Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


11 settembre 2001

L'attentato alle torri gemelle

Oggi ricorre il settimo anniversario di un giorno che ha cambiato il corso della storia contemporanea: l'11 settembre del 2001 quattro aerei di linea, centinaia di passeggeri a bordo, venivano dirottati e usati, sul territorio degli Stati Uniti, come bombe contro alcuni luoghi simbolo della cosiddetta civiltà occidentale: le Twin Towers di New York ed il Pentagono.

Gli attacchi, condotti da attentatori suicidi, che ben presto si scoprirà legati ad un movimento fondamentalista islamico che tutti impareranno a conoscere con il nome di "Al Qaeda", ovvero "La Base", provocherà diverse migliaia di morti e tra questi oltre trecento vigili del fuoco.

L'attacco in diretta

Rispetto ai grandi eventi del passato, quello dell'11 settembre è caratterizzato dal fatto che è stato un evento "mediatico", visto che tutte le televisioni del mondo hanno trasmesso in diretta ed in modo quasi ossessivo immagini e filmati degli attacchi per diversi giorni.

Un impressionante numero di persone ha assistito, dunque, impotente e in diretta, ad un orrore verosimilmente generato da quello che Hanna Arendt, in occasione dei processi ai criminali nazisti, aveva già definito "male cosciente".

La società del rischio

Questo evento ha sviluppato, in un gran numero di persone, preoccupazioni per la propria incolumità fisica e psichica e un grande senso di incertezza per il futuro ed ha incrementato, in modo significativo, sindromi ansiose che hanno a loro volta, di fatto, abbassato la qualità della vita di un considerevole numero di persone.

La "società del rischio" già descritta da Ulrich Beck negli anni '90 ha preso, anche a causa di questo evento, una propria forma e consistenza nell'immaginario collettivo, evocando ad esempio vecchi fantasmi come quello del possibile utilizzo di armi di distruzione di massa da parte di organizzazioni terroristiche di matrice integralista.

Gestione della crisi e Counseling dell'emergenza

Come ben sappiamo, il counseling svolge un ruolo importante per migliorare la qualità della vita delle persone e può farlo, di certo anche in situazioni di crisi e in emergenza. Ecco perchè, ASPIC ha già avviato dall'inizio di quest'anno un percorso formativo dal titolo Master in gestione della crisi e Counseling in emergenza.

Per avere maggiori informazioni sui corsi ASPIC richiedi gratuitamente il catalogo dell'offerta formativa oppure visita il nostro forum.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento