I videogiochi in psicoterapia

Molti bambini e adolescenti incontrano difficoltà con la tradizionale psicoterapia faccia a faccia. I videogiochi potrebbero essere uno strumento molto utile per coinvolgerli e promuovere così la relazione con il clinico.

Un recente rassegna

In merito a questo argomento, è online la recensione di un recente articolo di Tolga Atilla Ceranoglu (2010) del Massachusetts General Hospital. L'autrice propone una rassegna della letteratura sull’uso dei videogiochi nella psicoterapia con bambini e adolescenti, evidenziando i punti di forza e di debolezza di tale strumento.

Tutti gli articoli esaminati, seppure diversi per quanto riguarda i campioni, la metodologia e la modalità d'utilizzo dei videogiochi, arrivano ad una conclusione comune: l'uso dei videogiochi in psicoterapia ha aiutato i giovani pazienti a diventare più cooperativi col terapeuta e più entusiasti del trattamento. 

Punti di debolezza e di forza

Ceranoglu ha categorizzato tre tipi di barriere all'utilizzo dei videogiochi in psicoterapia:

  • contenuto del videogioco e tipo di interazione richiesta;
  • atteggiamento degli adulti verso i videogiochi;
  • accessibilità dei videogiochi;

Contemporaneamente i videogiochi potrebbero offrire opportunità uniche in ambito psicoterapeutico. I terapeuti sono già abituati ad utilizzare giochi e giocattoli nel loro setting e i videogiochi potrebbero presentare delle risorse aggiuntive, tra cui:

  • attivazione di aspetti transferali alternativi;
  • realizzazione di un setting che favorisca la relazione ;
  • promozione dell’osservazione.

Come utilizzare i videogiochi in terapia

Bilanciando punti di forza e di debolezza, Ceranoglu propone delle modalità e degli scopi per utilizzare i videogiochi in terapia:

  • costruire la relazione utilizzando un videogioco: i videogiochi, da cui i giovani sono molto attratti, possono trasformarsi in un ottimo strumento per avvicinare terapeuta e paziente, anche perché potrebbero elicitare in entrambi emozioni simili;
  • valutare lo stile cognitivo: l'autrice suggerisce che molte competenze cognitive potrebbero essere osservate attraverso l'uso dei videogiochi, come la memoria, le competenze visuospaziali, la capacità di pianificare e la tolleranza della frustrazione;
  • elaborare i conflitti: secondo l'autrice, l'utilizzo dei videogiochi potrebbe scoprire dei conflitti e aiutare nella loro elaborazione.

Leggi la recensione per saperne di più.

Pubblicato il 26/10/2010 alle ore 09:00

Non ci sono tag

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

aspic per gli psicologi

Aspic per gli Psicologi

Corso di Counseling e Coaching per Psicologi e Testi di sviluppo professionale per la Clinica delle Relazioni d'aiuto.

Pubblicato il 07 gennaio 2020 alle ore 13:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Corsi, Iniziative ASPIC, Professionisti, Ricerca scientifica
lgbt

Incontro LGBT+

A Roma, un gruppo per ricevere: un momento per te dove sentirti accettato e ascoltato; la libertà di condividere ciò che più ti sta a cuore; uno spazio dove fare luce sulle tue risorse interne ed esterne; spunti dall'ascolto e dallo scambio con gli altri; una nuova prospettiva su ciò che ti succede dentro.

Pubblicato il 23 dicembre 2019 alle ore 12:00 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Raccontarsi per valorizzarsi

Incontri per persone dai 60 anni in su: ogni persona ha una storia unica e irripetibile; poterla raccontare le permette di ritrovare il valore che ha dentro di sé. Prenotati per il primo appuntamento che si terrà il 20 gennaio 2020.

Pubblicato il 22 dicembre 2019 alle ore 20:44 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.