La psicologia tra le altre scienze

Lowman R.P. e Benjamin L.T. Jr (2012), Psychology and the National Medal of Science, American Psychologist, 67(3), 164-183.

Recensione a cura di Florinda Barbuto e Alessia D'Acunti.

 

Quando il Congresso degli Stati Uniti ha istituito la National Medal of Science (Medaglia Nazionale della Scienza) nel 1959, la psicologia non era tra le scienze eleggibili per il premio. In un recente articolo pubblicato sulla rivista American Psychologist, Robert P. Lowman e Ludy T. Benjamin Jr. ci raccontano il lungo percorso che ha reso possibile inserire la psicologia e le altre scienze del comportamento e sociali nella lista delle discipline ammesse al premio.

La National Medal of Science

La creazione di un premio nazionale di merito per riconoscere i successi civili fu proposta dal presidente Dwight D. Eisenhower il 6 gennaio 1955, ma per alcuni anni il progetto non ebbe sviluppi significativi. Una spinta in avanti fu data dai successi ottenuti dai russi in ambito spaziale, che preoccuparono il popolo e i politici americani. Fu così che nel 1959 il deputato Victor Anfuso propose un riconoscimento per le persone che offrono contributi eccezionali nel campo della scienza e dell'ingegneria. Il disegno di legge fu trasformato interpellando gli scienziati di spicco del periodo. Benché alcuni suggerirono di inserire le scienze sociali e comportamentali tra quelle eleggibili al premio, si arrivò ad una definizione della legge che comprendeva le sole scienze fisiche, biologiche, matematiche e ingegneristiche. Gli scienziati selezionati avrebbero ricevuto fino a 10.000 dollari e una medaglia d'oro: la National Medal of Science.

Uno psicologo indignato

Robert Lowman racconta che nel 1976, quando era in carica come responsabile amministrativo dell'Ufficio Affari Scientifici dell’APA, ricevette una visita improvvisa da uno sconosciuto che si lamentò per l’esclusione della psicologia dal premio della National Medal of Science. L’uomo informò Lowman che tre psicologi avevano vinto la medaglia in passato (Neal Miller, Burrhus Frederic Skinner e lui stesso), ma l’avevano ricevuta nella classe delle scienze biologiche.

Scartabellando un po’ e indagando sulla storia della National Medal of Science, Lowman scoprì che lo sconosciuto piombato nel suo ufficio era niente di meno che Harry Harlow.

I tre avanguardisti

Neal Miller

Il primo psicologo a vincere la medaglia fu Neal Miller nel 1964-5. Anche se il premio fu inserito nella classe delle scienze biologiche, Miller vinse il premio per le sue ricerche sull’apprendimento e sulla motivazione e per l’illuminante analisi comportamentale degli effetti della stimolazione elettrica diretta del cervello. Fu lui a scoprire che il sistema nervoso autonomo è suscettibile al condizionamento classico [n.d.r.]. Consapevole dell’importanza del premio, lo psicologo sperava che la sua medaglia rappresentasse un passo avanti per la psicologia e notò, infatti, che molti non avevano ancora accettato la psicologia come una vera e propria scienza.

Harry Harlow

Nel 1967 fu selezionato Harry Harlow per la National Medal of Science. Harlow è famoso per i suoi esperimenti con le scimmie, che per la sensibilità odierna sono moralmente controversi, con i quali dimostrò gli effetti tragici e duraturi della deprivazione del contatto sociale durante l’infanzia, mentre in quegli anni molte teorie sostenevano che l’attaccamento tra madre e figlio fosse sostenuto solo dal soddisfacimento dei bisogni fisiologici [n.d.r.].

Uno dei suoi più famosi esperimenti consisteva nell'offrire ad un piccolo macaco, tolto alla madre, la scelta tra due mamme surrogato: una fatta di tessuto morbido, ma senza dispenser di cibo, l'altra di ferro, ma in grado di erogare cibo da un biberon. L'esperimento evidenziò che le scimmie passavano molto più tempo con le mamme surrogato di tessuto che con quelle di ferro, dimostrando che il contatto è una componente importante nello sviluppo della risposta affettiva, che non dipende unicamente dal bisogno di cibo. Quando i piccoli macachi venivano allontanati dai loro fantocci assumevano comportamenti tristi e iniziavano ad agitarsi, gridare e piangere [n.d.r.].

Burrhus Frederic Skinner

Nel 1968 la National Medal of Science toccò a Burrhus Frederic Skinner, “padre” della Skinner Box e famoso per gli esperimenti sul condizionamento operante [n.d.r.]. La Skinner Box è un prototipo utilizzato per gli esperimenti sul condizionamento operante, variabile a seconda delle esigenze dell’esperimento, ma con una struttura di base: una camera chiusa, un oggetto da manipolare (un pulsante, una leva, una chiave etc.) e un dispositivo che rilascia un rinforzo (una cassetta contenente del cibo, un tubo con l'acqua etc) [n.d.r.].

Negli anni successivi nessun altro psicologo vinse la medaglia, anche se i tre precedenti vincitori si tennero in contatto per promuovere dei colleghi meritevoli.

Modificare la legge: la psicologia è una scienza

La visita di Harlow all’APA del 1976 non fu l’unico sforzo messo in atto per tentare di favorire l’accesso degli psicologi alla National Medal of Science. Coinvolgendo altri professionisti, l’APA e altre associazioni americane riguardanti la psicologia cominciarono a muoversi per modificare la legge che impediva agli psicologi di accedere alla medaglia. Il proposito non era solo quello di veder riconosciuta la psicologia tra le scienze eleggibili, ma anche di includere le altre scienze sociali e del comportamento.

Dopo una lunga trafila, solo nel 1980 fu possibile arrivare ad un nuovo disegno di legge, ancora in vigore, che prevede la possibilità per gli psicologi e per gli altri scienziati sociali e comportamentali di beneficiare della National Medal of Science.

Più di quattro anni dopo la visita di Harry Harlow all’APA, la sua missione era finalmente compiuta. Harlow morì nel dicembre dell'anno successivo, all'età di 76 anni e non riuscì a vedere un altro psicologo vincere la medaglia.

Il primo psicologo a ricevere la medaglia dopo la modifica della legge, è stato Herbert Simon, il cui premio è stato consegnato nel 1986. Parlando della medaglia in una intervista con un giornalista APA, Simon dichiarò che il premio rappresentava il riconoscimento della psicologia come scienza.

Pubblicato il 06/09/2012 alle ore 20:02

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

L'Aquila 10 anni dopo

In occasione del 10° anno del terremoto che ha colpito l'Aquila LAspic, dal 31 maggio al 2 giugno 2019, organizza una tavola rotonda e un corso sull'emergenza 

Pubblicato il 24 maggio 2019 alle ore 18:42 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC

L'Aspic all'Expò del sociale 2019

Vieni a trovarci all'Expò del Sociale a Roma, sabato 18 maggio, presso le sale della sede del Municipio VIII, un modo per conoscerci e conoscere il mondo del sociale presente nella nostra città.

Pubblicato il 15 maggio 2019 alle ore 17:55 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
Corso DSM-5 Aspic Psicologia Napoli - Avellino

Il DSM-5: il 22 giugno a Napoli

Riserva il tuo posto al corso  "DSM-5: nuove classificazioni e diagnosi" che si terrà il 22 giugno 2019 presso la sede Aspic di Napoli - Avellino

Pubblicato il 14 maggio 2019 alle ore 16:57 da redazione Archiviato in: Sezioni Territoriali

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.