Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


L'Epifania...

di Alessia D'Acunti.

Dopo quasi tre settimane di intervallo, il rientro a scuola può essere faticoso per bambini e adolescenti.

La corsa per finire gli ultimi compiti, la vaga tristezza per la fine delle vacanze natalizie e la ripresa dei consueti ritmi scolastici possono essere gestiti in modo da minimizzare lo stress e godere dei benefici del riposo natalizio.

Qualche semplice suggerimento

Secondo Elizabeth Scott (2009), esperta in counselling, terapia della famiglia e psicologia della salute, il rientro a scuola è stressante sia per i figli che per i genitori. La professionista americana suggerisce qualche piccolo accorgimento per preparare tutta la famiglia alla fase di rientro dalle ferie estive, ma con qualche piccola modifica i suoi consigli possono essere utili anche per il rientro dalle feste di Natale.

Cominciare prima

Spesso si rimane nel caos natalizio fino all'ultimo giorno di vacanza: orari diversi rispetto alla propria routine, rientri dalle ferie dell'ultimo minuto, alimentazione "selvaggia" e così via. Cominciare a rientrare nella propria quotidianità con qualche giorno d'anticipo può rendere il rientro a scuola meno traumatico sia per i bambini che per i genitori.

Shopping scolastico

Può essere utile comprare ai propri figli qualche oggetto scolastico che desiderano, ad esempio la penna del loro eroe preferito. Potrebbe essere proprio la Befana a mettere nella calza questo regalo in grado di catturare l'interesse dei ragazzi.

Parlare

Sono molti i motivi che potrebbero spingere un bambino o un adolescente lontano dalla scuola. È importante cercare di parlare con i propri figli per poter cogliere e comprendere i segnali di disagio e poterli poi eventualmente aiutare. I ragazzi devono sentire di poter contare sul supporto dei propri genitori per potersi fidare di loro.

Note sull’autore

Alessia D’Acunti, psicologa, è specializzanda in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata presso l’ASPIC. Svolge la professione di psicologo, presta servizio presso l’AIMaC (Associazione Italiana Malati di Cancro, Parenti e Amici) ed è il referente news dello Staff di aspicpsicologia.org.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento