Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


La pratica integrata

 

È online la recensione dell'articolo "Psychotherapy integration as practiced by experts" di Hickman, Arnkoff, Glass e Schottenbauer della Catholic University of America (Washington, DC).

Psicoterapia integrata

Dagli anni ’70 la popolarità degli approcci integrati in psicoterapia è progressivamente aumentata, determinando un proliferare di studi che hanno indagato tale pratica. Molte ricerche si basano sull’utilizzo di questionari attraverso cui sono esplorati gli orientamenti preferiti e più usati dagli psicoterapeuti. Hickman, Arnkoff, Glass e Schottenbauer hanno seguito questa linea di ricerca, esaminando il processo terapeutico riferito da clinici esperti in psicoterapia integrata. Oltre che proporre ai terapeuti un questionario sulle loro teorie di riferimento, i ricercatori hanno indagato la natura della relazione con un singolo paziente, così come è stata riferita dai terapeuti stessi.

Pazienti e terapeuti

La ricerca ha coinvolto 24 esperti in psicoterapia integrata (19 maschi e 5 femmine), con una media di attività psicoterapeutica di 31,9 anni.

I clienti selezionati dai terapeuti erano 14 uomini e 10 femmine. Il 66,7% aveva una diagnosi di depressione, il 54,2% di ansia, il 16,7% di disturbo bipolare (Asse I del DSM IV). Il 37,5% del campione aveva una doppia diagnosi. La maggior parte dei pazienti, inoltre, aveva anche una diagnosi relativa ad un disturbo di personalità (Asse II). Circa la metà del campione (54,2%) stava ricevendo contemporaneamente una cura con farmaci psicotropi.

Orientamenti teorici

Tra le teorie che influenzano la pratica degli psicoterapeuti, così come indicate dai partecipanti alla ricerca, la media più alta è stata ottenuta dall'approccio integrato/eclettico, seguita poi dall'approccio cognitivo-comportamentale e quello cognitivo.

Tra gli approcci psicodinamici, quello più seguito è risultato essere quello interpersonale, seguito dalla teoria dell'attaccamento e dall'approccio di Sullivan. Tra gli approcci umanistici, i maggiori riscontri sono stati registrati nella terapia esperienziale ed in quella centrata sul cliente.

Molteplici possibilità d'integrazione

Secondo gli autori, i risultati ottenuti indicano che l'etichetta "psicoterapia integrata" comprende una vasta scelta di influenze teoriche e possibili combinazioni. I dati mostrano che la maggior parte dei clinici integrati indica almeno un certo grado di influenza dagli approcci cognitivo-comportamentali, dinamici, umanistici e sistemico-relazionali.

I risultati riflettono l'esistenza di molteplici possibilità nella pratica dell'integrazione in psicoterapia, ma anche di notevoli caratteristiche comuni proprie dell'approccio integrato.

Leggi la recensione per saperne di più.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento