Stress da Natale?

Il Natale nei media

Le pubblicità ci presentano un Natale festoso, caldo e colorato, con l’esplicito invito a spendere il più possibile in regali, cibi e giocattoli. Riviste e siti Internet, invece, avvertono sulle conseguenze del Natale per la salute ed il benessere. Alcuni prospettano gastroenteriti e pruriti dovuti all’eccessivo consumo di cibo. Altri si concentrano sul disagio psicologico, il senso di solitudine e lo stress, dovuto a litigi familiari o al dover organizzare tre giornate di pranzi e cene perfetti. Altri ancora denunciano lo shopping compulsivo e la vuota ritualità di incontrare obbligatoriamente i propri parenti.

Lo stress da Natale

Secondo Paola Vinciguerra, Presidente dell’EURODAP, il Natale porta molte persone ad una aumento di ansia e depressione “Soprattutto per coloro che si buttano nello shopping per comprare regali a tutta la famiglia. Un investimento emotivo proiettato sul Natale, dal quale ci si aspetta molto, ma che nasconde nella maggior parte dei casi profondi disagi”.
Alcuni parlano di una vera e propria “sindrome natalizia”. Il dover mostrare necessariamente il meglio di sé è causa di stress e frustrazione. Contemporaneamente si ritrovano parenti più o meno graditi. Si ricostruiscono le consuete dinamiche familiari: ognuno ha un ruolo attribuito da cui è difficile svincolarsi, ancor di più quando ci si ritrova tutti in famiglia.

Non solo stress

Malgrado tutto, il Natale è un rito che continuiamo a perpetuare e che molti continuano a vivere con serenità. Per molti, infatti, è l’occasione di rinsaldare vecchi legami, di concedersi qualche piccolo lusso e di godersi qualche giorno di ferie. Ad esempio, possiamo scegliere con quali familiari trascorrere le feste e rinnegare l’obbligatorietà dell’esser tutti più buoni. Possiamo chiedere ai nostri commensali di collaborare in cucina e nel fare la spesa, per riscoprire così il piacere di passare del tempo insieme. Come ogni cosa, il Natale porta dei vantaggi e degli svantaggi, sta a noi il compito di saperli bilanciare, cercando il più possibile di mediare tra i nostri desideri e i nostri doveri.

Pubblicato il 10/12/2008 alle ore 07:00

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Psicologia Musica Commerciale Pisanu Aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Prepararsi all’arrivo dell’autunno

Nel 1997 Alexia cantava di una pazza estate in “Summer Is Crazy”. Oggi 22 Settembre salutiamo la “pazza” e stra-ordinaria estate 2020 e diamo ufficialmente il benvenuto all'autunno. Questo cambio di stagione può influire sulle emozioni e sull'umore a causa della diminuzione delle ore di luce solare e degli sbalzi di temperatura.

Pubblicato il 22 settembre 2020 alle ore 09:26 da Ilario Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC
psicologia_musica_commerciale_pisanu_aspicpsicologia

Psicologia e Musica Commerciale anni '90: Il potere dell'Abbraccio

Your Loving Arms di Billie Ray Martin parla di amorevoli braccia che fanno sentire al riparo. Abbracciare ha un grande potere terapeutico: per il corpo, la mente e la salute in generale. Gli abbracci riducono ansia e stress, confortano, rassicurano e rendono più felici.

Pubblicato il 14 settembre 2020 alle ore 13:14 da florinda [email protected] Archiviato in: nessuna categoria attribuita

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.