Cuccioli e benessere

È comune pensare che la compagnia di un animale domestico possa contribuire al benessere psicofisico e sono molte ormai le evidenze scientifiche e le pratiche cliniche, come la Pet Therapy, che sembrano avallare questa ipotesi.

Deborah Wells (2009), della Queen's University di Belfast, ha recentemente pubblicato una rassegna degli studi che trattano l'argomento, di cui presentiamo una recensione.

Effetti sulla salute e sul benessere

L'autrice prende in considerazione gli effetti fisiologici e psicologici nel breve e nel lungo termine, mostrando che gli animali da compagnia possono contribuire al miglioramento della salute e della qualità di vita dei loro padroni.

Effetti sulla salute a breve termine

Accarezzare un animale provoca un momentaneo abbassamento della pressione del sangue e del ritmo cardiaco. Alcuni studi hanno evidenziato lo stesso effetto già alla sola presenza di un animale da compagnia, senza la necessità di un'interazione tra essere umano e animale.

Effetti sulla salute a lungo termine

I padroni di un animale si rivolgono meno frequentemente al medico rispetto a chi non possiede animali, hanno un rischio minore di sviluppare malattie cardiache e un livello più basso di trigliceridi nel sangue. Inoltre, la presenza di un animale sembra anche poter migliorare il recupero dello stato di salute in seguito alle malattie.

Effetti sul benessere psicologico

Secondo Wells, oltre che contribuire alla salute fisica delle persone, gli animali da compagnia possono migliorare il benessere psicologico degli individui, modulando gli effetti degli eventi di vita potenzialmente stressanti (per esempio i lutti o i divorzi), riducendo i livelli di ansia, di solitudine e di depressione e rafforzando i sentimenti di autonomia, competenza e autostima.

Effetti sugli anziani

Un dato interessante è che gli effetti positivi sulla salute fisica sembrano diminuire con l'aumentare dell'età del padrone. Questo risultato sembrerebbe contrario al senso comune, secondo cui può essere benefico regalare un animale da compagnia agli anziani.

Contemporaneamente, alcuni studi hanno trovato una relazione tra il prendersi cura di un animale e l'abbassarsi dei livelli di depressione, anche negli anziani . In base a quest'ultimo dato, si potrebbe ipotizzare che per gli anziani la compagnia di un animale abbia effetti positivi sull’aspetto psicologico, anche se non ne risultano su quello fisico. Altri studi, invece, non hanno riscontrato relazioni significative.

Come può un animale migliorare la salute di un uomo?

Wells ritiene che allo stato attuale della ricerca non è ancora possibile spiegare come la relazione tra animali da compagnia ed esseri umani influisce sul benessere degli individui, tuttavia propone delle ipotesi.

Leggi la recensione per saperne di più.

Pubblicato il 08/02/2011 alle ore 09:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

L'Aquila 10 anni dopo

In occasione del 10° anno del terremoto che ha colpito l'Aquila LAspic, dal 31 maggio al 2 giugno 2019, organizza una tavola rotonda e un corso sull'emergenza 

Pubblicato il 24 maggio 2019 alle ore 18:42 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC

L'Aspic all'Expò del sociale 2019

Vieni a trovarci all'Expò del Sociale a Roma, sabato 18 maggio, presso le sale della sede del Municipio VIII, un modo per conoscerci e conoscere il mondo del sociale presente nella nostra città.

Pubblicato il 15 maggio 2019 alle ore 17:55 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Corso DSM-5 Aspic Psicologia Napoli - Avellino

Il DSM-5: il 22 giugno a Napoli

Riserva il tuo posto al corso  "DSM-5: nuove classificazioni e diagnosi" che si terrà il 22 giugno 2019 presso la sede Aspic di Napoli - Avellino

Pubblicato il 14 maggio 2019 alle ore 16:57 da redazione Archiviato in: Sezioni Territoriali

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.