Dormiglione? Colpa dei geni

Un team di ricercatori di Harvard ha recentemente scoperto che la tendenza ad alzarsi presto o tardi potrebbe essere regolata da una variante piuttosto comune di gene.

La ricerca, pubblicata sull'ultimo numero di Annals of Neurology e divulgata su focus.it, è basata su un campione di 1200 pazienti di 65 anni, sani, con problemi di insonnia. Dall'incrocio tra l'analisi dei ritmi sonno-veglia dei volontari e il loro DNA sembra emergere una correlazione tra le variazioni di un nucleotide vicino al gene Period1 e i ritmi circadiani. In particolare, il 40% degli individui analizzati aveva come base del nucleotide l'Adenina mentre il restante 60% la Guanina.
Dallo studio è emerso che le persone con genotipo A-A (cioè con una coppia di Adenina in quella specifica posizione su ciascuno dei cromosomi) tendono in media a svegliarsi un'ora prima rispetto a quelli con genotipo G-G. 

Il gene del sonno

Anche lo scorso anno il sonno era stato osservato da un punto di vista genetico da una ricerca pubblicata sulla rivista Molecular Psychiatry e divulgata da salvagente.it.

I ricercatori dell'Università di Edimburgo e dell'Università Ludwig Maximilians di Monaco, infatti, avevano individuato una correlazione tra un gene, l'ABCC9, e la quantità di ore di sonno necessarie al riposo. Analizzando i dati di oltre 10000 persone di paesi diversi, è emerso che i portatori di questo gene tendono a dormire almeno mezz'ora in più a notte per sentirsi riposati rispetto a chi non ha questo gene.

Utilità

Studi come questi permettono di far chiarezza su alcuni dei meccanismi legati al sonno e, soprattutto, forniscono informazioni importanti su quanto e come è possibile modificare i nostri comportamenti attraverso i trattamenti e le psicoterapie delle insonnie. Gli obiettivi da perseguire, infatti, vanno scelti in base alle proprie risorse e ai propri vincoli allo scopo di migliorare la propria qualità della vita.

Pubblicato il 11/12/2012 alle ore 07:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Psicologia Musica Commerciale Pisanu Aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Prepararsi all’arrivo dell’autunno

Nel 1997 Alexia cantava di una pazza estate in “Summer Is Crazy”. Oggi 22 Settembre salutiamo la “pazza” e stra-ordinaria estate 2020 e diamo ufficialmente il benvenuto all'autunno. Questo cambio di stagione può influire sulle emozioni e sull'umore a causa della diminuzione delle ore di luce solare e degli sbalzi di temperatura.

Pubblicato il 22 settembre 2020 alle ore 09:26 da Ilario Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC
psicologia_musica_commerciale_pisanu_aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Il potere dell'Abbraccio

Your Loving Arms di Billie Ray Martin parla di amorevoli braccia che fanno sentire al riparo. Abbracciare ha un grande potere terapeutico: per il corpo, la mente e la salute in generale. Gli abbracci riducono ansia e stress, confortano, rassicurano e rendono più felici.

Pubblicato il 14 settembre 2020 alle ore 13:14 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.