Disturbi del Comportamento Alimentare

a cura di Valentina Comiti e Marta Di Grado

Perchè il cibo è la mia prigione?

disturbi del comportamento alimentareQuando mi dicono:  ‘Come stai bene!’ vorrei sprofondare sotto terra perché significa che sono grassa”;  “Mi sento enorme, ingombrante, vorrei essere invisibile”; “Sono ossessionata dal mio peso, penso costantemente al numero della bilancia e qualunque cosa mangio ho il terrore che quel numero aumenti e mi sento in colpa, uno schifo.”.

Questi sono alcuni dei vissuti angosciosi e maggiormente ricorrenti nella vita di una persona affetta da un disturbo del comportamento alimentare. Una vita dominata costantemente dal pensiero del cibo, delle calorie, del peso, da sentimenti di inadeguatezza.

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono condizioni psicopatologiche in cui sono presenti forti preoccupazioni circa il proprio peso, la forma del corpo e comportamenti disfunzionali rispetto alle abitudini alimentari. I pazienti con DCA presentano, nella maggior parte dei casi, scarsa consapevolezza del disturbo.

I Disturbi del Comportamento Alimentare: Anoressia Nervosa, Bulimia Nervosa e Disturbo da Binge Eating

I principali Disturbi del Comportamento Alimentare sono:

  • Anoressia Nervosa
  • Bulimia Nervosa
  • Disturbo da Binge Eating

Secondo la classificazione dei disturbi alimentari del DSM 5, l’Anoressia nervosa è caratterizzata da: restrizione nell'assunzione di calorie che conduce a peso corporeo significativamente basso; intensa paura di ingrassare; comportamento persistente che interferisce con l'aumento di peso; alterazione del modo in cui viene vissuta la forma del proprio corpo.

La Bulimia nervosa, invece, è caratterizzata da ricorrenti episodi di abbuffata, ossia assunzione in un determinato periodo di tempo di una quantità di cibo significativamente maggiore di quella che la maggior parte degli individui assumerebbe nello stesso tempo e in circostanze simili, e dalla sensazione di perdere il controllo. Il peso dei soggetti che soffrono di questo disturbo è nella norma o può presentarsi un lieve sottopeso o sovrappeso Inoltre sono frequenti inappropriate condotte compensatorie (vomito, lassativi, eccessiva attività fisica) per prevenire l'aumento di peso. I comportamenti compensatori generano un forte senso di vergogna, non solo in riferimento alla propria immagine riflessa allo specchio, percepita continuamente come inadeguata, ma anche rispetto alle quantità di cibo ingerite. Esiste, infatti, una stretta connessione tra cibo ed emozioni: tristezza, solitudine, rabbia, spingono a mangiare di più al fine di tollerare tali emozioni, ma subito dopo ci si sentirà insoddisfatti, e il circuito si ripeterà ancora e ancora. In entrambi i disturbi, i livelli di autostima sono eccessivamente influenzati dalla forma e dal peso del corpo.

Il Disturbo da binge-eating è anch’esso caratterizzato da abbuffate, che avvengono anche in assenza di appetito e in tempi particolarmente rapidi fino a uno stato di sgradevole pienezza. La persona è quindi obesa o in sovrappeso, e le abbuffate vengono messe in atto in solitudine (per l’imbarazzo del quantitativo di cibo) e culminano in uno stato di disgusto verso se stessi e forti sensi di colpa. Non sono associate a condotte compensatorie.

I DCA e la famiglia del paziente

anoressiaSecondo l’orientamento sistemico-relazionale, il paziente con disturbo alimentare esprime un disagio che nasce e si consuma all’interno della famiglia d’origine. Secondo Selvini Palazzoli (1988), la paziente o il paziente anoressico ha vissuto in famiglia un imbroglio relazionale: è stato coinvolto da un genitore in dinamiche di coppia mirate a ferire l’altro genitore. Il figlio si sente quindi ingannato e strumentalizzato. Ovviamente, in questi movimenti relazionali i genitori non agiscono con la finalità cosciente di far “ammalare” il figlio, ma sono così immersi nei problemi col partner o familiari da non riuscire a tutelarne il benessere.

Secondo la Selvini Palazzoli, il processo che culmina con la malattia inizia con una fase di stallo di coppia tra i genitori. Il figlio o la figlia viene coinvolto in questo empasse, divenendo il  preferito dell’uno o dell’altra. Con l’avvento dell’adolescenza, la futura paziente (l’Autrice si riferisce prevalentemente a un soggetto femminile) si avvicina al padre, che lei vede come una vittima, anch’egli, della madre, con la quale la figlia vive un forte antagonismo. Solitamente a questo punto avviene la dieta, un evento che è in parte frutto dell’esigenza di differenziarsi dalla madre, di rendersi estremamente diversa e autonoma rispetto a lei - assumendo il pieno controllo su di sé e sul proprio corpo - in parte una sfida. Successivamente si verifica  il “voltafaccia paterno”: la figlia si sente tradita dal padre, che agli occhi della figlia si è coalizzato con la madre. A quel punto la paziente mette in atto il sintomo alimentare, un comportamento che segnala il proprio malessere in maniera lampante, attraverso le trasformazioni palesi di un corpo che, in maniera ambivalente, da una parte richiede attenzione e cura, dall’altra le rifiuta. L’individuo a quel punto sperimenta l’incredibile potere conferito dal sintomo, che modificherà gli equilibri relazionali della famiglia e che consentirà in qualche modo di riconquistare la posizione privilegiata dell’infanzia (Selvini Palazzoli, 1988).

Una questione di controllo: il messaggio che si veicola con il cibo

Rimanendo nella cornice sistemico-relazionale, secondo Valeria Ugazio (1998), il disturbo alimentare nasce in famiglie il cui tema preponderante è quella del potere. Il messaggio che viene trasmesso implicitamente è che si è vincenti proprio perché si è determinati, si ha controllo di sé stessi e degli altri, mentre si è perdenti perché si è passivi, arrendevoli, in balia delle sopraffazioni degli altri. L'anoressica diventa l’estremizzazione dell'individuo vincente; per gli obesi, invece, la loro imperfetta forma fisica è la conferma tangibile del fallimento a cui conducono la loro passività, arrendevolezza e mancanza di autocontrollo.

Potremmo quindi vedere l’anoressia come il tentativo di dimostrare, agli altri e a se stessi, la propria autosufficienza: l’anoressica non ha bisogno di niente e nessuno, né di cibo né di cure. È l’illusione di tenere sotto controllo tutto ciò che riguarda se stessi - il cibo, le calorie, il corpo - di sperimentare la propria onnipotenza e la propria vittoria - sugli istinti, sulla fame, sulla richiesta d’affetto.

Il soggetto affetto da bulimia o binge eating invece è una persona che tende a perdere il controllo, che non riesce a gestire le emozioni, impulsivo. Incapace di regolare e gestire i propri vissuti emotivi, si scaglia sul cibo per non pensare e per non sentire, per stordirsi. Qualunque malessere o frustrazione viene riversata a tavola, tentando col cibo di riempire un vuoto mentale (il malessere non viene elaborato in modo riflessivo) e/o affettivo (siamo spesso in presenza di una carenza di amore), punendosi.

Come intervenire in un quadro così complesso?

obesitàNel modello Pluralistico Integrato gli obiettivi terapeutici principali sono tre (Spalletta, 2010):

  • Ripristino di uno stato di salute soddisfacente attraverso l'assunzione di abitudini regolari circa l'alimentazione e l'eliminazione di comportamenti disfunzionali come l'abitudine di osservarsi e specchiarsi continuamente e il controllo compulsivo delle quantità di calorie contenute nel pasto. Questo è possibile attraverso un lavoro di equipe che coinvolga diverse figure quali il medico e il dietista, oltre il terapeuta.
    Questa fase del percorso terapeutico è caratterizzata da interventi di accoglienza empatica, informazione circa i disturbi, la motivazione al cambiamento e la costruzione di fiducia e alleanza terapeutica. Inoltre, è importante coinvolgere la famiglia nel trattamento poiché, nella maggior parte dei casi, tale contesto tende a configurarsi come fattore di mantenimento del disturbo in presenza di modalità relazionali invischianti e controllanti. In questo caso, i genitori vengono indirizzati verso gruppi psicoeducativi di supporto alla genitorialità o verso un trattamento familiare.
  • Il miglioramento della percezione di sé, promuovendo la consapevolezza dei fattori comportamentali che mantengono il disturbo e il riconoscimento dei pensieri disfunzionali che sottendono le decisioni e i comportamenti.
    L'obiettivo, in questa fase, è quello di liberare l'autostima dal vincolo del peso attraverso il recupero o la costruzione di un'identità corporea positiva. Si lavora sul concetto di sé ponendo l'attenzione sull'autoconsapevolezza e il nutrimento di sé.
  • Il miglioramento delle relazioni interpersonali, attraverso lo sviluppo di competenze comunicative, emozionali e di avvicinamento e intimità con l'altro.
    Parallelamente è fondamentale operare un lavoro esplorativo ed espressivo sulle emozioni, ovvero individuare il nucleo ansioso e depressivo celato dalla preoccupazione per il cibo, promuovendo la capacità di tollerare la frustrazione, l'autocontenimento e l'autoregolazione.
    Inoltre, il lavoro profondo sulla personalità permette di individuare le aree di vulnerabilità, e quindi di rischio per eventuali ricadute, per operare una riparazione sulle ferite traumatiche del passato che impediscono la piena realizzazione del potenziale individuale nel presente. 

In conclusione...

In conclusione, il disturbo alimentare necessita di un intervento terapeutico per lavorare sulle aree della gestione delle emozioni, della percezione e della stima di sé, delle cognizioni disfunzionali, delle relazioni dentro e fuori la famiglia.

Il rapporto col cibo è infatti una metafora di un malessere molto più profondo e radicato, che tiene in ostaggio la vita del paziente, intrappolato tra schemi mentali, rituali, condotte auto-lesive.

Oltre al percorso psicologico, anche l’ipnosi può essere un valido strumento, soprattutto con la bulimia: tramite ipnosi, infatti, è possibile abbassare gli stati d’ansia che precedono e culminano nell’abbuffata,  favorendo una regolazione emotiva.

La psicoterapia ha lo scopo di costruire un rapporto più sano con se stessi e col mondo, imparando a tracciare intorno a sé confini definiti e a sottrarsi a dinamiche relazionali insalubri e trovando nuove fonti di gratificazioni nella propria vita: desideri, passioni, obiettivi.

Bibliografia

Giusti E., Menici F. (2016). Il trattamento dell'immagine corporea, Sovera, Roma

Selvini Palazzoli M., Cirillo S., Selvini M., Sorrentino A.M. (1988). I giochi psicotici nella famiglia, Raffaello Cortina, Milano

Spalletta E. (2010). Cibo per vivere ...vivere per il cibo, Sovera, Roma

Ugazio V. (1998). Storie permesse, Storie proibite, Bollati Boringhieri, Torino

Note sugli autori

Valentina Comiti. Psicologa, Psicoterapeuta in formazione presso la Scuola di Specializzazione ASPIC. Referente dell'area ASPIC PSICOLOGIA PER L'ANSIA E LE FOBIE. Svolgo attività di libera professionista a Roma e lavoro come formatrice in diverse città d'Italia tenendo corsi sull'analisi scientifica delle espressioni facciali e del comportamento non verbale. Mi occupo di consulenza clinica individuale e di gruppo nell'età adulta, in particolare nel trattamento di ansia, disturbi dell'umore, problemi relazionali, conflitti e potenziamento della comunicazione. Sono operatrice e insegnante di Training Autogeno per l'intervento nei disturbi d'ansia, insonnia e problematiche psicosomatiche. Mi occupo anche dell'intervento in adolescenza, in particolare nel trattamento dei disturbi dell'apprendimento attraverso l'integrazione di tecniche di studio rapido e creativo. Nella mia visione Il percorso terapeutico è un viaggio alla scoperta delle proprie risorse. Uno spazio relazionale in cui affrontare zone d’ombra e trasformare quelle modalità che riconosciamo ricorrenti e frustranti in punti di forza e consapevolezza. Aderisce al Centro d'Ascolto Psicologico (CAP) Gratuito di ASPIC PSICOLOGIA. 

Marta Di Grado. Psicologa clinica e della famiglia, si è formata a Firenze e a Torino e al momento lavora a Roma: si occupa di età evolutiva ed età adulta, ed in qualità di ipnotista (formata presso Accademia Italiana di Ipnosi Clinica Rapida, Torino) utilizza tecniche di visualizzazione e ipnosi per aiutare la persona ad acquisire una maggiore padronanza delle proprie potenzialità mentali. Presso il Policlinico Umberto I e nel privato - in particolare con i disturbi d’ansia, le difficoltà relazionali e in ambito alimentare - effettua percorsi di consulenza psicologica e di crescita personale e conduce gruppi di auto-ipnosi. Lavora con l’Istituto Walden (nel settore autismo) e ha lavorato col Telefono Azzurro nell'ambito di un progetto internazionale. Scrive articoli per giornali online e cartacei. Collabora con il Centro d'Ascolto Psicologico (CAP) di ASPIC PSICOLOGIA.

Pubblicato il 10/01/2018 alle ore 09:54

Condividi

Commenti

Beatrice in data 10/01/2018 alle ore 19:30:08 ha scritto:
Il primo articolo che mi ha aperto la mente e che spiega in modo molto comprensivo il perché di questi comportamenti e come poterli affrontare. Se possibile mi consigliereste un professionista a Piacenza che mi possa aiutare? Grazie in anticipo...Beatrice
ASPIC PSICOLOGIA in data 12/01/2018 alle ore 12:18:01 ha scritto:
Cara Beatrice, siamo lieti che tu abbia trovato l'articolo utile e interessante. E ti ringraziamo per il bel feedback che ci hai voluto fornire. Ti contatteremo via email per fornirti informazioni in merito alla tua richiesta. A presto

Aggiungi commento

L'Aspic all'Expò del sociale 2019

Vieni a trovarci all'Expò del Sociale a Roma, sabato 18 maggio, presso le sale della sede del Municipio VIII, un modo per conoscerci e conoscere il mondo del sociale presente nella nostra città.

Pubblicato il 15 maggio 2019 alle ore 17:55 da redazione Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC
Corso DSM-5 Aspic Psicologia Napoli - Avellino

Il DSM-5: il 22 giugno a Napoli

Riserva il tuo posto al corso  "DSM-5: nuove classificazioni e diagnosi" che si terrà il 22 giugno 2019 presso la sede Aspic di Napoli - Avellino

Pubblicato il 14 maggio 2019 alle ore 16:57 da redazione Archiviato in: Sezioni Territoriali
esame di stato

Esame di Stato per psicologi: corso di preparazione gratuito a Roma

Inizia il 5 aprile il prossimo corso di formazione per l'Esame di Abilitazione per Psicologi promosso e tenuto dall'ASPIC: la partecipazione è gratuita, previa iscrizione.

Pubblicato il 29 marzo 2019 alle ore 15:03 da florinda [email protected] Archiviato in: Corsi

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.