Il Gruppo per il sostegno alla Dipendenza Affettiva

a cura di Ilario Pisanu

cuore dipendenza affettivaCos’è la Dipendenza Affettiva

Si parla di dipendenza affettiva quando il “rapporto d’amore” è vissuto come condizione stessa della propria esistenza.

Le persone che ne sono affette vedono nell’altro la fonte di ogni benessere e, pur di non rischiare di perdere l’oggetto amato, sono disposte a sacrificare qualsiasi bisogno o desiderio personale fino al punto di annullare il proprio Sé.

Queste persone passano la loro vita a mendicare l’ “affetto” dell’altro; lo idealizzano per sopprimere i sentimenti di inadeguatezza, vuoto, ansia, impotenza, scarsa autostima, non amabilità, che si trovano a fronteggiare.

L’importanza attribuita all’oggetto d’amore spinge il dipendente affettivo a preservare il rapporto "sentimentale" ad ogni costo, fino ad assumere un atteggiamento di assoluta “dedizione”, adoperandosi affinché i bisogni e i desideri dell’altro vengano soddisfatti.

Questo atteggiamento è spiegato dal fatto che nella dipendenza affettiva la persona vive nel costantemente nel terrore di poter perdere la persona amata, evento considerato insopportabile.

Si definisce appunto di “dipendenza” affettiva per sottolineare il fatto che, proprio come per le dipendenze da sostanze (ad es., droga, alcol, tabacco), il soggetto non può rinunciare, (pena “la crisi d’astinenza”) all’oggetto amato, ma anzi, con il passare del tempo, richiede “dosi” di presenza o vicinanza sempre maggiori.

I gruppi di sostegno alla Dipendenza Affettiva

Per affrontare la dipendenza affettiva è fondamentale chiedere aiuto. A tale scopo può essere di grande aiuto, oltre che seguire un percorso individuale, partecipare a gruppi di sostegno.

Il gruppo è un luogo di incontro protetto, accogliente e non giudicante in cui è possibile:

  • condividere la propria storia di Dipendenza Affettiva ed i propri vissuti emotivi;
  • gestire l’ansia, la paura dell’abbandono, della separazione e del rifiuto;
  • individuare e gestire comportamenti disfunzionali;
  • rafforzare l’autostima ed il senso di autoefficacia, per andare verso l’autonomia.

Partecipare a un gruppo offre la possibilità di sentirsi meno soli, di comprendere che non si è soli nel proprio problema nonchè di confrontarsi con le strategie messe in atto dagli altri che vivono una situazione simile alla nostra.

Note sull'autore

Ilario PisanuPsicologo, Psicoterapeuta in formazione presso la Scuola di Specializzazione ASPIC. Counselor formato ASPIC, Mental Coach e Practitioner in PNL. Svolgo attività clinica individuale e di formazione in ambito di Leadership, Programmazione Neuro-Linguistica (PNL), Omosessualità e omoaffettività, Comunicazione efficace. Conduco laboratori di gruppo tematici teorico/pratici su varie tematiche, in collaborazione con colleghi e con altri professionisti quali Psicoterapeuti, Nutrizionisti, Insegnanti di Yoga, Fisioterapisti e Medici. Co-conduco gruppi di Aiuto e Sostegno alla Dipendenza Affettiva. Mi piace proporre  attività pratiche nei percorsi con i miei clienti, utilizzando modalità di espressione con pennarelli, pastelli, collage, plastilina, musica, scrittura, peluches, meditazione e movimento. Afferisce al Centro d'Ascolto Psicologico gratuito ti Aspic Psicologia.

Pubblicato il 15/04/2019 alle ore 13:19

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

aspic per gli psicologi

Aspic per gli Psicologi

Corso di Counseling e Coaching per Psicologi e Testi di sviluppo professionale per la Clinica delle Relazioni d'aiuto.

Pubblicato il 07 gennaio 2020 alle ore 13:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Corsi, Iniziative ASPIC, Professionisti, Ricerca scientifica
lgbt

Incontro LGBT+

A Roma, un gruppo per ricevere: un momento per te dove sentirti accettato e ascoltato; la libertà di condividere ciò che più ti sta a cuore; uno spazio dove fare luce sulle tue risorse interne ed esterne; spunti dall'ascolto e dallo scambio con gli altri; una nuova prospettiva su ciò che ti succede dentro.

Pubblicato il 23 dicembre 2019 alle ore 12:00 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Raccontarsi per valorizzarsi

Incontri per persone dai 60 anni in su: ogni persona ha una storia unica e irripetibile; poterla raccontare le permette di ritrovare il valore che ha dentro di sé. Prenotati per il primo appuntamento che si terrà il 20 gennaio 2020.

Pubblicato il 22 dicembre 2019 alle ore 20:44 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.