Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


Che sorpresa!

Con l’approssimarsi della Pasqua, le uova di cioccolata colorano festose le botteghe ed i supermercati, tentando la gola e stuzzicando la curiosità con le sorprese in esse contenute.

Non sono solo i bambini, infatti, a lasciarsi intrigare dai regali celati dalle uova. Il mistero dell’oggetto da scoprire coinvolge anche i più grandi, lasciando spazio alla più breve delle emozioni: la sorpresa.

La sorpresa

La sorpresa è generalmente ritenuta una delle emozioni fondamentali (Tomkins, 1962; Plutchick, 1962; Izard, 1972; Ekman, 1973). Si tratta quindi di un'emozione che (Ekman, 1992):

  • ha segnali caratteristici e universali, cioè uguali in ogni cultura;
  • risponde a peculiari reazioni fisiologiche;
  • ha un inizio rapido ed una breve durata;
  • è presente in altri primati;
  • è sottoposta ad una valutazione automatica da parte della persona;
  • ha un'insorgenza spontanea.

La sorpresa è l’emozione più breve. Se abbiamo il tempo di pensare a cosa sta accadendo, allora non siamo più sorpresi. Appena abbiamo il tempo di valutare l’evento, passiamo ad un'altra emozione, che può essere la gioia, l'imbarazzo, la felicità, la tristezza, la paura e via dicendo.

La mimica della sorpresa

Come ogni emozione, la sorpresa ha una sua mimica peculiare (Russel e Fernández Dols, 1998):

  • le sopracciglia sono sollevate e incurvate;
  • la pelle sotto il sopracciglio è stirata;
  • rughe orizzontali attraversano la fronte;
  • le palpebre sono aperte, quella superiore sollevata e l’inferiore abbassata;
  • il bianco degli occhi è visibile sopra l’iride e, spesso, anche sotto;
  • la mascella si abbassa, cosicché labbra e denti si dischiudono, ma non c’è tensione o stiramento della bocca.

Poiché l’esperienza della sorpresa è breve ed è seguita quasi sempre da un’altra emozione, il volto mostra spesso una miscela o un susseguirsi di due emozioni. Così, mentre qualcuno scoprirà il regalo nel proprio uovo di Pasqua, sarà possibile osservare le sopracciglia alzate (che segnalano la sorpresa) accompagnate dal sorriso (che segnala la gioia) o dagli angoli della bocca rivolti verso il basso (che segnala la delusione).

Riconoscere le emozioni

Saper riconoscere le emozioni degli altri permette di costruire e mantenere delle relazioni autentiche, basate sullo scambio e sul confronto. Si tratta di una competenza essenziale della capacità di convivenza, che permette di regolare il proprio comportamento tenendo conto di quello degli altri e di essere empatici.

Purtroppo la capacità di comprendere le emozioni altrui viene spesso sottovalutata e, generalmente, non viene insegnata in modo esplicito. Ad eccezione dei "professionisti del settore", come psicologi, psicoterapeuti e counsellor, sono pochi quelli che ricevono una formazione in tal senso. Eppure "la capacità di saper leggere e decodificare i segnali del volto di chi abbiamo di fronte, diminuisce il rischio di incomunicabilità e rende più efficace ed efficiente l’interazione, anche se limitata nel tempo: le facce parlano anche quando sono in silenzio o appaiono prive di espressività" (Giusti e Cadamuro, 2008, p. 40).

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Centro di Ascolto e Orientamento