Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


La musica che rende buoni

 

Recensione a cura di Alessia D'Acunti

Un recente studio condotto da Tobias Greitemeyer (2009), ricercatore dell'Università del Sussex, ha rilevato che ascoltare certi tipi di musica aumenta i comportamenti prosociali, favorisce quindi lo sviluppo dell'empatia interpersonale e dei comportamenti d'aiuto.

L'importanza della musica

Come spiega Greitemeyer nel suo articolo "Effects of songs with prosocial lyrics on prosocial thoughts, affect, and behavior", l'esposizione alla musica svolge un ruolo importante nella nostra vita quotidiana. La gente spende una considerevole quantità di tempo ad ascoltare musica. Non solo la musica è un elemento centrale in una vasta gamma di eventi sociali, come ad esempio concerti e feste, ma spesso la dichiarazione delle proprie preferenze musicali è utilizzata per fornire informazioni sulla propria personalità (Rentfrow e Gosling, 2006).

La "musica prosociale"

Greitemeyer sottolinea che finora i ricercatori si sono concentrati sugli aspetti negativi dell'esposizione alla musica, mentre molto meno si sa sui possibili effetti positivi.

L'autore ha suddiviso in due gruppi i partecipanti alla sua ricerca. Ogni partecipante ha ascoltato due canzoni, una con testo in inglese e una con testo in tedesco. Il gruppo esposto alle canzoni con testi prosociali ha ascoltato ‘‘Love generation” di Bob Sinclair e ‘‘Kommt zusammen” dei 2raumwohnung, mentre il gruppo di controllo ha ascoltato ‘‘Rock this party” di Bob Sinclair e ‘‘Lachen und Weinen” dei 2raumwohnung.

I risultati hanno mostrato che l'ascolto di "musica prosociale", rispetto alla musica neutra, ha incrementato l'accesso ai pensieri ed ai comportamenti prosociali ed aumentato l'empatia.

L'influenza dei media sul comportamento

In passato numerose ricerche hanno dimostrato la possibilità dei media di influenzare negativamente il comportamento, ad esempio esponendo gli utenti a stimoli violenti che si associano poi con un aumento dell'aggressività.

Secondo Greitemeyer, la sua ricerca mostra che i media possono influenzare il comportamento anche in modo positivo. Così come per altre produzioni umane, il valore di un mezzo è dato dall'uso che si sceglie di farne.

Bibliografia

Greitemeyer, T. (2009). Effects of songs with prosocial lyrics on prosocial thoughts, affect, and behavior. Journal of Experimental Social Psychology, 45, 186-190.

Rentfrow, P. J., & Gosling, S. D. (2006). Message in a ballad: The role of music preferences in interpersonal perception. Psychological Science, 17, 236-242.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento