2. Mentre si effettua la scelta della persona da contattare, immaginare una chiacchierata con lei, utilizzando come riferimento il suo profilo. Di fronte a tante possibilità di scelta, infatti, si tendono a prendere in considerazione dettagli che, normalmente, non si valuterebbero. Tra due prodotti della stessa qualità, ad esempio, si sceglierebbe il meno costoso, ma la situazione si complica se i prodotti offrono funzioni, colori e descrizioni diversi.
  3. Non tardare a fissare un appuntamento vis a vis con la persone che si conoscono online. Innanzitutto, l’incontro online permette di fantasticare molto, correndo il rischio di caricare la persona di aspettative che in realtà non le corrispondono. Più ci si crea un’immagine della persona che si vuole conoscere, più è facile che le aspettative verranno deluse, creando insoddisfazione. Inoltre ci sono fattori che influenzano il rapporto con una persona che non è possibile valutare a distanza, ma che istintivamente ci influenzano, come il suo comportamento non verbale, il suo odore, il suo modo di interagire con gli altri.
  4. Non affidarsi troppo agli algoritmi utilizzati dai siti per essere abbinati ai “profili ideali”, perché non ci sono evidenze scientifiche sulla loro efficacia.

È bene ricordare, infine, che per costruire una coppia stabile è necessaria una lunga sperimentazione nel tempo: stare bene insieme, si impara! (Giusti e Bianchi, 2011).

Bibliografia

Cicerone P.E. (2012). Web dating all’italiana. Mente & Cervello, 96, 60-65.

Finkel E.J., Eastwick P.W., Karney B.R., Reis H.T. e Sprecher S. (2012). La rete dell’amore. Mente & Cervello, 96, 50-59.

Giusti E. e Bianchi E. (2011). Evolvere rimanendo insieme. Sovera, Roma.

Giusti E. e Di Nardo G. (2008). Trovare un partner gradito. Sovera, Roma.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Counseling e coaching per psicologi