Arrivederci ora legale!

Nel finesettimana appena trascorso l'orario è cambiato per permetterci di tornare dall'ora legale a quella solare. La pratica di spostare le lancette degli orologi di un'ora in avanti, nei mesi estivi, è diffusa in diverse parti del mondo con lo scopo di aumentare la luce solare nel tardo pomeriggio a scapito del primo mattino.

A tal proposito, un nuovo studio sembra dimostrare che il ritmo circadiano umano non si adatta all'orario legale, ma continua a seguire quello solare. Questa scoperta suggerisce che il passaggio stagionale all'orario legale, praticato da circa un quarto della popolazione umana, potrebbe rappresentare una perturbazione in grado di avere effetti indesiderati sulle persone.

La ricerca

Lo studio è stato effettuato dai ricercatori tedeschi e olandesi Kantermann, Juda, Merrow e  Roenneberg (2007) ed è stato pubblicato su Current Biology e divulgato da Psychology and Wellbeing.

Dalle ricerche effettuate, emerge che gli esseri umani vivono in esatta sincronia con il loro ambiente e con i cambiamenti stagionali. Indagando i modelli di sonno di 55.000 persone dell'Europa centrale, il gruppo di ricerca ha verificato che lo schema di sonno nei giorni liberi segue la progressione stagionale dell'alba secondo l'orario solare, non secondo quello legale.

Inoltre, gli autori hanno analizzato i picchi di attività e di riposo di 50 persone per 8 settimane durante i periodi del cambio d'orario, tenendo conto dei cronotipi individuali, cioè delle preferenze personali nella regolazione del ritmo circadiano. È emerso che i ritmi sonno-veglia si adattano facilmente in autunno, durante il passaggio dall'ora legale a quella solare, mentre non si adattano in primavera, durante il passaggio dall'orario standard a quello legale, soprattutto per le persone che tendono ad addormentarsi tardi la notte.

Gli effetti a lungo termine

Lo spostamento in avanti dell'orario di un'ora può sembrare di poca importanza, ma la pratica ciclica e prolungata di questo spostamento può influire negativamente sul naturale ritmo circadiano umano. Il ritmo sonno-veglia non si adatta all'orario legale, provocando disagi soprattutto alle persone che tendono ad avere i picchi di attività nelle ore serali. L'orologio biologico, infatti, rimane tarato sul ciclo solare e collide con gli impegni imposti dall'orologio sociale, creando, sicuramente, delle situazioni di stress.

Pubblicato il 02/11/2010 alle ore 09:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
progetto casa del municipio VIII roma

La Casa del Municipio Roma VIII: un luogo per i diritti

L'Aspic aderisce al progetto del Municipio VIII per offrire la propria professionalità al servizio dei cittadini in tema di: diritti al lavoro, diritti delle donne, diritto al benessere e alla salutogenesi.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 13:10 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
International Dictionary of Psychotherapy

International Dictionary of Psychotherapy

I'm glad to inform you that the International Dictionary of Psychotherapy has been published by Routledge: tra i modelli e i contributi presenti quelli di Edoardo Giusti e Claudia Montanari.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 10:19 da florinda [email protected] Archiviato in: Ricerca scientifica

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.