Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


ASPIC in Abruzzo

I volontari ASPIC hanno ormai concluso la prima fase dell’intervento ad Arischia e Tortoreto ed hanno cominciato a dar vita alla seconda fase.

La prima fase dell’intervento

Durante la prima fase dell’intervento, i volontari ASPIC hanno contattato la popolazione al fine di realizzare un contesto di contenimento, normalizzazione e ascolto degli elementi cognitivi, emotivi e comportamentali delle prime reazioni della popolazione.

Hanno lavorato in questo senso tramite colloqui individuali, gruppi di ascolto e attività informativa. Laddove possibile, la popolazione è stata coinvolta nelle attività del campo e degli alberghi, nonché nelle attività rese possibili dalle associazioni culturali, sportive e assistenziali presenti sul territorio.

La seconda fase dell’intervento

L’equipe psicosociale ASPIC è chiamata ora a gestire le mutate dinamiche dell’emergenza e a soddisfare le nuove richieste che ha avuto modo di raccogliere attraverso un’attenta analisi dei bisogni.

La situazione adesso

Pian piano i professionisti abruzzesi stanno riorganizzando le loro attività e, dunque, le risorse offerte dal territorio stesso sono sempre di più. Inoltre, la popolazione sta ritornando, come può, alla propria normalità: molti adulti hanno ripreso a lavorare e i bambini frequentano nuovamente la scuola.

Le finalità dell’intervento

Alla luce di queste mutate circostanze, l’intervento dei volontari ASPIC sarà finalizzato a:

  • offrire supporto a vittime e volontari,
  • continuare l’analisi dei bisogni,
  • realizzare una comunicazione efficace che consenta l’ottimizzazione delle risorse disponibili e il migliore soddisfacimento delle richieste della popolazione.

Organizzazione dell’intervento

Ad Arischia e Tortoreto ci saranno dei referenti locali ASPIC che garantiranno una presenza fissa in alcuni giorni della settimana. I volontari provenienti dalle altre sedi saranno chiamati a coprire turni di alcuni giorni, in cui potranno assumere compiti calibrati alle proprie competenze, ad esempio:

  • colloqui individuali o di gruppo, laddove ne emerga la necessità;
  • incontri per insegnare tecniche di rilassamento,
  • laboratori per bambini,
  • outplacement e marketing per chi al rientro dovrà reinventarsi il proprio lavoro o rilanciare la propria attività,
  • ecc...

L’obiettivo dei volontari ASPIC sarà quello di “investire” il tempo a disposizione della popolazione e darle la possibilità di ripartire con nuove ricchezze e risorse.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni visita la sezione “Terremoto in Abruzzo” del forum ASPICommunity. Nel topic vengono fornite informazioni relative agli interventi dell’ASPIC a Tortoreto e Arischia ed ogni utente è libero di aggiungere la propria testimonianza ed i propri commenti.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento