Diventare madre

 

Di Alessia D'Acunti, psicologa.

Quest'anno la Festa della Mamma cadrà domenica 9 maggio. Per l'occasione dedichiamo questo spazio ad una delle esperienze che attraversano la vita della maggior parte delle donne: il parto.

Il parto è un momento noto per essere contemporaneamente bello, doloroso e complesso. Benché rappresenti un momento importantissimo nella vita di molte donne, ancora poca è l'attenzione che si pone al loro vissuto e alle loro esigenze. Recentemente Arwa Oweis (2009), docente della Jordan University of Science and Technology, ha dato voce alle esperienze ed alle problematiche delle partorienti in una ricerca che ha coinvolto 177 donne giordane.

L'esperienza delle donne giordane

Lo studio ha documentato attraverso un questionario la percezione, da parte delle donne, di differenti aspetti della loro esperienza di parto, includendo numerose variabili, tra cui:

  • le aspettative,
  • la soddisfazione,
  • il controllo percepito sull'evento,
  • le aspettative sul dolore,
  • l'efficacia del controllo sul dolore,
  • la percezione di essere coinvolte nelle decisioni.

La maggior parte delle partecipanti ha segnalato insoddisfazione per l'esperienza generale del parto, che è risultata più dolorosa di quanto ci si aspettasse. Molte donne si sono dette spaventate, poco informate sulle procedure a cui venivano sottoposte ed hanno percepito di avere poco controllo su quello che stava accadendo. Le affermazioni del questionario che hanno ricevuto i punteggi medi più bassi sono stati principalmente quelli riguardanti la qualità delle cure ricevute durante il parto.

I benefici del prendersi cura

I risultati ottenuti da Arwa Oweis non sono generalizzabili alla situazione italiana. Una prima osservazione è che in Italia esistono corsi di preparazione al parto che si configurano quale momento di incontro tra le future mamme (e, a volte, anche i futuri papà) e gli operatori sanitari qualificati (psicologo, ginecologo, pediatra, ostetrica, assistente sociale, assistente sanitaria) e si propongono proprio di preparare le gestanti ad affrontare il parto il più serenamente e consapevolmente possibile.

In ogni caso l'articolo mette in evidenza la necessità di curare con attenzione il momento del parto. Le paure delle future mamme vanno chiarite e trattate in modo realistico, le informazioni vanno date in modo completo e attento, così da favorire la possibilità di compiere delle scelte consapevoli.

L'impressione che si trae leggendo l'articolo è che le partorienti vengano inserite in un sistema funzionale dal punto di vista tecnico, ma disattento ai bisogni psicosociali delle future mamme: sembra siano loro ad adattarsi alle necessità delle strutture, piuttosto che essere accolte nelle loro esigenze.

La consapevolezza di questi aspetti può essere molto utile al fine di aiutare le strutture ad essere maggiormente orientate alle persone, ai loro bisogni e alle loro domande, ricordando l'enorme beneficio sociale che si ottiene dal prendersi cura di chi si prende cura.

Partorire in Italia

Leggendo l'articolo di Arwa Oweis, che ritrae la situazione delle partorienti giordane, viene da chiedersi come sia vissuta la situazione in Italia. L'esperienza che le donne fanno nelle strutture italiane è paragonabile a quella giordana? Le partorienti nel nostro Paese si sentono spaventate, poco informate sulle procedure e poco coinvolte nelle scelte che si prendono in sala parto oppure sono soddisfatte dell'assistenza e delle cure che ricevono?

Discutine sul forum ASPICommunity.

Pubblicato il 06/05/2010 alle ore 07:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
ritaglio articolo quotidiano ciciotti

La vita dopo il Covid-19

Valeria Ciciotti, nostra socia e volontaria di Aspic Emergenza, nonchè operatrice del Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza, ci aiuta a ragionare su cosa accadrà una volta terminata l'epidemia di Corona Virus.Quali i possibili risvolti positivi e quali saranno invece le paure che porteremo con noi fuori dall'emergenza.

Pubblicato il 05 aprile 2020 alle ore 15:39 da redazione Archiviato in: nessuna categoria attribuita
locandina sportello hermes onlus

#Io resto a casa, ma noi restiamo insieme!

L’associazione di promozione sociale Hermes Onlus per far fronte alla difficile situazione attuale,  mette a disposizione delle famiglie con al loro interno una persona con disabilità, il servizio gratuito: lo sportello di asoclto on line "restiamo insieme".

Pubblicato il 04 aprile 2020 alle ore 18:45 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.