Babbo Natale esiste?

A che età è giusto svelare ai propri bambini il segreto di Babbo Natale? Sono molti i genitori che si interrogano in proposito. Può sembrare una domanda banale, tuttavia si tratta di una questione che riguarda il modo in cui ci rapportiamo ai nostri bambini e ai loro bisogni, in cui ce li rappresentiamo.

Svelare il segreto di Babbo Natale, infatti, fa parte di un percorso evolutivo comune ai nostri bambini. Spendiamo molto tempo a costruire per loro il mito di Babbo Natale, rispondendo alle curiosità dei bambini sul suo conto. Dove vive Babbo Natale? È straniero? Come fa passare dal camino? E come fa ad entrare nelle case in cui non c’è il camino? Come fa a sapere se sono stato buono o cattivo? Arriva poi il momento in cui la magia comincia a svanire e ci si chiede se è giusto continuare ad alimentare il mito. A volte sono i bambini stessi a nutrire dei dubbi, spesso verso i 6 anni, magari insinuati dai loro amici e dai compagni di scuola, altre volte sono i genitori a porsi il problema.

L'età giusta

Probabilmente non c’è un’età giusta per svelare il segreto di Babbo Natale, né si possono creare gravi danni sbagliando i tempi, tuttavia la preoccupazione verso l’argomento sottolinea la necessità di comprendere il mondo interiore dei bambini e l’attenzione alle loro esigenze.

È inutile insistere con Babbo Natale, se dimostrano d’aver perso fiducia e interesse verso l’argomento. Con il naturale sviluppo delle capacità cognitive, le contraddizioni logiche all’interno del mito potrebbero cominciare a stonare nella mente del bambino.

Allo stesso modo potrebbe essere inutile svelare la verità su Babbo Natale quando si dimostrano ancora presi e affascinati dal suo mito. I bambini hanno diritto alle loro favole.

Ascoltando i bambini, quindi, è possibile capire come comportarsi con loro e sintonizzarsi sui loro bisogni

Pubblicato il 19/12/2012 alle ore 07:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC

#Io resto a casa, ma noi restiamo insieme!

Prova contenuti

Pubblicato il 04 aprile 2020 alle ore 18:45 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

  #IORESTOACASA                          MA RESTIAMO INSIEME!

  L’attuale stato d’emergenza sanitaria richiede un’azione unita in risposta alla situazione difficile e complessa in cui versa adesso la nostra società; ancora di più per le famiglie che vivono una condizione di disagio sociale aggravato dalla presenza nel proprio nucleo familiare di una persona con disabilità. L’Associazione di Promozione [...]

Pubblicato il 28 marzo 2020 alle ore 18:57 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.