Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Ferie finite... che stanchezza!

 

Per tutto l'anno aspettiamo con desiderio il momento delle ferie per poterci godere, finalmente, le meritate vacanze. Le immaginiamo per giorni, le organizziamo al meglio e infine le viviamo con l'entusiasmo dei bambini. Al rientro, però, capita spesso di sentirsi più stanchi e stressati di prima. La routine quotidiana pesa più del solito e si colora di una vaga tristezza.

Staccare la spina

"Staccare la spina" per qualche giorno è essenziale per il proprio benessere, permette di ricaricarsi per poi ricominciare ad affrontare la propria normalità, comprese le piccole e le grandi difficoltà che fanno parte della vita di ogni persona. A volte, però, lo stacco con la quotidianità vivacizza le piacevoli esperienze estive e le pone in netto contrasto con la vita di tutti i giorni. A molti piacerebbe poter essere per sempre un turista.

Post Vacation Blues

La tristezza da rientro, definita "post vacation blues", non è una novità ed è possibile rintracciare articoli che parlano degli effetti negativi delle vacanze già dagli anni ’80 (Lawrence, 1982; Baier, 1987). I sintomi individuati sono: stanchezza, perdita di appetito, nostalgia e, nel peggiore dei casi, depressione.

Negli ultimi anni è aumentata l'attenzione che si pone a questo disagio post-vacanza, lasciando pensare che il fenomeno sia ormai particolarmente sentito dalle persone.

Qualche suggerimento

I suggerimenti per gestire e risolvere la post vacation blues riguardano principalmente la rivalorizzazione della propria quotidianità ed il prendersi cura del proprio benessere psicofisico (Spiegel, 2010; Barnhill, 2010).

Il consiglio più efficace è quello di riprendere le proprie attività con gradualità, prevedendo qualche giorno di pausa tra le vacanze ed il rientro a lavoro. È importante non tornare velocemente ai ritmi invernali e prepararsi con calma al giorno del rientro, magari formulando dei piccoli obiettivi a breve termine.

La propria quotidianità può essere rivalorizzata vivendo le proprie abitudini come piacevoli riti, indugiando sui piccoli piaceri e lasciando opportuno spazio ai propri interessi.

È infine utile affrontare l’argomento con parenti e amici, in modo da poter condividere con loro il proprio disagio e contemporaneamente poter ricordare e un po’ rivivere i momenti più belli delle proprie vacanze.

 

Bibliografia

Baier, M. (1987). The 'holiday blues' as a stress reaction. Perspectives in Psychiatric Care, 24(2), 64-68.

Lawrence, M. (1982). Don't let the holiday blues get employees down. Personnel Journal, 61(12), 898-901.

Spiegel, J. (2010). Post-vacation blues: integrating your trip into the rest of your life, consultato su Psychology Today all'indirizzo: http://www.psychologytoday.com/blog/mind-tapas/201003/post-vacation-blues

Barnhill, F. (2010). How to Avoid Stress and Depression After the Holidays, consultato su Self-Growth.com all'indirizzo: http://www.selfgrowth.com/articles/How_to_Avoid_Stress_and_Depression_After_the_Holidays.html

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Tag: questa pagina non contiene tag.


Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Counseling e coaching per psicologi