10 anni dopo la terapia

 

È online la recensione dell'articolo "The Abiding Nature of Empathic Connections" di Sharon A. Myers e Catherine M. White (2010). Nell'articolo è riportato uno studio qualitativo che esplora l'effetto nel lungo termine dell'incontro terapeutico. I partecipanti coinvolti erano stati in psicoterapia 10 anni prima e, in una ricerca precedente della stessa Myers (2000), avevano individuato l'empatia come catalizzatore per lo sviluppo personale. Nella presente ricerca delle due autrici canadesi, i soggetti sono stati invitati a riflettere sulle loro esperienze e a spiegare in che modo il rapporto terapeutico ha continuato ad influenzare il loro sviluppo personale.

Relazione terapeutica ed esito del trattamento

Per la psicologia umanistica, il rapporto terapeutico fornisce un contesto in cui i clienti possono raggiungere la crescita personale. Tale crescita comprende il cambiamento interpersonale ed intrapersonale.

In un testo del 1961, Rogers suppose che, fornendo un rapporto empatico, il cliente potesse scoprire all'interno di sé un modo per usarlo per la propria crescita personale ed il proprio sviluppo. L'importanza della relazione tra cliente e terapeuta per favorire il cambiamento è oggi riconosciuta dalla maggior parte degli orientamenti teorici, destando al contempo un interesse sempre maggiore da parte della ricerca. Recentemente, Gallegos (2005), ad esempio, ha condotto uno studio sugli effetti del trattamento, osservando che  i clienti, piuttosto che raggiungere la sola remissione dei sintomi inizialmente auspicata, ottenevano dalla terapia molto più, ritrovandosi sulla strada dello sviluppo personale, risultato attribuito ad alcuni aspetti della relazione, ad esempio la fiducia e il supporto.

Crescita personale come esito del trattamento

Per la psicologia umanistica, scrivono Myers e White, l'esito del trattamento consiste nella crescita personale. Per crescita non si intende necessariamente un cambiamento nel comportamento o la riduzione di un sintomo in quanto lo sviluppo personale è idiosincratico e riguarda l'esperienza soggettiva degli eventi. Secondo Rogers (1961), la relazione terapeutica aiuta il cliente ad affrontare la vita in modo più costruttivo e intelligente, con una socializzazione migliore ed una soddisfazione maggiore. Lo studio di Myers e White offre l'opportunità di esaminare la persistenza a lungo termine della crescita personale.

La relazione terapeutica come base per la crescita e come fattore di sviluppo

Le cinque partecipanti allo studio di Myers e White hanno confermato che l'effetto del rapporto terapeutico  continuava nel tempo. L'incontro era servito da catalizzatore per il cambiamento, dando inizio ad un processo che è continuato nei dieci anni successivi. Le ricercatrici concludono, dunque, che l'incontro terapeutico può essere una base per la crescita e lo sviluppo che continua a sostenere i clienti verso l'auto-attualizzazione e il sano funzionamento.

I risultati di questo studio, inoltre, sembrano confermare l'esistenza di varie modalità con cui l'empatia può determinare un risultato positivo in terapia. I soggetti intervistati, infatti, hanno definito l'empatia come un fattore positivo, ricordando la fiducia, il supporto e la sensazione di essere accuditi e di aver potuto sperimentare esperienze correttive che hanno modificato il loro modo di gestire le emozioni.

Leggi la recensione per saperne di più.

Pubblicato il 20/05/2010 alle ore 07:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

convegno_cure_perinatali_aspicpsicologia_laquila

Convegno: Cure perinatali

Si terrà a L'Aquila il 4 ottobre 2019 il primo Convegno sulle Cure Perinatali organizzato da Aspic Psicologia - sede di L'Aquila, rivolto a studenti e professionisti ma aperto anche a futuri o neogenitori che vogliano vivere questo passaggio di vita in modo più consapevole.

Pubblicato il 20 settembre 2019 alle ore 11:07 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC, Sezioni Territoriali
alanon logo

Raduno Nazionale dei Gruppi Familiari Al-Anon

Condividiamo volentieri con tutti i colleghi e non l'invito a partecipare al Raduno Nazionale dei Gruppi Familiari Al-Anon dal tema: “Soffri per il bere di un’altra persona? I gruppi familiari al-anon possono aiutarti”, che si terrà a Rimini dal 20 al 22  settembre 2019.

Pubblicato il 28 agosto 2019 alle ore 13:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità
premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.