NSPS ASPIC EMERGENZA

aspic emergenza         camelot

“Le grandi catastrofi naturali reclamano un cambio di mentalità che obbliga ad abbandonare la logica del puro consumismo e a promuovere il rispetto della creazione” (Albert Einstein)

Il Nucleo di Supporto PsicoSociale ASPIC EMERGENZA – CAMELOT-Him

Dopo molti anni di collaborazione in interventi per la la gestione delle crisi e delle emergenze, i professionisti soci dell'Università del Counselling U.P.ASPIC e di ASPIC Psicologia hanno deciso di consolidare la loro collaborazione costituendo un nucleo interno alla Protezione Civile.

Il Nucleo di Supporto Psico Sociale (NSPS) è un nucleo operativo di volontari dell’Associazione di Protezione Civile CAMELOT-HIM, costituito da figure professionali qualificate nei diversi settori del soccorso tecnico, sociale e sanitario - Counselor, Psicologi e Psicoterapeuti, Educatori, Mediatori Culturali, Operatori Sociali. Tali professionisti, al termine del proprio percorso formativo, di crescita personale e tirocinio presso l’ASPIC, hanno aderito a un progetto finalizzato alla previsione, prevenzione e al supporto psicosociale nelle situazioni di crisi e di emergenza, costituendo il gruppo NSPS di ASPIC Emergenza.

La Prevenzione Psicosociale

Un disastro o una maxi-emergenza hanno indiscutibilmente effetti di vario tipo sulla vita di un individuo o di una comunità. Eventi che interrompono drammaticamente la vita ordinaria di una comunità comportano, per le persone coinvolte, conseguenze che vanno oltre i disagi di tipo materiale, avendo un impatto sul piano sociale e psicologico. Questi aspetti, se sottovalutati, potranno incidere negativamente sulla qualità della vita e sulle capacità di recupero della popolazione colpita. NSPS si occupa nello specifico di livelli di Prevenzione Psicosociale, attraverso la promozione delle risorse degli individui, dei gruppi e delle comunità. Aiutare a scoprire e sviluppare tali capacità vuol dire anche e soprattutto prevenire i potenziali scenari di disagio attraverso Informazione e Formazione.

Le tipologie di vittima

Le attività di NSPS sono articolate su più fronti e sono destinate sia ai soccorritori impegnati nelle operazioni di ricerca sotto le macerie, di assistenza alla popolazione e di assistenza sanitaria, sia alla popolazione colpita dal disastro.

Questo perché non esiste un solo tipo di vittima e ciascuno può essere colpito a più livelli e in modo differente da un evento traumatico.

In letteratura vengono infatti distinte sei tipologie di vittima:

  • primo tipo: impatto diretto;
  • secondo tipo: parenti e persone care delle vittime del primo tipo;
  • terzo tipo: personale di soccorso;
  • quarto tipo: la comunità coinvolta nel disastro;
  • quinto tipo: individui “fragili”, pur non coinvolti direttamente possono reagire con un disturbo emozionale;
  • sesto tipo: persone che avrebbero potuto essere vittime del primo tipo.

E' bene osservare che non si parla di "gradi" o "livelli" ma di "tipologie". Questo perché non si può fare una classifica, decidere chi soffre di più e chi di meno. Ciascuno di noi vive gli eventi traumatici in modo differente e ciascuna modalità è legittima, senza dover essere confrontata con quella degli altri.

Livelli di prevenzione

Le attività di prevenzione di NSPS sono articolate su tre livelli:

  • Prevenzione Primaria: informazione e formazione finalizzate alla diffusione della conoscenza delle reazioni psicologiche in emergenza, e pianificazione delle attività, in ambito sociale, volte a promuovere una cultura della prevenzione e della sicurezza tra tutti i cittadini.
  • Prevenzione Secondaria: supporto psicosociale alla popolazione colpita, attraverso triage psicologico, colloqui, gruppi, sportelli di ascolto, attività di animazione, in collaborazione con gli enti locali preposti, e le altre associazioni presenti sullo scenario. Raccolta dei bisogni e invio alle strutture del territorio. Supporto ai soccorritori, attraverso defusing e debriefing.
  • Prevenzione Terziaria: attraverso colloqui individuali o incontri di gruppo, a seguito di esperienze potenzialmente traumatiche legate all’emergenza. Attività riservata a Psicologi e Psicoterapeuti.

I professionisti

Il Nucleo di compone di diverse figure professionali che ricevono una specifica formazione in ambito emergenziale.

Le tipologie più rappresentate, a cui vengono affiancate anche altre professionalità, sono:

  • il counselor, il mediatore culturale, il mediatore familiare, l’educatore, il pedagogista che accompagnano la persona, non curandola, bensì “prendendosi cura di…”; partecipano alle attività di supporto attraverso competenze nella comunicazione e nelle interazioni sia a livello individuale che di gruppo [tali figure rientrano tra le professioni non regolamentate disciplinate ai sensi della L.4/2013 e sono iscritte alle rispettive Associazioni Professionali di Categoria];
  • lo psicologo che svolge un ruolo di sostegno in tutte le fasi critiche dell’emergenza: dallo shock iniziale alla fase della presa di consapevolezza e del cambiamento. Interviene affinché ogni fase venga vissuta e vi sia un’adeguata elaborazione dell’esperienza traumatica [gli psicologi sono professionisti laureati in psicologia e iscritti agli Albi degli Psicologi regionali];
  • lo psicoterapeuta in emergenza cura il disagio o la patologia che la persona potrebbe sviluppare a partire dall’evento critico; il suo obiettivo è quello di contenere il manifestarsi e il propagarsi ulteriore della sintomatologia [gli psicoterapeuti sono professionisti laureati in psicologia o medicina e specializzati in psicoterapia, iscritti nei registri degli psicoterapeuti degli Albi degli Psicologi regionali].

Contatti NSPS Aspic Energenza – Camelot Him

ASPIC EMERGENZA

NSPS [email protected]

UPASPIC [email protected]

Aspic Psicologia [email protected]

CAMELOT-HIM

[email protected]

www.camelot-him.org

Pubblicato il 22/08/2018 alle ore 14:37

Non ci sono tag

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

aspic per gli psicologi

Aspic per gli Psicologi

Corso di Counseling e Coaching per Psicologi e Testi di sviluppo professionale per la Clinica delle Relazioni d'aiuto.

Pubblicato il 07 gennaio 2020 alle ore 13:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Corsi, Iniziative ASPIC, Professionisti, Ricerca scientifica
lgbt

Incontro LGBT+

A Roma, un gruppo per ricevere: un momento per te dove sentirti accettato e ascoltato; la libertà di condividere ciò che più ti sta a cuore; uno spazio dove fare luce sulle tue risorse interne ed esterne; spunti dall'ascolto e dallo scambio con gli altri; una nuova prospettiva su ciò che ti succede dentro.

Pubblicato il 23 dicembre 2019 alle ore 12:00 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Raccontarsi per valorizzarsi

Incontri per persone dai 60 anni in su: ogni persona ha una storia unica e irripetibile; poterla raccontare le permette di ritrovare il valore che ha dentro di sé. Prenotati per il primo appuntamento che si terrà il 20 gennaio 2020.

Pubblicato il 22 dicembre 2019 alle ore 20:44 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.