Caffè e allucinazioni

Si è diffusa recentemente una notizia negativa per gli italiani, da sempre grandi consumatori di caffè. Sembra che alla Durham University abbiano scoperto che assumere troppi caffè aumenti la possibilità di avere allucinazioni.

La notizia è scorretta. L’allarmismo ha preso piede da una cattiva interpretazione dei risultati di una ricerca di Simon Jones e Charles Fernyhough, pubblicata sull’ultimo numero della rivista Personality and Individual Differences.

Lo studio di Jones e Fernyhough

Il modello diatesi-stress delle psicosi

Lo studio di Jones e Fernyhough è basato su un modello diatesi-stress delle psicosi, secondo cui, a partire da una predisposizione individuale, i vissuti stressanti possono innescare meccanismi psicotici. Il mezzo biologico di questo processo sarebbe il cortisolo, rilasciato dal corpo in risposta agli eventi stressanti. In questo modo, quindi, il cortisolo giocherebbe un ruolo importante nella genesi delle esperienze psicotiche.

L’ipotesi di ricerca

E’ stato dimostrato che la caffeina è in grado di aumentare la produzione di cortisolo in risposta ad un evento stressante. Jones e Fernyhough si sono chiesti, quindi, se, a parità di livelli di stress, il maggiore apporto di caffeina sia associato a una maggiore propensione a sperimentare allucinazioni e ideazioni persecutorie.

Metodo di ricerca

L’apporto di caffeina, i livelli di stress, la propensione ad avere allucinazioni e ideazioni persecutorie sono state indagate attraverso questionari di autovalutazione con un campione non-clinico di 219 studenti universitari.

I risultati

L’apporto di caffeina è risultato correlare positivamente con i livelli di stress e con le allucinazioni, ma non con le ideazioni persecutorie.

La caffeina causa allucinazioni?

Anche se l’assunzione di caffeina correla con l’esperire delle allucinazioni, non vuol dire che la caffeina causi le allucinazioni. La correlazione positiva stabilisce semplicemente che all’aumentare (o al diminuire) di X, aumenta (o diminuisce) anche Y. Quale sia l’evento causa tra X e Y, non è dato saperlo. Ad esempio la causa potrebbe anche essere un evento Z, non preso in considerazione dalla ricerca, ma in grado di influenzare contemporaneamente sia X che Y.

Lo studio ha anche altri limiti che gli stessi autori prendono in considerazione: un campione relativamente piccolo, non rappresentativo della popolazione e una misurazione autovalutata (di cui quindi non si conosce l’accuratezza).

Il futuro della ricerca

I risultati di Jones e Fernyhough sono un buon punto di partenza per future ricerche che vadano ad indagare la connessione tra caffeina, cortisolo e manifestazione psicotiche. Gli autori suggeriscono di verificare se la relazione da loro individuata tra consumo di caffeina e propensione alle allucinazioni sia di tipo causale. Inoltre, è da spiegare il perché aumenti solo la propensione alle allucinazioni e non l’ideazione persecutoria.

Pubblicato il 02/02/2009 alle ore 07:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

L'Aquila 10 anni dopo

In occasione del 10° anno del terremoto che ha colpito l'Aquila LAspic, dal 31 maggio al 2 giugno 2019, organizza una tavola rotonda e un corso sull'emergenza 

Pubblicato il 24 maggio 2019 alle ore 18:42 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC

L'Aspic all'Expò del sociale 2019

Vieni a trovarci all'Expò del Sociale a Roma, sabato 18 maggio, presso le sale della sede del Municipio VIII, un modo per conoscerci e conoscere il mondo del sociale presente nella nostra città.

Pubblicato il 15 maggio 2019 alle ore 17:55 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Corso DSM-5 Aspic Psicologia Napoli - Avellino

Il DSM-5: il 22 giugno a Napoli

Riserva il tuo posto al corso  "DSM-5: nuove classificazioni e diagnosi" che si terrà il 22 giugno 2019 presso la sede Aspic di Napoli - Avellino

Pubblicato il 14 maggio 2019 alle ore 16:57 da redazione Archiviato in: Sezioni Territoriali

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.