Salute e lavoro

 

È di Adnkronos Salute la notizia che vede gli operatori sanitari sottoposti a forte rischio di disturbi psicosociali. Circa il 26% degli occupati nel settore lamenta forti disagi legati al proprio benessere, così come le donne impiegate nella pubblica amministrazione.

 

Promozione della Salute nei Luoghi di Lavoro

Come riportato da Adnkronos, questi dati sono stati presentati dall'ISPESL (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza sul Lavoro) il 16 febbraio 2010, in occasione della XI Giornata Nazionale di Informazione sulla Promozione della Salute nei Luoghi di Lavoro.

Per il 14,5% degli intervistati la principale fonte di stress è il carico di lavoro eccessivo, cui seguono le manifestazioni di prepotenza e discriminazione (avvertite da circa il 4,6% dei lavoratori) e le minacce o le violenze fisiche sul luogo di lavoro (circa l'1,6%)".

Per quanto riguarda le molestie, un primato negativo spetta alle donne che lavorano nella pubblica amministrazione, in particolare per le posizioni dirigenziali e quelle di operaie e collaboratrici. Sono loro a risultare le principali protagoniste di episodi di prepotenza e discriminazioni.

Strategie difensive

Per prevenire fenomeni di disagio lavorativo che si riflettono nella salute psicosociale dei lavoratori è utile far riferimento all'approccio bio-psico-sociale e agli ambienti di lavoro nella loro interezza.

Il modello bio-psico-sociale è una strategia di approccio alla persona, sviluppato da Engel negli anni Ottanta,  che pone l’individuo al centro di un ampio sistema influenzato da molteplici variabili. Per comprendere e risolvere i problemi, non ci si deve occupare solo delle questioni "fisiche" o ambientali, ma ci si deve rivolgere agli aspetti psicologici e sociali dell’individuo, fra loro interagenti. Inoltre, l'ambiente non va considerato come un contenitore neutro di persone, ma come il contesto che dà senso agli eventi. Gli eventi non sono più solo accadimenti individuali, ma conseguenze di sistemi collettivi.

Counselling Aziendale

Oltre all'attenzione alla sicurezza e all'idoneità fisica degli ambienti di lavoro, sarebbe utile, in un'ottica di Counselling Aziendale, favorire lo sviluppo psico-emotivo della persona all'interno di un'organizzazione, di promuovere la comunicazione interna tra i diversi settori dell'azienda e di agevolare la relazione interpersonale verso la valorizzazione delle risorse umane.

Lascia un commento sul forum ASPICommunity.

Pubblicato il 23/02/2010 alle ore 07:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

aspic psicologia reggio calabria

Comunicazione, Integrazione, Relazione

Segnaliamo l'evento formativo promosso da Aspic Psicologia Reggio Calabria e che si terrà il 29 novembre presso l'Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. L'evento è gratuito previa iscrizione.

Pubblicato il 18 ottobre 2019 alle ore 18:00 da florinda [email protected] Archiviato in: Sezioni Territoriali
donne in evoluzione

Donne in evoluzione

Segnaliamo due giornate speciali patrocinate da ASPIC sul tema "Donne in evoluzione: tra il dovere, il volere e il piacere": un'occasione di riflessione su come coniugare al meglio le esigenze legate all'essere, il voler e il dover essere.

Pubblicato il 18 ottobre 2019 alle ore 17:38 da florinda [email protected] Archiviato in: Sezioni Territoriali
convegno_cure_perinatali_aspicpsicologia_laquila

Convegno: Cure perinatali

Si terrà a L'Aquila il 4 ottobre 2019 il primo Convegno sulle Cure Perinatali organizzato da Aspic Psicologia - sede di L'Aquila, rivolto a studenti e professionisti ma aperto anche a futuri e neogenitori. La partecipazione è gratuita.

Pubblicato il 20 settembre 2019 alle ore 11:07 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC, Sezioni Territoriali

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.