Peer Education

L'articolo ASPICommunity di ottobre

L'articolo ASPICommunity di questo mese, scritto da Carla Bordoni, Brunella Filigonio, Alessandra Orsi, Lorena Toller, tratta il tema della Peer Education, resocontando un progetto, realizzato recentemente a Roma, per favorire la socializzazione e la valorizzazione delle risorse degli studenti.

La Peer Education

La Peer education  è l'insegnamento o lo scambio di informazioni, valori o comportamenti tra persone simili per età o stato. E' un modo per diventare protagonisti consapevoli della propria formazione, contribuendo  a realizzare  uno degli obiettivi fondamentali dell'educazione scolastica: costruire e rafforzare il senso di efficacia personale e collettiva.

La ricerca scientifica sugli effetti dell'autoefficacia, in particolare, ha messo in evidenza che le persone dotate di una certa fiducia nelle proprie capacità sanno misurarsi con compiti difficili, non si scoraggiano di fronte alle difficoltà, riuscendo anzi ad affrontarle in maniera costruttiva, magari intensificando gli sforzi.

Scopo del progetto

Partendo dal presupposto che l'educazione tra pari possa essere considerata una strategia efficace per promuovere la salute psico-fisica degli adolescenti e per la prevenzione del disagio attraverso forme di educazione diversa da quella tradizionale, il progetto ha avuto lo scopo di formare dei peer educator. Si è cercato, cioè, di coinvolgere alcuni allievi nel processo insegnamento/apprendimento, facendoli agire come facilitatori delle relazioni, più esperti dei loro compagni, assumendo il ruolo di "agenti di cambiamento" presso i loro pari,  al fine di favorire la socializzazione all'interno del gruppo classe, valorizzare le capacità e gli interessi di ciascuno e eventualmente contribuire a ridurre il tasso d'evasione scolastica.

Metodologia

Gli incontri con il gruppo dei peer educator sono stati da strutturati per far acquisire ai ragazzi un maggior potere personale (empowerment) e la capacità di riconoscere l'empowerment di gruppo, attraverso lo sviluppo di competenze e abilità (life skills), che potessero mettere in grado ciascuno di loro di affrontare le difficoltà e i cambiamenti con maggiori risorse.

La metodologia utilizzata è stata di tipo prevalentemente esperienziale, ispirata ai principi della psicologia umanistica e della psicologia gestaltica, secondo un approccio pluralistico integrato. Le tecniche usate per la formazione dei ragazzi sono state: il circle-time, il brain-storming, il role-play, le drammatizzazioni e i giochi interattivi.

Verifica dei risultati

I ragazzi hanno mostrato  grande interesse per i temi trattati, coinvolgimento e partecipazione alle attività proposte e soprattutto hanno rivelato un enorme bisogno di essere ascoltati, di confrontarsi reciprocamente,  di condividere pensieri ed emozioni all'interno del gruppo dei pari, risorsa questa importante da valorizzare e riattivare nella scuola al fine di promuovere la salute psico-fisica degli adolescenti.

Consulta la sezione Ricerca Scientifica per leggere questo e altri articoli di interesse scientifico.

Pubblicato il 16/10/2008 alle ore 07:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

rivista integrazione immagine

Rivista Integrazione nelle Psicoterapie numero 9 - 2019

E' stato pubblicato l'ultimo numero della rivista "Integrazione nelle Psicoterapie", dedicato ai Cittadini di Genova dal Nucleo NSPS Aspic Emergenza, progettato e realizzato con il contributo dei soci AspicARSA e Aspic Psicologia.

Pubblicato il 01 marzo 2019 alle ore 09:42 da florinda [email protected] Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC, Ricerca scientifica
al-anon-7aprile2019

7 Aprile 2019: Seminario aperto di Al-Anon

L'Associazione Gruppi Familiari Al-Anon - Area Lazio Campania invita tutti a partecipare al seminario aperto che si terrà il 7 Aprile 2019 dalle 9.30 alle 17.00: Capire... se stessi, i genitori e gli altri. Conoscenza, cambiamento e rinascita.

Pubblicato il 26 febbraio 2019 alle ore 15:03 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità
Overeaters_Anonymous

Riunione aperta: Accettare la Malattia senza provare vergogna

Condividiamo l'invito a partecipare alla Riunione Aperta dal titolo “Accettare la Malattia senza provare vergogna” promossa da Overeaters Anonymous A.P.S.(OA) che si terrà il 17 Marzo 2019 a Roma presso la Chiesa Santa Maria Goretti – Via Tripolitania 143.

Pubblicato il 26 febbraio 2019 alle ore 14:49 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.