Uso contanti e tracciabilità

Le norme che regolano gli scambi commerciali sono in continuo mutamento. Si tratta di modalità di gestione del denaro che il professionista deve sempre conoscere ed eseguire correttamente per non incorrere in sanzioni. Ecco, quindi, una panoramica delle novità che riguardano le modalità di pagamento in contanti e tracciabile.

Contanti

È vietato il trasferimento di denaro contante effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, se il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a € 1.000,00.

È vietato, inoltre, il trasferimento quando effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia  di € 1.000,00  che appaiono artificiosamente frazionati. Il frazionamento in più importi inferiori al limite è ammesso nel caso in cui lo stesso sia previsto dalla prassi commerciale o da accordi contrattuali. Il trasferimento eccedente tale limite può tuttavia essere eseguito per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica e Poste Italiane S.p.A.

La violazione del limite comporta una sanzione amministrativa pecuniaria dall’1% al 40% dell’importo trasferito (aumentata dal 5% al 40% dell’importo trasferito in  caso di importi superiori a € 50.000,00) e non inferiore nel minimo a € 3.000,00.

La sanzione è applicabile non solo al soggetto che ha effettuato il trasferimento ma anche a colui che ha ricevuto le somme in contanti. Tuttavia, non costituiscono infrazione le violazioni commesse nel periodo compreso tra il 6.12.2011 e il 31.01.2012 e riferite alle nuove limitazioni.

Assegni bancari

Gli assegni per importi pari o superiori a € 1.000,00 devono recare l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità.

Si può richiedere per iscritto, al proprio Istituto Bancario,  il rilascio di moduli in forma libera (senza clausola di non trasferibilità) solo per importi inferiori a € 1.000,00, pagando per ciascun modulo a titolo di imposta sul bollo, la somma di € 1,50.

Le sanzioni per le violazioni  alle  disposizioni  sull’missione degli assegni bancari  sono le stesse  previste  per la violazione del limite al trasferimento di contanti.

Inoltre, gli assegni bancari e postali emessi all’ordine del traente (“a me medesimo” o “a me stesso”), qualunque sia l’importo, non possono circolare, poiché devono essere  girati unicamente per l’incasso a una Banca o a Poste Italiane S.p.A.

I libretti di deposito bancari o postali al portatore

Il saldo non può essere pari o superiore a € 1.000,00; quelli  con saldo pari o superiore a € 1.000,00 devono essere estinti ovvero il loro saldo deve essere ridotto a un importo inferiore a € 1.000,00 entro il 31.03.2012.

Per chi non si adegua alle disposizioni è prevista  una sanzione amministrativa che va dal 10% al 20% del saldo se compreso tra 1000 e 50 mila euro e con una sanzione che va dal 15% al 30% del saldo se l’infrazione commessa supera i 50 mila euro.

Comunicazione delle irregolarità in materia di contanti

Come previsto, ai sensi dell’art. 51 del d. lgs 231 del 2007, viene previsto che i soggetti destinatari del decreto: intermediari finanziari, professionisti, società di revisione, revisori legali, ecc.; debbano comunicare entro 30 giorni al ministero dell’Economia le eventuali irregolarità riscontrate in materia di utilizzo di contanti o titoli a portatore. Tale comunicazione si rende necessaria sia per l’irrogazione della conseguente sanzione sia per l’inoltro all’Agenzia delle Entrate che attiverà i dovuti controlli fiscali. 

Obbligo tracciabilità per le spese detraibili

Dal 1 gennaio 2020, con la legge di bilancio n.160 del 27/12/2019, alcune spese tra cui medica come la consulenza psicologica, per usufruire del recupero in detrazione durante la dichiarazione dei redditi, non possono più essere pagate in contante ma solo attraverso mezzi di pagamento tracciati per esempio con il bancomat, con la carta di credito, a mezzo bonifico bancari, etcc…

È stata inoltre prevista una riduzione, che sarà man mano nel tempo sempre più ridotta, della soglia per i pagamenti in contanti: dal 1°luglio è entrata in vigore la nuova soglia a 2.000 euro, la precedente soglia era 3.000 euro, e si arriverà dal 1°gennaio 2022 a 1.000 euro.

Quindi molti professionisti che operano in partita iva si sono dotati di Pos per accettare i pagamenti con carte; sul mercato ci sono varie proposte per dotarsi di Pos, oltre a quelli forniti dagli istituti bancari e postali, ci sono quelli degli operatori telefonici e altri gestori. In alcuni casi viene solo addebitata una percentuale di costo di commissione alla singola transazione, in altri c’è un canone mensile con l’aggiunta di una percentuale di commissione nettamente inferiore. Il professionista deve quindi valutare quale opzione Pos fa più al suo caso.

Chiariamo che i  pazienti possono comunque continuare a pagare in contante non usufruendo della detrazione del 19%, resta l’obbligo allo psicologo di comunicare con chiarezza i termini.

Potete visionare la legge all’indirizzo https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2019/12/30/19G00165/sg

Pubblicato il 05/03/2012 alle ore 16:38

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Psicologia, Sport e Benessere

Psicologia, Sport e Benessere

Aspic Psicologia è lieta di invitare tutti gli interessati e gli appassionati del ponte che unisce Psicologia e Sport  a questo evento che si terrà online durante il quale il gruppo di lavoro Aspic Psicologia per lo Sport presenterà il suo progetto Sportivi Vincenti: l’Empowerment nello Sport.

Pubblicato il 13 aprile 2021 alle ore 11:45 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita
aspic_psicologia_esprimiamoci

Esprimiamoci

Dal 7 maggio 6 appuntamenti online, il venerdi dalle 18.00 alle 20.00 per conoscerci meglio, apprendere nuove strategie e confrontarci con gli altri su tematiche del nostro quotidiano. La partecipazione è aperta a tutti e gratuita, previa prenotazione.

Pubblicato il 13 aprile 2021 alle ore 11:06 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.