Plusdotazione e programmi di arricchimento

a cura di Angela Santoro

bambini plusdotati

Abstract

Nell’articolo "I bambini gifted: un bisogno d'aiuto trascurato" abbiamo sottolineato l’importanza di riconoscere i bambini gifted e di non farci ingannare dai loro atteggiamenti irrequieti, disattenti o aggressivi che potrebbero mascherare spesso solo altre doti.
In quest’articolo sottolineremo l’importanza di predisporre adeguati interventi didattici e presenteremo il modello dei tre anelli dello psicologo educativo Renzulli.

Gli alunni plusdotati e i loro insegnanti

Gli alunni che presentano interessi non proprio comuni rispetto ai coetanei o competenze precoci pongono il docente di fronte a bisogni educativi speciali, ma come può il docente sapere se le strategie che utilizza sono adeguate. Dovrebbe aumentare la complessità degli obiettivi didattici per tutto il gruppo classe o rallentare il ritmo di apprendimento di uno studente plusdotato?

In primo luogo c’e da chiedersi se il docente è in grado di riconoscere la presenza nella propria classe di uno studente gifted. Per prima cosa bisogna osservare!

Imparare ad osservare gli studenti non significa etichettarli o ridurli a stereotipi, significa prestare attenzione ai loro bisogni e non farsi ingannare da comportamenti manifesti che molto spesso significano altro! Imparare ad osservare permette di vedere l’altro nella sua unicità e complessità, insegna a riconoscere cosa c’è dietro la noia, l’irrequietezza o dietro quel comportamento così provocatorio. Il riconoscerlo e ascoltarlo permette di mettere in moto una serie di accorgimenti metodologici e didattici che favoriranno lo studente nel processo di apprendimento e avrà di conseguenza ricadute positive anche sulla sua autostima e sul suo sviluppo personale.

Quali comportamenti osservare

Vediamo alcuni comportamenti a cui dovrebbe prestare attenzione il docente[1]:

  • Ampio vocabolario e frasi complesse
  • Attenzione sostenuta
  • Eccezionale capacità di memoria
  • Curiosità e Interrogativi
  • Svariati interessi
  • Creatività e Immaginazione
  • Ideazione di giochi
  • Autodidatti: lettura, scrittura, calcolo
  • Precoci e più rapidi negli apprendimenti
  • Senso dell’Umorismo
  • Intensità e Sensibilità
  • Necessità della precisione (perfezionismo)
  • Facilità alla frustrazione
  • Interesse per concetti astratti (tempo, spazio)
  • Interesse per le relazioni di causa ed effetto
  • Uso della logica nelle deduzioni
  • Elevati livelli di astrazione
  • Rapida individuazione degli aspetti essenziali del problema
  • Tendenza a trovare più soluzioni a ogni problema
  • Elevata senso della giustizia/equità
  • Amici immaginari, scenari immaginati descritti in dettaglio
  • Indipendente, preferisce il lavoro individuale
  • Frequente trasferimento di nozioni apprese alle nuove situazioni
  • Difficoltà nel riconoscere l’autorità

Cosa bisogna fare una volta identificate queste caratteristiche?

bambini giftedIl docente ha il compito di segnalare il bambino al resto dei docenti per poter discutere insieme tutte le carattesitche dell’alunno e informare eventualmente la famiglia. Segnalato il caso, la famiglia provvederà alla valutazione presso un centro specializzato. La valutazione testistica verrà effettuata da un’equipe esperta e da un centro riconosciuto e prevede la somministrazione di una batteria di test validati.

Uno dei primi criteri per poter svolgere una diagnosi di plusdotazione fa riferimento al punteggio ottenuto attraverso la somministrazione del test sul Coefficiente Intellettivo. I soggetti gifted, per essere considerati tali devono ottenere un QI≥130[2].

Bisogna fare attenzione, il QI rappresenta solo un aspetto di questi bambini, essere gifted è qualcosa di più di un punteggio ad un test. Bisogna considerare infatti una serie di variabili nella valutazione.

Il ruolo della famiglia

La relazione diagnostica consegnata ai genitori va condivisa con la scuola in modo da attivare un supporto educativo e didattico adeguato. Compito della famiglia è favorire infatti un incontro tra insegnanti ed esperti in modo da condividere informazioni sul profilo dello studente oltre che fornire adeguate strategie di lavoro personalizzate. La diagnosi contenuta nella relazione finale rappresenta una sorta di bussola che ci indica che quel bambino ha delle risorse speciali che vanno coltivate tramite adeguate strategie di lavoro e cucite su misura.

Molti hanno usato e continuano ad usare  questa modalità , altri cercano di spiegare il potenziale secondo il Modello dei tre anelli dello psicologo Renzulli proponendo delle tecniche/metodologie da usare a scuola.

Purtroppo in Italia abbiamo il problema di riconoscere i bambini gifted, non si eseguono screening e non esistono linee guida (eccetto in Veneto[3]) e spesso gli insegnanti li ignorano o scambiano l’argomento per deficit o problemi. Ovviamente non esiste ancora una normativa ufficiale sul come sostenere il percorso educativo e didattico di questi studenti, di sicuro sappiamo però che risulta essenziale predisporre degli interventi adeguati (alla luce della normativa sui Bisogni Educativi Speciali).

Il modello dei tre anelli e dell'arricchimento

modello tre anelliJoseph Renzulli, professore di psicologia dell’educazione presso l’Università del Connecticut negli Stati Uniti e Direttore del centro nazionale di investigazione sui dotati e talentuosi, è considerato oggi uno dei massimi esponenti nell’ambito dei gifted. Il suo nome viene frequentemente associato a ricerche nell’ambito della ricerca sui gifted Secondo questo modello, elaborato nel 1977 il successo arriva quando esiste la confluenza di tre variabili: motivazione-impegno, capacità e creatività. Le tre variabili  costituiscono tre anelli: un individuo può essere considerato ad alto potenziale solo quado esiste la confluenza di queste tre, giusto quelle presenti nei tre anelli.

Un’evoluzione del modello dei tre anelli è rappresentata dal modello di arricchimento che prevede tre tipi di arricchimento.

  • Arricchimento di tipo I: si espongono gli studenti ad argomenti nuovi attraverso video, visite guidate, materiale di vario genere. In questa fase un test valuterà la prestazione e il grado di interesse di ogni studente. Si espongono quindi gli studenti a una grande varietà di discipline, argomenti, hobby, luoghi ed eventi che normalmente non verrebbero coperti nella programmazione standard. Nelle scuole che utilizzano questo approccio, un gruppo di genitori, insegnanti e studenti spesso organizzano e pianificano esperienze di questo tipo.
  • Arricchimento di tipo II: include materiali che promuovono lo sviluppo dei processi di pensiero come la creatività, il problem solving, il pensiero critico e i processi affettivi.
  • Arricchimento di tipo III: coinvolge gli studenti che sono interessati ad un determinato ambito e sono disposti ad investire del tempo maggiore e ad impegnarsi in quella disciplina. Gli studenti con questo tipo di arricchimento acquisiscono informazioni specifiche sulla metodologia di lavoro e diventano come dei piccoli ricercatori. Lo studente riesce ad avere una conoscenza approfondita del tema e delle tecniche d’infagine. Vengono inoltre  rafforzate le capacità di auto-apprendimento.

bambiniAd esempio, gli studenti che si interessano alla botanica dopo un tipo I su questo argomento continuano con una formazione avanzata in questo settore leggendo contenuti dettagliati in botanica, realizzando esperimenti su piante, imparano ad utilizzare tecniche  avanzate etc (The schoolwide enrichment model: a focus on student strengths &interests, Sally M. Reis & Joseph S. Renzulli).

Si tratta quindi di uno speciale modello educativo che propone di partire dall’interesse dell’alunno e prevede che gli insegnanti educhino allo sviluppo di competenze. L’obiettivo del modello è fornire esperienze di apprendimento per tutti gli studenti e pretende sviluppare il talento di tutti i bambini, fornendo  esperienze di apprendimento ad un livello avanzato per tutti e secondo i punti di forza ed interessi di ognuno.

Nel corso degli anni il modello ha subito ulteriori modifiche e aggiunte, per esempio nelle scuole che seguono il modello di Renzulli i voti non sono importanti, il ragazzo gifted resta con il gruppo dei pari  e segue un programma ridotto al 50%, ha il tempo di dedicarsi a ciò che lo appassiona in maniera creativa, ogni anno deve esporre in pubblico un lavoro/progetto che ha portato avanti (Come di educa un baby genio, Rivista Scienze 19 maggio 2017, Claudia Arletti). La programmazione didattica prevista da Renzulli è volta all’arricchimento o all’accelerazione, prevede un Curricolo Compattato tramite l’uso di un contratto di apprendimento per i Gifted cossa un patto per negoziare le estensioni didattiche e/o il comportamwento tra alunno e insegnante (Regione del Veneto Linee guida per gifted children p.22).

Questo modello o una parte di esso, permetterebbe il coinvolgimento di tutti gli studenti in quanto promuoverebbe uno stile di insegnamento volto al riconoscimento dei vari stili di apprendimento e favorirebbe il potenziale di tutti. Inoltre permetterebbe il riconoscimento dei tempi di apprendimento e un’educazione basata sulla motivazione di tipo intrinseco.   

Bibliografia

bibliografiaTesti di riferimento

  • Claudia Arletti (2017), Come di educa un baby genio, il Venerdì di Repubblica, 19 maggio 2017, numero 1522
  • M. Assunta Zanetti (2016), Plusdotazione: inquadramento. Università degli studi di Pavia.
  • Sally M. Reis & Joseph S. RenzulliThe schoolwide enrichment model:afocus on student strengths &interests
  • http://www.plusdotazionetalento.it
  • https://uconn.edu/ (University of Connecticut)
  • Regione del Veneto linee guida per gifted children, GRUPPO DI LAVORO.

Testi per approfondire

  • Zanetti M.A. (2014), Bambini ad alto potenziale (gifted children): impariamo a riconoscerli, QI- Questioni e Idee in psicologia, n.20. settembre.
  • Renzulli, J. S. (1977). The enrichment triad model: A guide for developing defensible programs for the gifted and talented. Mansfield Center, CT: Creative Learning Press.

Note


[1]Plusdotazione: inquadramento di M. Assunta Zanetti. Università degli studi di Pavia

[2] La comunità scientifica riconosce i parametri di valutazione che definiscono il valore del quoziente intellettivo medio pari a 100. Al di sotto di 85 si collocano le persone con deficit, tra il valore 120 e 129 si collocano gli individui ad alto potenziale cognitivo (APC), sopra il valore 130 e oltre si collocano le persone plusdotate (gifted).

[3] In Veneto esiste l Laboratorio Italiano di Ricerca e Sviluppo del Potenziale, Talento e Plusdotazione fondato nel 2009 sotto la direzione scientifica della Professoressa Maria Assunta Zanetti e del Professor Eliano Pessa, con l’intento di svolgere attività di ricerca e di intervento nell’ambito della valorizzazione del potenziale, del talento e della plusdotazione. Per approfondire: www.labtalento.unipv.it

Note sull'autore

angela santoroAngela Santoro, classe 1984, psicologa del benessere nel corso di vita presso la Sapienza di Roma e abilitata all’esercizio della professione, sta svolgendo attualmente una specializzazione sui Disturbi specifici dell’apprendimento. Dopo aver conseguito la laurea ha iniziato ad occuparsi  di progetti nell’ambito sociale ed educativo. Da vari anni risiede in SudAmerica dove ha lavorato per Ong locali, svolgendo varie attività come progettista, fundraiser, formatrice di gruppi tecnici e psicologa di comunità. Attualmente risiede in Perù, nella città di Lima, dove lavora come Responsabile del Servizio di Inclusione Sociale presso una scuola. Socia di ASPIC PSICOLOGIA, collabora con il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) e i servizi di consulenza psicologica in lingua madre.

Leggi anche

Pubblicato il 06/02/2018 alle ore 13:56

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

L'Aspic all'Expò del sociale 2019

Vieni a trovarci all'Expò del Sociale a Roma, sabato 18 maggio, presso le sale della sede del Municipio VIII, un modo per conoscerci e conoscere il mondo del sociale presente nella nostra città.

Pubblicato il 15 maggio 2019 alle ore 17:55 da redazione Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC
Corso DSM-5 Aspic Psicologia Napoli - Avellino

Il DSM-5: il 22 giugno a Napoli

Riserva il tuo posto al corso  "DSM-5: nuove classificazioni e diagnosi" che si terrà il 22 giugno 2019 presso la sede Aspic di Napoli - Avellino

Pubblicato il 14 maggio 2019 alle ore 16:57 da redazione Archiviato in: Sezioni Territoriali
esame di stato

Esame di Stato per psicologi: corso di preparazione gratuito a Roma

Inizia il 5 aprile il prossimo corso di formazione per l'Esame di Abilitazione per Psicologi promosso e tenuto dall'ASPIC: la partecipazione è gratuita, previa iscrizione.

Pubblicato il 29 marzo 2019 alle ore 15:03 da florinda [email protected] Archiviato in: Corsi

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.