Lavori che rendono felici

 

I 10 lavori che rendono felici sono stati classificati da un sondaggio effettuato dalla National Organization for Research della University of Chicago e diffuso su Forbes. E non coincidono con i 10 lavori più remunerativi.

I soldi non fanno la felicità

"I soldi non fanno la felicità". È un detto comune, ma di questi tempi diventa sempre più difficile crederci. A sostegno del vecchio motto, tuttavia, sembrano esserci i risultati di questo sondaggio, che stilla una classifica dei lavori ritenuti più soddisfacenti da chi li pratica.I  lavoratori più soddisfatti del proprio lavoro sono:

  1. gli appartenenti al clero;
  2. i vigili del fuoco;
  3. i fisioterapisti;
  4. gli autori;
  5. gli insegnanti di sostegno ed educazione speciale;
  6. gli insegnanti;
  7. gli artisti;
  8. gli psicologi e gli psicoterapeuti;
  9. gli agenti di vendita di servizi finanziari;
  10. gli ingegneri che lavorano "sul campo".

Sembrano essere due le caratteristiche principali che accomunano questi 10 lavori, in particolare per quanto riguarda le prime 8 posizioni: la libertà e soprattutto, la possibilità di instaurare una relazione d'aiuto.

Libertà e relazione d'aiuto

Gli autori e gli artisti hanno la libertà di esprimersi e di organizzarsi i tempi e i contenuti del lavoro e si trovano a contatto con persone ed ambienti culturalmente stimolanti. In misura minore, la stessa possibilità è offerta anche agli altri lavoratori della lista. Inoltre tutti si trovano ad affrontare spesso situazioni di problem solving creativo, che stimolano la curiosità e l'impegno.

La caratteristica più evidente, comunque, è la "relazionalità" delle professioni citate. Sembra che il lavoratore soddisfatto sia quello che sente d'essere d'aiuto per l'altro e che abbia la possibilità di costruire una relazione autentica con il suo cliente. Una professione d'aiuto, anche se spesso è impegnativa e poco remunerativa, sembra essere in grado di dare molto a chi la pratica. La soddisfazione d'esser stato utile sembra essere più nutriente del denaro e il beneficio è sempre duplice: per chi offre la propria professionalità e per chi decide di farvi ricorso.

Discutine sul forum

Psicologi, psicoterapeuti ed altri professionisti della relazione d'aiuto sono tra i lavoratori più soddisfatti, contemporaneamente sono spesso annoverati tra i lavoratori più a rischio di burn out. Tu come ti senti? Sei soddisfatto del tuo lavoro?

Discutine sul forum.

Pubblicato il 31/01/2012 alle ore 09:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
progetto casa del municipio VIII roma

La Casa del Municipio Roma VIII: un luogo per i diritti

L'Aspic aderisce al progetto del Municipio VIII per offrire la propria professionalità al servizio dei cittadini in tema di: diritti al lavoro, diritti delle donne, diritto al benessere e alla salutogenesi.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 13:10 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
International Dictionary of Psychotherapy

International Dictionary of Psychotherapy

I'm glad to inform you that the International Dictionary of Psychotherapy has been published by Routledge: tra i modelli e i contributi presenti quelli di Edoardo Giusti e Claudia Montanari.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 10:19 da florinda [email protected] Archiviato in: Ricerca scientifica

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.