Regali: una misura dell'amore

La recensione dell'articolo internazionale di questo mese è dedicata ad una delle più diffuse tradizioni natalizie: lo scambio dei regali.

Sophie Chevalier, docente di etnologia alla Université de Franche-Comté (UFC) di Besançon (Francia) ed Anne Monjaret, etnologa al Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) di Parigi, hanno dedicato una ricerca al tema dei doni. Secondo le due studiose, il regalo rende tangibile il valore di una relazione e dimostra quanto si è disposti a "sacrificare" per essa.

Un circolo vizioso

Le culture di tutto il mondo hanno rituali e modalità diverse per scambiarsi dei doni, ma tutti rispondono alla logica della reciprocità: il ricevere è vincolato al dare. Tali tradizioni sono parte integrante delle nostre relazioni con i familiari e con gli altri e il loro scopo principale è quello di stringere o "tagliare" i legami sociali.

Un dono può esprimere i nostri sentimenti senza il bisogno di dover parlare, ma contemporaneamente i gesti del dare e del ricevere possono trasformarsi in eventi stressanti. Secondo le autrici, ciò non è dovuto alla pressione che avvertiamo per la ricerca del "regalo giusto", ma dallo scambio in sé, che è in primo luogo un atto sociale.

L'ansia deriva dall'obbligatorietà del dono, che prima o poi dovrà essere corrisposto: ogni regalo presuppone che ci sia un "regalo di ritorno", creando un circolo vizioso da cui è difficile fuggire, se non al costo di rinunciare alla relazione o metterla a rischio. Si pensi, infatti, alla difficoltà e alla sensazione di debito che si prova nel ricevere un dono o un favore che non può essere adeguatamente ricambiato.

Una misura dell'amore

Nel loro studio, Chevalier e Monjaret, hanno riscontrato una certa riluttanza da parte delle persone a dichiarare quanto si sentivano influenzati dal valore di un regalo. I soggetti hanno comunque confessato di spendere per un regalo in proporzione al valore che attribuiscono alla relazione con la persona che lo riceve. Il livello di generosità, quindi, può diventare una misura dell'affetto che si prova verso qualcuno. Questo, secondo le autrici, è valido soprattutto durante le feste natalizie, in cui si dividono le proprie risorse per i doni a parenti, amici e colleghi.

La scelta del regalo dimostra l'importanza che attribuiamo alla persona che lo sta per ricevere. In questo modo, il calcolo necessario ad attribuire un certo valore ad una relazione (che può essere legato anche al rango sociale del ricevente) può innescare sensazioni di stress.

Ricevere un regalo, che stress!

Anche il ricevere può essere fonte di stress e per alcune persone è ancora più difficile del donare. Ricevere un bel regalo, infatti, mette subito in moto un meccanismo di confronto con il regalo che si è preparato per lo scambio: sarà all’altezza?

Tutti desideriamo “far bella figura”, a tutti piacerebbe riuscire a trovare il regalo giusto. Anche se il prezzo non dovrebbe far alcuna differenza, secondo le autrici cominciamo a valutare il valore economico di un regalo non appena lo riceviamo. Questo comportamento mette in luce la natura paradossale del dono, che dovrebbe, per definizione, non richiedere alcuna reciprocità, ma che invece finisce per essere un mezzo di scambio.

Leggi la recensione per saperne di più.

Forum ASPICommunity

Secondo le autrici, la lezione principale che si può trarre dal loro studio è che non va mai sottovalutata l'importanza dei regali. Molte persone possono essere irritate dai doni inadeguati e possono arrivare a sentirsi offese. Ci consigliano, quindi, di riflettere accuratamente sul nostro dare in qualsiasi periodo dell'anno, ma in particolare durante il periodo natalizio, perché il gesto di regalare è una delle basi delle relazioni sociali.

Tu cosa ne pensi? Discutine sul forum ASPICommunity.

Pubblicato il 23/12/2010 alle ore 09:00

Affetto (1), Amore (1), Anne Monjaret (1), Ansia (1), Antropologia (1), Dare (1), Doni (1), Forum (1), Natale (1), Psicologia (1), Regali (1), Ricevere (1), Sophie Chevalier (1), Stress (1)

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Psicologia Commerciale: Musica anni '90 Ilario Pisanu ASPIC

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: La coppia: Io - Tu - Noi

In “U & Me” i Cappella cantano di Me e Te, elementi essenziali della coppia. Infatti la coppia nasce da una diade (Io e Tu): tuttavia per sopravvivere nel tempo necessita di evolversi in una triade: l'Io, il Tu ed il Noi. Il Noi è la relazione stessa, inteso come spazio di condivisione e progettualità reciproca.

Pubblicato il 29 settembre 2020 alle ore 13:13 da Ilario Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC
Psicologia Musica Commerciale Pisanu Aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Prepararsi all’arrivo dell’autunno

Nel 1997 Alexia cantava di una pazza estate in “Summer Is Crazy”. Oggi 22 Settembre salutiamo la “pazza” e stra-ordinaria estate 2020 e diamo ufficialmente il benvenuto all'autunno. Questo cambio di stagione può influire sulle emozioni e sull'umore a causa della diminuzione delle ore di luce solare e degli sbalzi di temperatura.

Pubblicato il 22 settembre 2020 alle ore 09:26 da Ilario Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.