Persona e disabilità

 

È online l’articolo ASPIC di questo mese, scritto da Gilda Di Nardo ed Emanuela Marini. L’articolo tratta il tema della disabilità, presentando un’indagine sull’immaginario collettivo legato a questo argomento.

Classificazioni e disabilità

Il concetto di disabilità è sicuramente  ampio. Nell’articolo, le autrici, si propongono di stare al di là delle classificazioni. Tradizionalmente, nel panorama europeo ma soprattutto in quello italiano, il confronto attorno al concetto di disabilità e, quindi, anche dell’integrazione, è avvenuto essenzialmente tra modelli di tipo causale (ad es. medico, sociale, bio-psicosociale), tendenti ad indagare la disabilità secondo uno schema di tipo causalista, e modelli di tipo istituzionale. La psicologia e la psicoterapia, si sono spesso interessate alla disabilità,  poco sul versante della sensibilizzazione e dell’informazione e molto di più su quello del trattamento e della valutazione.

Una prospettiva antropologica

Ai giorni nostri, è possibile e necessario che ci si impegni maggiormente in approfondimenti che permettano informazione e sensibilizzazione. È utile che si indaghino non solo gli aspetti della disabilità e le possibilità di intervento, ma anche il rapporto che le persone non disabili hanno con la diversità /disabilità, il loro grado di informazione e l’immaginario. La diversità e la disabilità risvegliano delle reazioni, comportano dei vissuti per la persona che non vive la disabilità ma che con essa si confronta.

L’immaginario collettivo sulla disabilità

Uno studio condotto dal francese Mercier (1996, in Meneghini, Valtellina, 2006) mette in evidenzia i diversi modi di vedere le persone con disabilità. In tale ricerca si evidenzia che la disabilità fisica veicola un’immagine di volontà e di voglia di adattamento, mentre le altre tipologie di disabilità rimandano l’idea di chiusura intellettiva, di incapacità di inserirsi nella vita sociale e diventare autonomi. Esistono anche altri studi di questo genere, una costante che sembra emergere è quella dell’identificare l’immagine della disabilità con una carrozzella.

A livello esplorativo, Gilda Di Nardo ed Emanuela Marini hanno condotto un’indagine similare. Sono emersi due atteggiamenti principali: quello di normalizzazione e quello di negazione (anche se spesso con atteggiamento accettante). Alcune frasi maggiormente rappresentative di alcuni atteggiamenti emersi nella ricerca sono:

A) normalizzante: “Forse pian piano tutte le cose strane diventano anch’esse normali, alla fine basta abituarsi”; “lui si che è diverso, in positivo, dopo tutto, quello che ha... è fantastico”;

B) rifiuto ed uso di immagini stereotipate: “Il fatto è che secondo me non esiste davvero la diversità”; “è educatissimo e si comporta in modo strano, sembra quasi un piccolo robot  computerizzato”;

C) difficoltà/mettere a distanza: “L’impatto con la sofferenza mi crea davvero un problema, mi porta ad evitare il discorso”;     

D) riconoscere la disabilità: “La disabilità è una condizione. Non mi piace pensare che sia una caratteristica che pervade la personalità”.

Leggi l’articolo “Persona e disabilità” per saperne di più.

Pubblicato il 20/03/2009 alle ore 07:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

aspic per gli psicologi

Aspic per gli Psicologi

Corso di Counseling e Coaching per Psicologi e Testi di sviluppo professionale per la Clinica delle Relazioni d'aiuto.

Pubblicato il 07 gennaio 2020 alle ore 13:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Corsi, Iniziative ASPIC, Professionisti, Ricerca scientifica
lgbt

Incontro LGBT+

A Roma, un gruppo per ricevere: un momento per te dove sentirti accettato e ascoltato; la libertà di condividere ciò che più ti sta a cuore; uno spazio dove fare luce sulle tue risorse interne ed esterne; spunti dall'ascolto e dallo scambio con gli altri; una nuova prospettiva su ciò che ti succede dentro.

Pubblicato il 23 dicembre 2019 alle ore 12:00 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Raccontarsi per valorizzarsi

Incontri per persone dai 60 anni in su: ogni persona ha una storia unica e irripetibile; poterla raccontare le permette di ritrovare il valore che ha dentro di sé. Prenotati per il primo appuntamento che si terrà il 20 gennaio 2020.

Pubblicato il 22 dicembre 2019 alle ore 20:44 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.