Cinematerapia

Secondo Emily Marsick (2010), della Lesley University, la cinematerapia può essere efficace con i preadolescenti che si trovano a vivere il divorzio dei loro genitori.

L'autrice ha recentemente pubblicato una ricerca di tipo qualitativo che  sostiene l'efficacia dell'intervento di cinematerapia per aiutare i ragazzi nell'espressione e nell'elaborazione dei sentimenti dolorosi,  nel promuovere la catarsi delle emozioni, in particolare della rabbia e della tristezza, e nel favorire lo sviluppo di nuove competenze per affrontare la nuova condizione familiare.

La cinematerapia

La cinematerapia può essere considerata un'estensione della biblioterapia (Hebert e Neumeister, 2001, 2002). Si tratta di un approccio creativo alla terapia, in cui ai clienti viene assegnato il compito di guardare dei film relativi alle problematiche che stanno affrontando.

I film possono essere visti autonomamente dal cliente tra due sedute oppure nel corso delle sedute e vengono poi discussi insieme allo psicoterapeuta.

I film possono essere usati per coinvolgere la fantasia durante la terapia, permettono la discussione di temi difficili diminuendo la resistenza, favoriscono l'espressione delle emozioni, aiutano i clienti a guardare i problemi da diverse prospettive e forniscono modelli di ruoli o soluzioni alternative.

Durante la ricerca, Emily Marsick ha fatto seguire alle proiezioni terapeutiche delle attività espressive e creative, come collage, testi, giochi di ruolo, ideazioni di slogan, esercizi di problem solving o altro, per aiutare i clienti più giovani ad elaborare le risposte al film.

Aree di cambiamento

Attraverso la visione di film in terapia, sostiene Marsick, sono stati aiutati i preadolescenti ad esprimere i loro sentimenti profondi, avivere un'esperienza catartica delle emozioni di rabbia e tristezza e a sviluppare nuove capacità di coping per affrontare il divorzio dei genitori, promuovendo il cambiamento in diverse aree:

  • capacità di riconoscere le emozioni;
  • meccanismi di identificazione;
  • meccanismi di proiezione;
  • visione interattiva;
  • aumento della condivisione;
  • capacità di generalizzare (creare un ponte tra terapia e vita quotidiana);
  • attività espressive di risposta;
  • catarsi;
  • uso delle metafore;
  • maggiore capacità di identificare e di usare le abilità di coping;
  • auto-selezione (scelta e condivisione di storie significative).

Leggi la recensione per saperne di più.

Pubblicato il 05/07/2011 alle ore 09:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
locandina ridotta

Psicologia di Comunità e Covid-19: verso una giustizia ambientale? - Il Webinar di Donata Francescato

Dopo il coronavirus non possiamo tornare alla vecchia normalità che ha prodotto inquinamento, vulnerabilità e oppressione.Dunque, che cosa possiamo fare? E tu, cosa sei dispostro a fare? 

Pubblicato il 05 giugno 2020 alle ore 17:48 da redazione Archiviato in: Attualità
locandina terra ferita

L'Aquila 10 anni dopo: gli interventi della Tavola Rotonda

Ad un anno dall'evento, "L'Aquila 10 anni dopo - Da Terra Ferita a Terra Generatrice", condividiamo i video degli interventi realizzati durante la Tavola Rotonda.

Pubblicato il 24 maggio 2020 alle ore 12:09 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità, Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.