Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


L'ottimismo fa bene alla salute

È online l’articolo di Silvia Serino sugli effetti positivi dell’ottimismo sulla salute fisica. 

Sviluppare la capacità di affrontare le inevitabili difficoltà della vita con un atteggiamento ottimista, realistico e non ingenuo è un’importante risorsa per l’individuo. A partire dalla distinzione tra ottimismo attribuzionale e disposizionale, Serino evidenzia i principali effetti benefici dell’ottimismo sulla saluta fisica, sul benessere psicologico, sulla gestione dello stress e delle emozioni ad esso correlato.

L’ottimismo

Voltaire (1964-1778), ne “Il Candido o l’ottimismo” (1759), una delle sue opere più celebri, si chiedeva, con una buona dose di sarcasmo, “Se questo è il migliore dei mondi possibili, gli altri, cosa sono?”. Perché non è facile essere ottimisti, soprattutto senza diventare ingenui. Come sottolinea Anolli (2005), l’ottimismo in sé non è un concetto né positivo né negativo: mentre l’ottimismo “realistico” svolge un’importante funzione adattiva e ha effetti rilevanti per il benessere del soggetto, l’ottimismo “irrealistico” o “ingenuo” o “comparativo” (Weinstein e Klein, 1996) porta a convinzioni eccessivamente semplicistiche, della serie “tutto andrà bene”, obbliga all’autoinganno, favorisce forme di pensiero infantile e magico e ha effetti negativi sulla salute psicologica e fisica.

Un alleato per la salute

Numerose ricerche hanno dimostrato come gli ottimisti abbiano aspettative di vita più lunghe dei pessimisti: secondo alcuni autori, ciò dipende dal fatto che l’ottimismo influisce direttamente sul sistema immunitario, con un significativo aumento dei leucociti (Kamen- Siegel, Rodin, Seligman, Dwyer, 1991). All’interno di questa prospettiva, da alcune recenti ricerche emerge come avere un atteggiamento mentale ottimista nei confronti delle esperienze di vita porta ad una diminuzione della pressione sanguigna e del colesterolo (Danner, Snowdon e Frieser, 2001; Friedman et al., 1992; Maruta et al., 2000). Secondo altri autori, invece, essere ottimisti ha effetti benefici sulla salute fisica perché permette di conservare un umore positivo (Weisse, 1992) e conduce all’adozione di abitudini di vita salutari (Peterson et al., 1998).   Allo stesso modo, l’ottimismo influenza in modo profondo il benessere della mente umana (Anolli, 2005), generando, infatti, un rilevante aumento del livello di benessere soggettivo, sia in termini di soddisfazione di vita sia di condotte emotive positive (Diener e Diener, 1995).

Leggi l’articolo per saperne di più.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Counseling e coaching per psicologi