Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Classi sociali e terapia

È online la recensione dell’articolo “The weight of class” di Jane Balmforth (2009) della University of Strathclyde (Glasgow). L’articolo presenta una ricerca qualitativa sull’influenza delle differenze di classe sociale tra terapeuta e paziente nella relazione terapeutica. Fornendo interessanti implicazioni per la pratica clinica, come l'importanza per terapeuti, supervisori e formatori di esplorare il proprio background socioculturale, i risultati dimostrano che la consulenza non si sviluppa in un vuoto ideologico, ma risente del contesto di origine dei due partner.

Classi sociali e terapia

Negli ultimi anni il concetto di classe sociale sembra essere poco di moda e in qualche modo politicamente scorretto. Tuttavia, osserva Balmforth, nonostante oggi si tenda a pensare la società occidentale come priva di classi, la classe sociale ha ancora un impatto enorme sulla vita delle persone. Essa determina in larga parte la nostra educazione, l'occupazione, la salute mentale e fisica (Adonis e Pollard, 1997; Argyle, 1994; Isaac, 2006; Pilgrim, 1997).

Per quanto riguarda il benessere psicologico, è stato già rilevato che i membri delle classi popolari hanno più probabilità di essere diagnosticati come affetti da qualche malattia mentale di quelli appartenenti alle classi medie (Bromley, 1983; Joseph Rowntree Foundation, 2007; Pilgrim, 1997). Tuttavia, sostiene Balmforth, una persona della classe operaia ha meno probabilità di accedere al counselling e alla psicoterapia.

La voce dei clienti

L'articolo di Jane Balmforth è teso a dar voce all'esperienza dei clienti, indagando il vissuto di sette terapeuti, facendo riferimento alla loro terapia personale realizzata durante la formazione.

A ciascun soggetto è stato chiesto di definire la propria classe sociale e quella del proprio psicoterapeuta. Attraverso l’intervista, la ricercatrice ha cercato di comprendere se i soggetti avessero mai avuto la sensazione che la differenza di classe sociale con il proprio terapeuta avesse influito sulla relazione terapeutica.

Tra gli intervistati, sei si sono definiti come appartenenti alla classe operaia ed hanno identificato il loro terapeuta come appartenente al ceto medio, mentre una persona si è definita come appartenente al ceto medio ed ha identificato la sua terapeuta come appartenente alla classe operaia.

L'impatto delle differenze di classe sulla relazione

Come nota Jane Balmforth, tutti gli intervistati della classe operaia hanno percepito negativamente la differenza di classe sociale. Lo squilibrio di potere è stato alla base dell'esperienza di questi clienti, anche quando è stato espresso apertamente nella relazione. Da parte loro, la differenza è stata individuata maggiormente nella capacità dei clinici di comprendere le diverse esperienze di vita, le diverse possibilità di accesso alle opportunità e l'influenza delle restrizioni economiche sulle scelte di vita. Secondo l'autrice, le disuguaglianze sociali percepite all'esterno del setting sono state riprodotte all'interno della relazione terapeutica. Gli intervistati, quindi, sentivano i loro terapeuti arroccati sulle loro cornici di riferimento, incapaci di immaginare altri modi di essere e comunicare.

Leggi la recensione per saperne di più.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Counseling e coaching per psicologi