Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Oltre al G8, una presenza effettiva

di Florinda Barbuto.

In questi giorni L’Aquila è nuovamente sulle prime pagine di tutti i giornali. Ma questa volta i protagonisti sono i Grandi della Terra che, tra una colazione e un pranzo di lavoro, un appuntamento sociale ed uno culturale, visitano i luoghi del terremoto.

Il G8 a L’Aquila

Il Vertice annuale dei Grandi è l’evento principale e più visibile del processo G8, che si estende lungo l’intero anno, con riunioni ministeriali e di alti funzionari.

II Vertice G8 2009 si svolge a L’Aquila. I membri sono il Canada, la Federazione Russa, la Francia, la Germania, il Giappone, l’Italia, il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Unione Europea, con la presenza del Presidente di turno del Consiglio dell’Unione e del Presidente della Commissione.

temi principali della Presidenza italiana sono: la risposta alla crisi economico-finanziaria globale; il ristabilimento della fiducia dei cittadini e il rilancio della crescita su basi più solide e bilanciate, anche attraverso la definizione di nuove regole condivise per le attività economiche; l’attenzione alla dimensione sociale e del lavoro, per aiutare i più vulnerabili sia nei paesi industrializzati che nei Paesi poveri; la lotta al protezionismo e la liberalizzazione del commercio internazionale a beneficio di tutti; la risoluzione delle crisi regionali, la sicurezza alimentare e la lotta ai cambiamenti climatici.

Sul sito ufficiale del G8 tutte le altre informazioni tra cui

Oltre al G8, aiuti concreti: tra i tanti, il sostegno dell’ASPIC

In concomitanza degli eventi del G8, L’Aquila è praticamente blindata ed è difficile circolarvi anche per gli stessi residenti.

L’ASPIC ha colto l’occasione per dedicare questo tempo alla pianificazione della nuova fase dell’intervento, sempre più orientata verso il ritorno alla normalità.

Il nostro lavoro diviene ora più strutturato e pianificato, ferma restando la necessaria flessibilità che una situazione ancora “di emergenza” ci richiede.

Il nostro obiettivo è adesso volto a promuovere l’empowering della comunità e far si che la popolazione non sia più “destinatario passivo” bensì “attore consapevole” degli interventi.

L'ASPIC nell'emergenza Abruzzo: una nuova esperienza, un impegno per il futuro

Alle 16.00 del giorno 23 luglio prossimo tutti i volontari ASPIC che dagli inizi di questa emergenza si sono impegnati nell`attività di sostegno socio-psicologico alla popolazione nel campo di accoglienza di Arischia e nella località di Tortoreto, si riuniranno per condividere e confrontare le loro esperienze.

L’incontro si terrà nel tendone adibito a spazio comune del campo di Arischia.
Nell`occasione verrà proiettato un inedito film documento sulla paura e lo stress post traumatico che verrà gentilmente reso disponibile dal Comitato organizzatore di Progetto Scienza.   

Saranno presenti il Coordinamento dei volontari ASPIC e la Presidentessa dell’U.P.ASPICdr.ssa Claudia Montanari.

Sono invitati a partecipare all’evento la dr.ssa Giulia Marino, Responsabile Supporto Psicologico alla Popolazione per conto del Dipartimento di Protezione Civile (DPC) e il dr. Geol. Attilio Vitali, Presidente di Progetto Scienza, promotore del Rome Docscient Festival 2009.

Importante: dato il ridotto numero dei posti disponibili e al fine di preparare le autorizzazioni per entrare al campo siete invitati a darci conferma della vostra presenza entro lunedì 13 luglio.

Da Aquila mi sono trasformata in Gabbiano

Tratto dalla lettera inviata ai soci ASPIC da Lucia Masiello, Presidente ASPIC L’Aquila – 5 maggio 2009

Carissimi,

noi aquilani siamo abituati a vivere tra le rocce, a percorrere strade in salita, a convivere con il freddo, a rimboccarci le maniche e "sgobbare", a difendere il nostro ridente e tranquillo territorio, a rifugiarci tra le nostre austere montagne, a conservare gelosamente il nostro prezioso patrimonio artistico....insomma, ci hanno sempre definiti un po’ "orsi"....vi lascio dunque immaginare quanto sia difficile ora ritrovarci nudi e dispersi, catapultati fuori da quella città "bomboniera" e "fortezza", in cui sembrava non succedere mai nulla! E' difficile condividere il nostro dolore....dunque fidarci e appoggiarci agli altri […] E' davvero un terremoto per la nostra identità culturale, il nostro motto è pur sempre "immota manet, nec recisa recedit" come segno non di immobilismo ma di forza incrollabile!

[…] Come molti aquilani, avendo casa e studio inagibili, ho avuto la possibilità di trovare una sistemazione provvisoria sulla costa abruzzese […] che mi permette di avere maggior cura di me e poter tornare presto ad essere un punto di riferimento per pazienti e allievi...e così da "aquila mi sono trasformata in gabbiano"... combattendo giornalmente con il senso di colpa" del sopravvissuto".

Quando posso continuo a fare delle terapie in setting "alternativi" e creativi a L'Aquila, a fare un po’ di volontariato in zona, negli alberghi che ospitano i miei concittadini, ad organizzare serate con i miei amici aquilani "salseri"....perchè vogliamo ritrovarci e "tornare a ballare senza terremoto"!!

Mi tengo costantemente in contatto con gli allievi per ricostruire la nostra sede e riprendere le attività di formazione. Molti di loro sono impegnati nel volontariato e questo mi rende fiera ed orgogliosa..mi dà forza di reagire e dà un senso alla mia vita.

[…]  Comunque, senza perderci d'animo abbiamo cercato una tenda per poter ripristinare un nostro Centro di Ascolto e per poter riprendere le nostre attività, ma le difficoltà "burocratiche" e logistiche sono molte...

Con questa "pagina di diario" intendo rendervi partecipi delle mie emozioni e cogliere l'occasione per ringraziarvi tutti. […] Sono infinitamente grata a chi ha fondato questa famiglia numerosa ed affiatata che sto vivendo come base sicura.. grazie Edoardo e Claudia! […]

Il senso pieno dell'empowerment è ben riassunto in questo slogan.."ridateci le ali e torneremo a volare!"

A presto, con immenso affetto. Lucia Masiello

Un camper per abitare la terraferma

Un nuovo messaggio per i soci ASPIC di da Lucia Masiello, Presidente ASPIC L’Aquila – 18 giugno 2009

Carissimi,
ho condiviso con voi le mie lacrime, ora desidero condividere un pò di rabbia che è in fondo l'energia che mi permette di andare avanti e ricostruire...e soprattutto voglio rendervi partecipi della nostra rinascita per la quale avete partecipato con il vostro affetto, sostegno e presenza. Vi apro una pagina del mio Diario..
Ore 8 parto da Roseto in direzione L'Aquila […] Ho un appuntamento con una paziente, che accoglierò sul camper ASPIC di Roma […] La terapia sarà svolta gratuitamente, poiché la mia paziente ha perso il lavoro e non può corrispondermi la parcella. […]
Sono di buon umore, il viaggio offre panorami stupendi, c'è il sole ed il Gran Sasso che mi saluta ricordandomi che "sono una piccola e forte roccia anch'io"...[…] Prima di uscire dal casello, faccio 45 minuti di fila. […] Comincio ad innervosirmi. Mi dirigo verso la splendida nuova Sede ASPIC...ahimè, vicina alla Sede in cui si terrà il G8 a Luglio. Trovo dei cantieri aperti...non per ricostruire i danni del terremoto, ma per  allargare ed asfaltare le strade in vista del grande evento. Il mio percorso è di nuovo rallentato da deviazioni varie. […] Arrivo con mezz'ora di ritardo al mio appuntamento, stanca, arrabbiata, sfiduciata.
Queste sono le condizioni di lavoro di una psicologa aquilana che si considera fortunata di appartenere ad una scuola ASPIC, che le ha donato tenda e camper in cui poter lavorare.
L'Ordine degli psicologi dov'è? […] L'Enpap? […] Altri Ordini professionali si sono attivati immediatamente per sostenere economicamente gli iscritti […]

Abbiamo perso tutto, anche la dignità di professionisti della salute mentale e della relazione d'aiuto.  I nostri pazienti continuano a riconoscerci un ruolo, ad affidarsi,  nonostante vedano i nostri visi stravolti e stanchi..nonostante li riceviamo nei posti più impensati, nonostante si rendano conto che spesso "stiamo peggio di loro"....e questo, così come il vostro affetto, ci fa andare avanti... tutti i nostri corsi (master, micro, corso selezione, corso di preparazione all'esame di stato, gruppo di evoluzione), sono di nuovo attivi con tutti i nostri allievi. Stiamo lavorando sodo e non intendiamo andare in crociera, come Berlusconi consiglia... poichè abbiamo bisogno di "terraferma" in tutti sensi e di qualche piccola, concreta certezza. Siamo grati per ciò che è stato fatto e consapevoli che c'è ancora tanto, tutto da fare.
Con grande gioia allego le foto della nostra sede, a testimonianza della forza dell'amore, del vostro. Queste sono autentiche, non sono quelle della TV!

Grazie a tutti. Lucia Masiello

Un nuovo modo di comunicare con il Coordinamento dei volontari

Al fine di garantire la massima circolarità e trasparenza delle informazioni abbiamo pensato di utilizzare il forum della community per lo scambio di comunicazioni in merito ai soccorsi in Abruzzo.

Ovviamente per garantire una certa riservatezza abbiamo dovuto limitare l’accesso all’area di discussione, che sarà aperta esclusivamente ai soci aspic.

Come accedere all’area riservata. Se sei già registrato o dopo averlo fatto, richiedi l’accesso all’area soci. Ricorda di comunicare “username” e la tua appartenenza all’ASPIC (specificando ad es. allievo del Master… della sede di… )

Attenzione: l’area riservata ai soci volontari è quella intitolata “Soccorsi in Abruzzo”; sono ancora attive la discussione aperta anche ai non soci nell'area Condividiamo, e la sezione “Coordinamento soccorsi in Abruzzo” riservata ai coordinatori dell'intervento.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento