Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.


La “ricarica” delle vacanze

Dopo le ferie ci sentiamo “ricaricati” e pronti a ricominciare: lavoro, scuola, piccole e grandi abitudini quotidiane possono essere riprese con energia ed entusiasmo, ma quanto dura la “ricarica” delle vacanze estive?

Secondo Jana Kühnel e Sabine Sonnentag (2011), i benefici delle ferie possono essere goduti per un mese, prima del loro inevitabile declino. Le due ricercatrici dell’Università di Konstanz, in Germania, hanno intervistato 131 insegnanti rilevando che questi mostrano un impegno lavorativo significativamente più alto e degli indicatori di burnout significativamente più bassi al rientro delle vacanze rispetto al periodo precedente le ferie. Tuttavia, questi effetti benefici si disperdono entro un mese dal rientro.

L’importanza delle ferie

Le ferie, definite come il lasso di tempo in cui si è in pausa dal lavoro, sono diventate un argomento di grande interesse per le scienze aziendali (Lounsbury e Hoopes, 1986). Le ferie, infatti, permettono di riposarsi dalle continue richieste a cui si è sottoposti nei periodi lavorativi e di ricostituire le risorse del lavoratore, in modo da prevenire e ridurre le tensioni e le situazioni di stress in ambito lavorativo (Eden, 2001). 

Come si esaurisce la “ricarica”?

Diversi studi hanno evidenziato gli effetti positivi della vacanza sul benessere del lavoratore e sulle sue prestazioni (ad esempio Etzion, 2003), ma hanno anche indicato la natura transitoria di questi effetti. Gli indicatori di benessere, infatti, tendono a tornare ai livelli “pre-ferie” dopo qualche settimana dal rientro. 

I fattori che disperdono in fretta gli effetti benefici delle vacanze non sono ancora stati individuati. Per quanto riguarda gli insegnanti intervistati, Kühnel e Sonnentag hanno colto gli effetti dovuti alla pressione data dalla mancanza di tempo (dover lavorare di fretta) e alla cattiva condotta degli allievi.

Al contrario, riuscire a preservare dei momenti e degli spazi di relax durante la settimana lavorativa, potrebbe favorire il persistere degli effetti benefici delle vacanze.

Bibliografia

Eden, D. (2001). Vacations and other respites: Studying stress on an off the job. In C. L. Cooper, & I. T. Robertson (Eds.), International review of industrial and organizational psychology (Vol. 16, pp. 121–146). New York: Wiley.

Etzion, D. (2003). Annual vacation: Duration of relief from job stressors and burnout. Anxiety, Stress and Coping: An International Journal, 16, 213–226.

Kühnel J. e Sonnentag S. (2011). How long do you benefit from vacation? A closer look at the fade-out of vacation effects Journal of Organizational Behavior, 32, 125–143.

Lounsbury, J.W.,& Hoopes, L. L. (1986). Avacation from work: Changes in work and nonwork outcomes. Journal of Applied Psychology, 71, 392–401.

Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons.

Tag: questa pagina non contiene tag.


Commenti

Non ci sono commenti

Nessun commento a questa pagina.

Inserisci tu il primo commento usando il form qui sotto.


Aggiungi commento

Legenda Privacy

Copia il codice riportato nell'immagine.


Counseling e coaching per psicologi