Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


L'integrazione in psicoterapia

La recensione di questo mese

L'integrazionismo è ormai un orientamento molto rilevante nell'ambito psicoterapeutico. L'articolo di Safran e Messer, recensito su questo sito a febbraio, analizza criticamente le tre maggiori tendenze del movimento di integrazione in psicoterapia (eclettismo tecnico, fattori comuni e integrazione teorica), utilizzando la prospettiva postmoderna del contestualismo e del pluralismo.

Una critica postmoderna

Un tema ricorrente nel postmodernismo è che la propria identità emerge solo tramite la costruzione "dell'altro" (Hegel, 1910), quindi spesso si va a definire in contrasto all'altro. Da una prospettiva postmoderna, una delle più importanti funzioni dell'integrazione in psicoterapia è di aiutare i teorici e i clinici a scostarsi dall’atteggiamento di avversione nel confronto con altre tendenze per sostituirlo con la voglia di imparare e con la curiosità e l’entusiasmo.

Il contestualismo e il pluralismo

Il contestualismo parte dal presupposto che un evento abbia significato solo nell’ambiente in cui avviene, non può quindi essere studiato come un elemento isolato. Il pluralismo, contemporaneamente, presuppone che un evento sia interpretabile da diversi punti di vista. Non esiste, quindi, una sola ed unica verità da perseguire.

Oltre il relativismo

L’atteggiamento di apprezzamento per “l’altro”, secondo i due autori, non deve spingere a credere che tutto sia “giusto”, tutto sia uguale ed abbia la stessa efficacia. Cercare il dialogo con l’altro non significa acquisirne acriticamente ogni idea: il vero dialogo consiste nell’ascoltare e capire l’altro, con la volontà di testare le proprie credenze. Più che di un’acquisizione passiva, si tratta di entrare attivamente nel processo di ricerca della “verità”.

Implicazioni per la teoria, la pratica e la ricerca

A conclusione del loro articolo, Safran e Messer chiariscono quali sono le implicazioni del contestualismo e del pluralismo per la teoria, la pratica e la ricerca in psicoterapia.

Leggi la recensione completa per saperne di più.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Counseling e coaching per psicologi