Lavori che rendono felici

 

I 10 lavori che rendono felici sono stati classificati da un sondaggio effettuato dalla National Organization for Research della University of Chicago e diffuso su Forbes. E non coincidono con i 10 lavori più remunerativi.

I soldi non fanno la felicità

"I soldi non fanno la felicità". È un detto comune, ma di questi tempi diventa sempre più difficile crederci. A sostegno del vecchio motto, tuttavia, sembrano esserci i risultati di questo sondaggio, che stilla una classifica dei lavori ritenuti più soddisfacenti da chi li pratica.I  lavoratori più soddisfatti del proprio lavoro sono:

  1. gli appartenenti al clero;
  2. i vigili del fuoco;
  3. i fisioterapisti;
  4. gli autori;
  5. gli insegnanti di sostegno ed educazione speciale;
  6. gli insegnanti;
  7. gli artisti;
  8. gli psicologi e gli psicoterapeuti;
  9. gli agenti di vendita di servizi finanziari;
  10. gli ingegneri che lavorano "sul campo".

Sembrano essere due le caratteristiche principali che accomunano questi 10 lavori, in particolare per quanto riguarda le prime 8 posizioni: la libertà e soprattutto, la possibilità di instaurare una relazione d'aiuto.

Libertà e relazione d'aiuto

Gli autori e gli artisti hanno la libertà di esprimersi e di organizzarsi i tempi e i contenuti del lavoro e si trovano a contatto con persone ed ambienti culturalmente stimolanti. In misura minore, la stessa possibilità è offerta anche agli altri lavoratori della lista. Inoltre tutti si trovano ad affrontare spesso situazioni di problem solving creativo, che stimolano la curiosità e l'impegno.

La caratteristica più evidente, comunque, è la "relazionalità" delle professioni citate. Sembra che il lavoratore soddisfatto sia quello che sente d'essere d'aiuto per l'altro e che abbia la possibilità di costruire una relazione autentica con il suo cliente. Una professione d'aiuto, anche se spesso è impegnativa e poco remunerativa, sembra essere in grado di dare molto a chi la pratica. La soddisfazione d'esser stato utile sembra essere più nutriente del denaro e il beneficio è sempre duplice: per chi offre la propria professionalità e per chi decide di farvi ricorso.

Discutine sul forum

Psicologi, psicoterapeuti ed altri professionisti della relazione d'aiuto sono tra i lavoratori più soddisfatti, contemporaneamente sono spesso annoverati tra i lavoratori più a rischio di burn out. Tu come ti senti? Sei soddisfatto del tuo lavoro?

Discutine sul forum.

Pubblicato il 31/01/2012 alle ore 09:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
gruppo_autostima_esposito_aspicpsicologia

Gruppo online di evoluzione per l’autostima

Segnaliamo con piacere questa iniziativa della nostra socia, la dr.ssa Francesca Esposito, che propone un gruppo di evoluzione per l'autostima: il gruppo si svolge online.

Pubblicato il 01 dicembre 2020 alle ore 17:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Aspicpsicologia.org
copertina Nuovo Consumo Novembre

Aspic Psicologia per il 25 Novembre, Giornata Internazionale di lotta alla violenza contro le donne

In occasione della Giornata Intenazionale di lotta contro la violenza sulle donne, Aspic Psicologia propone un'intervista rilasciata dalla nostra socia Elisabetta Gallotta, alla rivista dei soci Coop Nuovo Consumo. 

Pubblicato il 17 novembre 2020 alle ore 18:16 da redazione Archiviato in: Attualità, Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.