Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

carta dei diritti dei bambini logo

a cura di Roberta Manca, referente area ASPIC PSICOLOGIA per l'Età Evolutiva e la FAMIGLIA

Mamma e papà si separano, arriva il decalogo che sancisce i diritti dei figli

L’Autorità garante per l’infanzia e per l’Adolescenza”, Filomena Albano, ha presentato nei giorni scorsi a Roma la “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori”.

Ispirata alla Convenzione Onu del 1989 sui diritti dell’infanzia e dell’adolescente, in particolare l’ascolto del minore e il rispetto del suo interesse superiore, il documento mette al centro i bambini e i ragazzi e i loro bisogni: dieci punti fermi che individuano altrettanti diritti dei figli che subiscono la separazione dei genitori.

Il documento è frutto della collaborazione della Consulta dei ragazzi dell’Agia e di esperti di diversi ambiti: giuridico, psicologico, pedagogico, psicosociale.

Premessa

Quando la coppia si separa il conflitto può raggiungere picchi di distruttività e violenza (fisica, verbale e psicologica) inglobando, senza nessuna remore per i figli, che si trovano catapultanti in un conflitto persistente e intenso che li lasci inermi ad osservare la loro mamma e il loro papà – riferimenti più importanti per la loro crescita - distruggersi a vicenda.

Due adulti che si sono scelti, amati, che hanno condiviso un progetto di vita in comune, costruito una loro dimensione familiare, e che, giorno dopo giorno, diventano acerrimi nemici. Se la coppia è travolta dal conflitto le competenze genitoriali diminuiscono e con loro le risorse personali necessarie alla cura dei propri figli e di tutto ciò che si agita nel loro “delicato” mondo emotivo.

I bambini devono necessariamente ricevere rassicurazioni sulla stabilità della vita familiare, su i ritmi che fino al giorno prima hanno scandito le loro giornate, non vengano stravolti a causa di quanto sta accadendo ai loro genitori. Il conflitto che vede protagonisti i genitori non è assolutamente il loro conflitto.

Devono sapere con certezza che non spetta a loro soddisfare i bisogni dei loro genitori, che non devono schierarsi nel “conflitto di lealtà” dalla parte di mamma o di papà, che non hanno alcuna responsabilità, né colpa rispetto a quanto sta accadendo ai propri genitori.

Genitori che se accecati dalla rabbia e dal dolore della separazione pretendono di averli tutti per loro per un tempo oggettivamente suddiviso, ma, spesso, non equamente condiviso.

Il rischio è che quel legame disperante (Cigoli, 1998), di cui parla Cicogli riferito alla coppia, diventi il legame disperante dei figli con i genitori: figli che rischiano di vivere un legame diviso a metà con costi psicologici altissimi.

L’esigenza di far separare bene le coppie è ormai diventata una priorità, sentita oltre che dai giudici e dagli avvocati, dagli operatori del sociale ben consapevoli di quanto una separazione conflittuale può causare nei figli.

Cosa dice la Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori è un documento nato per sancire i diritti dei più piccoli, i figli, affinché i “più grandi” , i genitori, si dimostrino attenti ai loro bisogni in termini di cura e protezione consapevoli del proprio ruolo educativo.

Un bambino che può contare su un ambiente familiare accogliente e amorevole crescerà in modo armonico e diventerà un adulto soddisfatto. I bambini di oggi saranno gli adulti di domani.

1. I figli hanno il diritto di continuare ad amare ed essere amati da entrambi i genitori e di mantenere i loro affetti.

I figli hanno il diritto di continuare a voler bene ed essere amati da mamma e papà. Devono poter manifestare il loro amore senza paura di ferire o di offendere l’uno o l’altro. Devono poter conservare inalterati i loro affetti, di restare uniti ai fratelli, di mantenere intatta la relazione con i nonni, di continuare a frequentare i parenti di entrambi i rami genitoriali e gli amici. L’amore si misura con la cura e l’attenzione, e non con il tempo;

2. I figli hanno il diritto di continuare ad essere figli e di vivere la loro età.

I figli hanno il diritto di continuare ad essere figli e di vivere ed essere trattati secondo la loro età, senza venire travolti dalla sofferenza degli adulti. Non sono confidenti o gli amici dei loro genitori. Devono essere sostenuti, rassicurati, consolati e protetti dai loro genitori.

3. I figli hanno il diritto di essere informati e aiutati a comprendere la separazione dei genitori.

I figli hanno il diritto di essere informati in modo adeguato rispetto alla loro età la separazione dei genitori e aiutati a comprenderla, senza essere caricati di responsabilità, colpe, senza essere messi a conoscenza di informazioni che possano influenzare negativamente il rapporto con uno o entrambi i genitori. Non devono subire la separazione, né essere inondati dalle incertezze e dalle emozioni dei genitori.

4. I figli hanno il diritto di essere ascoltati e di esprimere i loro sentimenti.

I figli hanno il diritto di essere ascoltati e di esprimere i loro sentimenti, possono essere arrabbiati, tristi, stare male, avere paura e avere incertezze, senza sentirsi dire che “va tutto bene”.

5. I figli hanno il diritto di non subire pressioni da parte dei genitori e dei parenti.

I figli hanno il diritto di non subire pressioni da parte dei genitori e dei parenti. I figli hanno il diritto di non essere strumentalizzati. Non essere indotti a mentire e di non essere coinvolti nelle menzogne.

6. I figli hanno il diritto che le scelte che li riguardano siano condivise da entrambi i genitori

I figli hanno il diritto che le scelte che riguardano la residenza, l’educazione, l’ istruzione e la salute siano condivise da entrambi i genitori di comune accordo, tenendo conto delle loro abitudini.

7. I figli hanno il diritto di non essere coinvolti nei conflitti tra genitori.

I figli hanno il diritto di non essere coinvolti nei conflitti tra genitori, di non essere costretti a dover scegliere tra loro o dimostrare lealtà all’uno o all’altro.

8. I figli hanno il diritto al rispetto dei loro tempi.

I figli hanno il diritto al rispetto del loro tempo per elaborare la separazione, per abituarsi ai trasformazioni, per accogliere i nuovi fratelli, i nuovi partner e le loro famiglie.

9. I figli hanno il diritto di essere preservati dalle questioni economiche.

I figli hanno il diritto di essere preservati dalle questioni economiche.

10. I figli hanno il diritto di ricevere spiegazioni sulle decisioni che li riguardano.

I figli hanno il diritto di ricevere spiegazioni sulle decisioni che li riguardano” , di essere ascoltati, ma le decisioni spettano ai genitori o, in caso di disaccordo, al giudice. I figli devono spiegazioni sulle decisioni prese, soprattutto quando divergenti rispetto alle loro richieste e ai desideri manifestati. Il figlio ha il diritto di ricevere spiegazioni non contrastanti da parte dei genitori.

Bibliografia e sitografia

Cigoli V. (1988), Il legame disperante, Cortina, Milano

https://www.garanteinfanzia.org/news/presentata-la-carta-dei-diritti-dei-figli-nella-separazione-dei-genitori

https://www.garanteinfanzia.org/landing2/Libretto.pdf

La Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

Scarica il documento in pdf.

carta dei diritti dei bambini

 

Pubblicato il 17/10/2018 alle ore 12:48

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

rivista integrazione immagine

Rivista Integrazione nelle Psicoterapie numero 9 - 2019

E' stato pubblicato l'ultimo numero della rivista "Integrazione nelle Psicoterapie", dedicato ai Cittadini di Genova dal Nucleo NSPS Aspic Emergenza, progettato e realizzato con il contributo dei soci AspicARSA e Aspic Psicologia.

Pubblicato il 01 marzo 2019 alle ore 09:42 da florinda [email protected] Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC, Ricerca scientifica
al-anon-7aprile2019

7 Aprile 2019: Seminario aperto di Al-Anon

L'Associazione Gruppi Familiari Al-Anon - Area Lazio Campania invita tutti a partecipare al seminario aperto che si terrà il 7 Aprile 2019 dalle 9.30 alle 17.00: Capire... se stessi, i genitori e gli altri. Conoscenza, cambiamento e rinascita.

Pubblicato il 26 febbraio 2019 alle ore 15:03 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità
Overeaters_Anonymous

Riunione aperta: Accettare la Malattia senza provare vergogna

Condividiamo l'invito a partecipare alla Riunione Aperta dal titolo “Accettare la Malattia senza provare vergogna” promossa da Overeaters Anonymous A.P.S.(OA) che si terrà il 17 Marzo 2019 a Roma presso la Chiesa Santa Maria Goretti – Via Tripolitania 143.

Pubblicato il 26 febbraio 2019 alle ore 14:49 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.