Adolescenti e sigarette

 

È online la recensione dell’articolo internazionale “How Adolescents Experience Smoking Cessation” di McVea, Miller e colleghi (2009). L’articolo indaga e descrive il processo legato all'abbandono della dipendenza da tabacco negli adolescenti. Gli autori intendono fornire dei dati per identificare gli elementi di successo utilizzabili nella progettazione di interventi per smettere di fumare specifici per gli adolescenti.

Smettere di fumare in adolescenza

Molti adolescenti si pentono presto d'aver iniziato a fumare, eppure molti dei loro tentativi di smettere non vanno a buon fine. La letteratura suggerisce che l'esperienza legata al fumo e alla decisione di smettere differisce nei giovani rispetto agli adulti. Ad esempio, spesso gli adolescenti non sono consapevoli della loro dipendenza dalla nicotina finché non provano ad interromperne il consumo.

Alcuni studi evidenziano che gli adolescenti non sanno cosa fare per controllare la loro dipendenza e smettere di fumare. Possono far riferimento a fattori esterni, come gli incentivi genitoriali o i momenti di malattia (ad es. Scheffels e Schou, 2007), ma sembrano disinteressati alle fonti di supporto formali (ad es. Baillie et al., 2005). Al contrario dei fumatori adulti che tentano di smettere, però, gli adolescenti sembrano ricevere poco aiuto dagli amici e dai genitori (ad es. Falkin et al., 2007).

La ricerca

McVea, Miller e colleghi hanno intervistato 15 adolescenti, tra i 15 e i 18 anni, per un periodo di 3 mesi. Tutti i ragazzi (maschi e femmine) stavano cercando di smettere di fumare, senza ricorrere a strategie di sostegno sistematiche (come il counselling, i gruppi d'auto-aiuto, le consulenze mediche, i farmaci, ecc...), ma informandone i loro genitori.

I risultati

Benché tutti i ragazzi intervistati avevano l'intenzione di smettere di fumare entro i primi 30 giorni, solo 6 di loro riuscirono nel tentativo. Quattro partecipanti hanno smesso di fumare, 2 hanno ripreso dopo un breve periodo, 5 hanno diminuito il numero di sigarette giornaliere e 4 non hanno modificato il loro comportamento durante il corso dello studio.

Come aiutare i ragazzi a smettere di fumare?

Lo studio di McVea, Miller e colleghi mette in luce alcuni punti importanti che possono essere utilizzati per aiutare i ragazzi a smettere di fumare. Ad esempio, gli autori sottolineano l'importanza di fornire degli interventi di supporto specifici e strutturati appositamente per gli adolescenti. I ragazzi devono essere aiutati ad elaborare nuove strategie, anche di tipo concreto, e a costruire nuove abitudini. Soprattutto va loro mostrato che smettere di fumare consiste in una profonda modificazione del proprio stile di vita: anche il gruppo dei pari, il contesto sociale e la motivazione personale sono coinvolti nel processo.

Leggi l’intera recensione per saperne di più.

Pubblicato il 17/11/2009 alle ore 07:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Psicologia Musica Commerciale Pisanu Aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Prepararsi all’arrivo dell’autunno

Nel 1997 Alexia cantava di una pazza estate in “Summer Is Crazy”. Oggi 22 Settembre salutiamo la “pazza” e stra-ordinaria estate 2020 e diamo ufficialmente il benvenuto all'autunno. Questo cambio di stagione può influire sulle emozioni e sull'umore a causa della diminuzione delle ore di luce solare e degli sbalzi di temperatura.

Pubblicato il 22 settembre 2020 alle ore 09:26 da Ilario Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC
psicologia_musica_commerciale_pisanu_aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Il potere dell'Abbraccio

Your Loving Arms di Billie Ray Martin parla di amorevoli braccia che fanno sentire al riparo. Abbracciare ha un grande potere terapeutico: per il corpo, la mente e la salute in generale. Gli abbracci riducono ansia e stress, confortano, rassicurano e rendono più felici.

Pubblicato il 14 settembre 2020 alle ore 13:14 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.