Che sorpresa!

Con l’approssimarsi della Pasqua, le uova di cioccolata colorano festose le botteghe ed i supermercati, tentando la gola e stuzzicando la curiosità con le sorprese in esse contenute.

Non sono solo i bambini, infatti, a lasciarsi intrigare dai regali celati dalle uova. Il mistero dell’oggetto da scoprire coinvolge anche i più grandi, lasciando spazio alla più breve delle emozioni: la sorpresa.

La sorpresa

La sorpresa è generalmente ritenuta una delle emozioni fondamentali (Tomkins, 1962; Plutchick, 1962; Izard, 1972; Ekman, 1973). Si tratta quindi di un'emozione che (Ekman, 1992):

  • ha segnali caratteristici e universali, cioè uguali in ogni cultura;
  • risponde a peculiari reazioni fisiologiche;
  • ha un inizio rapido ed una breve durata;
  • è presente in altri primati;
  • è sottoposta ad una valutazione automatica da parte della persona;
  • ha un'insorgenza spontanea.

La sorpresa è l’emozione più breve. Se abbiamo il tempo di pensare a cosa sta accadendo, allora non siamo più sorpresi. Appena abbiamo il tempo di valutare l’evento, passiamo ad un'altra emozione, che può essere la gioia, l'imbarazzo, la felicità, la tristezza, la paura e via dicendo.

La mimica della sorpresa

Come ogni emozione, la sorpresa ha una sua mimica peculiare (Russel e Fernández Dols, 1998):

  • le sopracciglia sono sollevate e incurvate;
  • la pelle sotto il sopracciglio è stirata;
  • rughe orizzontali attraversano la fronte;
  • le palpebre sono aperte, quella superiore sollevata e l’inferiore abbassata;
  • il bianco degli occhi è visibile sopra l’iride e, spesso, anche sotto;
  • la mascella si abbassa, cosicché labbra e denti si dischiudono, ma non c’è tensione o stiramento della bocca.

Poiché l’esperienza della sorpresa è breve ed è seguita quasi sempre da un’altra emozione, il volto mostra spesso una miscela o un susseguirsi di due emozioni. Così, mentre qualcuno scoprirà il regalo nel proprio uovo di Pasqua, sarà possibile osservare le sopracciglia alzate (che segnalano la sorpresa) accompagnate dal sorriso (che segnala la gioia) o dagli angoli della bocca rivolti verso il basso (che segnala la delusione).

Riconoscere le emozioni

Saper riconoscere le emozioni degli altri permette di costruire e mantenere delle relazioni autentiche, basate sullo scambio e sul confronto. Si tratta di una competenza essenziale della capacità di convivenza, che permette di regolare il proprio comportamento tenendo conto di quello degli altri e di essere empatici.

Purtroppo la capacità di comprendere le emozioni altrui viene spesso sottovalutata e, generalmente, non viene insegnata in modo esplicito. Ad eccezione dei "professionisti del settore", come psicologi, psicoterapeuti e counsellor, sono pochi quelli che ricevono una formazione in tal senso. Eppure "la capacità di saper leggere e decodificare i segnali del volto di chi abbiamo di fronte, diminuisce il rischio di incomunicabilità e rende più efficace ed efficiente l’interazione, anche se limitata nel tempo: le facce parlano anche quando sono in silenzio o appaiono prive di espressività" (Giusti e Cadamuro, 2008, p. 40).

Pubblicato il 14/04/2011 alle ore 09:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

alanon logo

Raduno Nazionale dei Gruppi Familiari Al-Anon

Condividiamo volentieri con tutti i colleghi e non l'invito a partecipare al Raduno Nazionale dei Gruppi Familiari Al-Anon dal tema: “Soffri per il bere di un’altra persona? I gruppi familiari al-anon possono aiutarti”, che si terrà a Rimini dal 20 al 22  settembre 2019.

Pubblicato il 28 agosto 2019 alle ore 13:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità
premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
progetto casa del municipio VIII roma

La Casa del Municipio Roma VIII: un luogo per i diritti

L'Aspic aderisce al progetto del Municipio VIII per offrire la propria professionalità al servizio dei cittadini in tema di: diritti al lavoro, diritti delle donne, diritto al benessere e alla salutogenesi.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 13:10 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.