Adozione e Scuola

aspic adozione famiglia scuolaA cura di Roberta Manca

La scuola, condivide con la famiglia un importante ruolo educativo, incarnando nel suo essere il principio materno con l’accoglienza e la comprensione e quello paterno con la norma e la regola. 

Questa organizzazione sociale è per il giovane un ambiente “di prova” nel quale il ragazzo sperimenta e, solitamente, compie le prime trasgressioni, funzionali anche alla comprensione delle regole sociali.

È nella scuola, inoltre, che il ragazzo dovrebbe trovare le giuste sinergie per il suo processo evolutivo.

Nel processo di affiliazione dei ragazzi adottati il contesto scolastico riveste un ruolo decisivo, agevolando in modo determinante la  buona riuscita del processo adottivo.

È necessario, pertanto, che la scuola diventi sempre più preparata sul tema “adozione”, distogliendo l’attenzione da generalizzazione e sottovalutazioni.

I ragazzi che hanno subito esperienze affettive deludenti sviluppano solitamente diffidenza e chiusura ed è importante che il docente  com-prenda il vissuto, che si prepari per ascoltare la difficoltà con empatia e accettazione, accentando le storie, ed eventualmente co-lavorando  con la famiglia adottiva sulla costruzione di  queste.

È necessario avere competenze oltre che teoriche anche relazionali, capaci di garantire quella “necessaria  accoglienza”, che si configura come  uno strumento preventivo rispetto ai successivi percorsi formativi.

Per favorire l’apprendimento, inoltre, è necessario che l’ambiente formativo sia prevedibile e sereno.

L’adozione generalmente scatena fantasmi di abbandono e pre-giudizi potenzialmente capaci di inquinare nell’educatore la visione del bambino e della sua storia, alimentando letture errate di comportamenti.

Tale situazione diventa ancora più rilevante con l’entrata nell’adolescenza dove al ragazzo viene chiesto qualcosa di più: allontanarsi dalla famiglia e rivolgersi verso nuovi vincoli extra-famigliari.

Il ragazzo adottato oltre ad avere il bisogno di due figure genitoriali “sufficientemente buone” ha il bisogno di creare una immagine di sé positiva, sperimentando nel contesto di appartenenza affetto e fiducia.

Tale condizione lo potrà sostenere  nel raggiungimento di un buon livello di  adattamento sociale. 

Questo dovrebbe essere l’obiettivo dell’educatore: promuovere la personalità del bambino e del ragazzo  favorendo una elaborazione del passato e una visione ottimistica realistica del futuro.  

Per i ragazzi avere nel contesto sociale la presenza di figure adulte significative nutrienti, diverse dai genitori, e una rete sociale di supporto, rappresenta la possibilità di contrastare eventuali situazioni di disagio (fattori di rischio),  preservando l’equilibrio psicofisico. 

Sarebbe auspicabile creare nella scuola un anello di congiunzione tra i ragazzi e le loro famiglie, al fine di  poter condividere significati e strategie comuni rivolti al superamento delle differenze e dei preconcetti che, ancora oggi, vengono rivolti al mondo adottivo.

In questa ottica sono state promosse dal MIUR le Linee guida che invitano le Scuole a nominare una figura di riferimento, con l’obiettivo di creare un saldo  ponte relazionale tra i diversi soggetti interessati e nuovi progetti specifici. 

Riferimenti Bibliografici

  • Botta Livia, (2014), Percorsi formativi nazionali per le adozioni internazionali. Istituto degli Innocenti, Firenze.
  • Chistolini Marco, (2010), La famiglia adottiva, Come accompagnarla e sostenerla. Franco Angeli, Milano.

Roberta Manca

Psicologa, Psicoterapeuta in formazione presso la Scuola di Specializzazione ASPIC. Specializzata in dinamiche di coppia e nel sostegno genitoriale,  è esperta nei temi inerenti l’infertilità, l’adozione e la procreazione medicalmente assistita. Da diversi anni conduce gruppi di empowerment al femminile e di drammaterapia. Si occupa, inoltre, della dipendenza da Internet, ritiro sociale e cyberbullismo. 

È referente del gruppo di lavoro  ASPIC PSICOLOGIA PER L'ETA' EVOLUTIVA E LA FAMIGLIA . Afferisce al Centro d'Ascolto Psicologico (C.A.P.) Gratuito di ASPIC PSICOLOGIA.

Pubblicato il 06/02/2017 alle ore 06:35

Adozione (1), Famiglia (1), Scuola (1)

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
progetto casa del municipio VIII roma

La Casa del Municipio Roma VIII: un luogo per i diritti

L'Aspic aderisce al progetto del Municipio VIII per offrire la propria professionalità al servizio dei cittadini in tema di: diritti al lavoro, diritti delle donne, diritto al benessere e alla salutogenesi.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 13:10 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
International Dictionary of Psychotherapy

International Dictionary of Psychotherapy

I'm glad to inform you that the International Dictionary of Psychotherapy has been published by Routledge: tra i modelli e i contributi presenti quelli di Edoardo Giusti e Claudia Montanari.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 10:19 da florinda [email protected] Archiviato in: Ricerca scientifica

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.