WikiLeaks: perchè rivelare?

La pubblicazione dei documenti diplomatici degli Stati Uniti effettuata da WikiLeaks ha creato ansia in tutto il mondo. Molti si chiedono quali saranno le conseguenze della divulgazione di tali documenti, mentre WikiLeaks difende il suo diritto a fornire un'informazione trasparente.

Il dibattito è aperto e si sviluppa su giudizi di valore che esulano dalle questioni affrontate da un sito dedicato alla Psicologia, al Counselling e alla Psicoterapia. All'interno di queste cornici teoriche è interessante, invece, riflettere sulla motivazione che spinge qualcuno a diventare un "leaker". Cosa spinge delle persone "comuni" a rivelare delle informazioni riservate, affrontando tutti gli eventuali rischi di tale scelta?

Wikileaks

WikiLeaks è un'organizzazione internazionale che riceve in modo anonimo documenti coperti da segreto e li mette in rete sul proprio sito web. Il nome, infatti, deriva dall'inglese "leak" (perdita, fuga di notizie). L'organizzazione si occupa di verificare l'autenticità del materiale che riceve e di pubblicarlo mantenendo l'anonimato degli informatori (e di gran parte dello staff del sito), con lo scopo ultimo di garantire la trasparenza dei governi (da Wikipedia).

Perché diventare un "leaker"?

Le motivazioni che spingono qualcuno a rivelare le informazioni riservate di un governo o di un Paese possono essere molte. Kerry Sulkowicz, psichiatra e psicoanalista che si occupa di psicologia del business e delle organizzazioni, ha recentemente affrontato l'argomento in un post sul famoso Reuters.

Sulkowicz prende in considerazione due diverse motivazioni. Da un lato, la spinta alla fuga di notizie può venire dal desiderio di mettere in luce i comportamenti immorali dei governi e delle grandi organizzazioni o di ribellarsi verso l'autorità. La convinzione di operare per fare "la cosa giusta" può rappresentare una potente motivazione.

Contemporaneamente, secondo l'autore, se si guarda alla diffusione di informazioni riservate eliminando i giudizi di valore (bene/male) si può intravedere un gesto narcisistico. Alcuni leakers, infatti, possono essere travolti dall'interesse del pubblico e conquistare un'improvvisa notorietà. È giusto anche considerare, però, che molti leakers rimangono anonimi e il loro interesse non è evidentemente quello di mostrarsi al pubblico.

Cosa ne pensi?

Il fornire informazioni riservate può essere considerato un atto narcisistico? Quali sono le motivazioni che possono spingere qualcuno a favorire la fuga di notizie, magari affrontando dei rischi?

Discutine sul forum ASPICommunity. 

Pubblicato il 02/12/2010 alle ore 07:00

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
progetto casa del municipio VIII roma

La Casa del Municipio Roma VIII: un luogo per i diritti

L'Aspic aderisce al progetto del Municipio VIII per offrire la propria professionalità al servizio dei cittadini in tema di: diritti al lavoro, diritti delle donne, diritto al benessere e alla salutogenesi.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 13:10 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
International Dictionary of Psychotherapy

International Dictionary of Psychotherapy

I'm glad to inform you that the International Dictionary of Psychotherapy has been published by Routledge: tra i modelli e i contributi presenti quelli di Edoardo Giusti e Claudia Montanari.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 10:19 da florinda [email protected] Archiviato in: Ricerca scientifica

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.