L'alleanza terapeutica

Alleanza terapeuta-paziente, alleanza paziente-terapeuta, mutua alleanza terapeutica, concordanza terapeuta-paziente e risultati della CBT per il GAD

Langhoff C., Baer T., Zubraegel D., Linden M. (2008). Therapist-Patient Alliance, Patient-Therapist Alliance, Mutual Therapeutic Alliance, Therapist-Patient Concordance, and Outcome of CBT in GAD. Journal of Cognitive Psychotherapy: An International Quarterly, 22(1), 68-79.

La relazione tra clinico e paziente è una delle aree primarie della ricerca in psicoterapia. L'alleanza terapeutica è stata indagata in vari setting e orientamenti psicoterapeutici (Barber, 2000; Castonguay, 1996; Cottraux et al., 1995; Frieswyk et al., 1986; Gaston, 1991, 1998; Hartley e Strupp, 1983; Hintikka, Laukkanen, Marttunen, e Lehtonen, 2006; Hogduin, De Haan, e Schaap, 1989; Keijsers, Scraap, Hoogduin e Lainmors, 1995; Krupnick, 1996; Loeb et al., 2005; Luborsky, McLellan, Woody, O'Brien, e Auerbach, 1985; Malik, Bentler, Alimohamed, Gallagher-Thompson e Thompson, 2003; Newman e Strauss, 2003; Orlinsky, Grawe e Parks, 1994; Vogel, Hansen, Stiles e Gotestam, 2006).

La letteratura scientifica suggerisce che la qualità dell'alleanza di lavoro è positivamente correlata ai risultati del trattamento e può, di per sé, guidare il cambiamento terapeutico (Horvath e Symonds, 1991; Martin, Garske e Davis, 2000). In ogni caso, ci sono anche studi che non hanno trovato correlazioni significative (DeRubeis, 1990; Feeley, DeRubeis e Gelfand, 1999), ma questo potrebbe dipendere dalle diverse definizioni che si attribuiscono all'alleanza terapeutica (Dill-Standiford, Stiles e Rorer, 1988; Horvath, 2000; Wolfe e Goldfried, 1988; Zimmer, 1983).

Differenti scuole propongono differenti definizioni per questo costrutto. In psicoanalisi, ad esempio, il transfert e il controtransfert sono ritenuti fattori indispensabili della terapia (Freud, 1958) e, nella psicoterapia centrata sul cliente, l'alleanza terapeutica è vista come l'elemento primario del trattamento (Rogers, 1958; Schmidt-Traub, 2003; Truax & Carkhuff, 1967). Al contrario, è diffusa l'opinione che nelle terapie cognitivo-comportamentali l'alleanza di lavoro sia poco curata. Ci sono evidenze empiriche della maggior direttività degli psicoterapeuti cognitivo-comportamentali (Greenwald, Kornblith, Hersen, Bellack e Himmelhoch, 1981; Hardy e Shapiro, 1985; Sloane, Staples, Cristol, Yorkston e Whipple, 1975; Stiles, Shapiro e Firth-Cozens, 1988; Brunik & Schroeder, 1979), ma anche del loro raggiungimento di elevati livelli di supporto emotivo, empatia e accoglimento del paziente (Keijsers, Scraap e Hoogduin, 2000; Sloane et al., 1975; Stiles et al., 1988).

Secondo Langhoff, Baer, Zubraegel e Linden, autori del presente articolo, esistono quattro possibili prospettive sull'alleanza terapeutica:

  • l'alleanza terapeuta-paziente (TPA: Therapist-Patient Alliance), che riflette come il terapeuta vede il suo rapporto con il paziente;
  • l'alleanza paziente-terapeuta (PTA: Patient-Therapist Alliance) ), che riflette come il paziente vede il suo rapporto con il terapeuta;
  • la mutua alleanza terapeutica (MTA: Mutual Therapeutic Alliance), riferita a come un giudice esterno valuta la relazione tra clinico e paziente.
  • la concordanza terapeuta-paziente (TPC: Therapist-Patient Concordance), cioè l'indice di concordanza tra la visione del terapeuta e quella del paziente sulla loro relazione.

Gli autori si sono quindi posti lo scopo di investigare simultaneamente la TPA, la PTA, la MTA e la TPC, con gli obiettivi di misurarle durante il trattamento del disturbo d'ansia generalizzato, di analizzare le interazioni tra le quattro misure e di correlarle con i risultati ottenuti.

Metodo

In un processo clinico controllato, dei soggetti con disturbo d'ansia generalizzata sono stati assegnati in modo casuale ad un trattamento cognitivo-comportamentale o ad un gruppo di controllo. I soggetti del gruppo di controllo hanno ricevuto il trattamento dopo un certo periodo di attesa.

Partecipanti

Erano 72 i pazienti coinvolti nello studio (36 per ogni gruppo) con un'età media di 43,3 anni. L'83% del campione era composto da donne. A nessuno è stato somministrato un trattamento farmacologico, ma 15 soggetti hanno abbandonato la ricerca.

Trattamento

Il trattamento è stato fornito da 12 psicoterapeuti ad orientamento cognitivo-comportamentale nel contesto della loro regolare pratica privata, con un massimo di 25 sedute da 50 minuti.

Alla fine del trattamento si è registrata una diminuzione significativa dei punteggi d'ansia dei clienti, misurati prima e dopo la psicoterapia con la Hamilton Anxiety Scale (Hamilton, 1959). Inoltre, è stata trovata una differenza significativa tra i punteggi del gruppo sperimentale e di quello di controllo ottenuti dopo il periodo di trattamento del primo gruppo. I risultati ottenuti risultavano stabili ad un follow up di 8 mesi.

Strumenti

Dopo ogni sessione, il paziente (PTA) e il terapeuta (TPA) completavano separatamente una scala per valutare la qualit� della loro relazione. Gli indicatori utilizzati erano: empatia, cooperazione, trasparenza (comprensione delle procedure terapeutiche da parte del cliente), focus (se sono stati trattati argomenti importanti per il paziente), progresso (progressi ottenuti dal paziente), struttura (valutazione dell'organizzazione della seduta) e rispetto degli obiettivi della seduta.

La concordanza terapeuta- paziente (TPC) è stata calcolata utilizzando le valutazioni del paziente e del terapeuta, mentre la mutua alleanza terapeutica (MTA) è stata valutata da più osservatori esterni che hanno ascoltato le registrazioni delle sedute.

Risultati e discussione

Langhoff, Baer, Zubraegel e Linden traggono interessanti conclusioni dai dati raccolti e analizzati. I loro risultati mostrano che i terapeuti cognitivo-comportamentali sono in grado di ottenere punteggi positivi in tutti gli aspetti misurati dell'alleanza di lavoro e questo è stato osservato sia dai terapeuti, che dai paziente e dagli osservatori esterni. I punteggi sono rimasti elevati nel corso di tutto il trattamento e, secondo gli autori, questo suggerisce che l'alleanza terapeutica è una caratteristica stabile della relazione, non dipendente dalle singole sessioni. Solo per l'indicatore progresso è stato riscontrato un significativo aumento nel corso del tempo, come era auspicabile aspettarsi. Inoltre, la concordanza tra le valutazioni del clinico e quelle dell'utente è risultata elevata. La differenza più ampia è stata rilevata nell'indicatore empatia, mentre la minore nell'indicatore focus. Gli osservatori, però, hanno rilevato meno progressi rispetto a quelli rilevati da paziente e clinico, probabilmente perché meno coinvolti nel processo.

E' stata riscontrata una correlazione significativa tra la valutazione dell'alleanza terapeutica fornita dagli osservatori e il risultato del trattamento, ma non una correlazione tra i risultati ottenuti e le valutazioni fornite da paziente e analista, incluso il punteggio di concordanza tra loro. Una possibile spiegazione per questo fenomeno è che gli osservatori, esterni e neutrali, possono valutare i fenomeni in modo diverso dagli attori coinvolti, forse con più obiettività.

Secondo Langhoff, Baer, Zubraegel e Linden, i risultati di questa ricerca mostrano l'importanza di differenziare i vari punti di vista sull'alleanza terapeutica, quello del terapeuta è solo uno dei diversi possibili.

Bibliografia

Barber, J. P. (2000). Alliance predicts patients' outcome beyond in-treatment change in symptoms. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 68, 1027-1032.

Brunik, S. A. e Schroeder, H. E. (1979). Verbal therapeutic behavior of expert psychoanalytically oriented,gestalt, and behavior therapists. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 47, 567-574.

Castonguay, L. G. (1996). Predicting the effect of cognitive therapy for depression: A study of unique and common factors. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 64, 497-504.

Cottraux, J., Note, I. D., Cungi, C., Légeron, P., Heim, F., Chneiweiss, L., et al. (1995). A controlled study of cognitive-behavior therapy with buspirone or placebo in panic disorder with agoraphobia. A one year follow-up. British Journal of Psychiatry, 167, 635-641.

DeRubeis, R. J. (1990). How does cognitive therapy work? Cognitive change and symptom change in cognitive therapy and pharmacotherapy for depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 58, 862-869.

Dill-Standiford, T. J., Stiles, W. B. e Rorer, L. G. (1988). Counselor and client agreement on session impact. Journal of Counseling Psychology, 35, 47-55.

Feeley, M., DeRubeis, R. J. e Gelfand, L. A. (1999). The temporal relation of adherence and alliance to symptom change in cognitive therapy for depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 67, 578-582.

Freud, S. (1958). On beginning the treatment: Further recommendations on the technique of psychoanalysis. In J. Stachey (Ed. & Trans.), The standard edition of the complete psychological works of Sigmund Freud (Vol. 12). London: Hogarth Press. (Original work published in 1913.)

Frieswyk, S. H., Allen, J. G., Colson, D. B., Cayne, L., Gibbard, G. O., Horwitz, C. G., et al. (1986). Therapeutic alliance: Its place as a process and outcome variable in dynamic psychotherapy research. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 54, 32-38.

Gaston, L. (1991). Alliance prediction of outcome beyond in-treatment symptomatic change as psychotherapy processes. Psychotherapy Research, 1, 104-112.

Gaston, L. (1998). Alliance, technique, and their interactions in predicting outcome of behavioral, cognitive and brief therapy. Psychotherapy Research, 8, 190-209.

Greenwald, D. P., Kornblith, S. J., Hersen, M., Bellack, A. S., & Himmelhoch, J. M. (1981). Differences between social skill therapists and psychotherapists in treating depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 49, 757-759.

Hamilton, M. (1959). The assessment of anxiety states by rating. British Journal of Medical Psychology, 32, 50-55.

Hardy, G. E. e Shapiro, D. A. (1985). Therapist response modes in prescriptive vs. exploratory psychotherapy. British Journal of Clinical Psychology, 24, 235-245.

Hartley, D. E. e Strupp, H. (1983). The therapeutic alliance and its relation to outcome in brief psychotherapy. In J. M. Masling (Ed.), Empirical studies of psychoanalytic theories (pp. 1-37). Hillsdale, NJ: Erlbaum.

Hintikka, U., Laukkanen, E., Marttunen, M. e Lehtonen, J. (2006). Good working alliance and psychotherapy are associated with positive changes in cognitive performance among adolescent psychiatric inpatients. Bulletin of the Menninger Clinic, 70, 316-335.

Hogduin, C. A. L., De Haan, E. e Schaap, C. (1989). The significance of patient-therapist relationship in the treatment of obsessive-compulsive disorder. British Journal of Clinical Psychology, 28, 185-186.

Horvath, A. O. (2000). The therapeutic relationship: From transference to alliance. Journal of Clinical Psychology,56, 163-173.

Horvath, A. O. e Symonds, B. D. (1991). Relation between working alliance and outcome in psychotherapy: A meta-analysis. Journal of Counseling Psychology, 38, 139-149.

Keijsers, G. P. J., Scraap, C. P. D. R., Hoogduin, C. A. L. e Lainmers, M. W. (1995). Patient-therapist interaction in the behavioral treatment of panic disorder with agoraphobia. Behavior Modification, 19, 491-517.

Keijsers, G. P. J., Scraap, C. P. D. R. e Hoogduin, C. A. L. (2000). The impact of interpersonal patient and therapist behavior on outcome in cognitive-behavior therapy. A review of empirical studies. Behavior Modification, 24, 264-297.

Krupnick, J. L. (1996). The role of the therapeutic alliance in psychotherapy and pharmacotherapy outcome: Findings in the National Institute of Mental Health Treatment of Depression Collaborative Research Program. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 64, 532-539.

Loeb, K. L., Wilson, G. T., Labouvie, E., Pratt, E. M., Hayaki, J., Walsh, B. T., et al. (2005). Therapeutic alliance and treatment adherence in two interventions for bulimia nervosa: A study of process and outcome. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 73, 1097-1107.

Luborsky, L., McLellan, A. T., Woody, G. E., O'Brien C. P. e Auerbach A. (1985). Therapist success and its determinants. Archives of General Psychiatry, 42, 602-611.

Malik, M. L., Bentler, L. E., Alimohamed, S., Gallagher-Tompson, D. e Thompson, L. (2003). Are all cognitive therapies alike? A comparison of cognitive and noncognitive therapy process and implications for application of empirically supported treatments. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 71, 150-158.

Martin, D. J., Garske, J. P. e Davis, M. K. (2000). Relation of the therapeutic alliance with outcome and other variables: A meta-analytic review. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 68, 438-450.

Newman, C. F. e Strauss, J. L. (2003). When clients are untruthful. Implications for the therapeutic alliance, case conceptualization, and intervention. Journal of Cognitive Psychotherapy, 17, 241-252.

Orlinsky, D. E., Grawe, K. e Parks, B. K. (1994). Process and outcome in psychotherapy - noch einmal. In A. E. Bergin e S. L. Garfield (Eds.), Handbook of psychotherapy and behavior change (pp. 270-376). New York: Wiley.

Rogers, C. R. (1958). The characteristics of a helping relationship. Personnel and Guidance Journal, 37, 6-16.

Schmidt-Traub, S. (2003). Therapeutische beziehung - Ein berblick. Psychotherapeutische Praxis, 3, 111-129.

Sloane, R. B., Staples, F. R., Cristol, A. H., Yorkston, N. J. e Whipple, K. (1975). Short-term analytically oriented psychotherapy versus behavior therapy. American Journal of Psychiatry, 132, 373-377.

Stiles, W. B., Shapiro, D. A. e Firth-Cozens, J. A. (1988). Verbal response mode use in contrasting psychotherapies: A within-subjects comparison. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 56, 727-733.

Truax, C. e Carkhuff, R. R. (1967). Toward effective counseling and psychotherapy: Training and practice. Chicago: Aldine.

Vogel, P. A., Hansen, B., Stiles T. C. e Gotestam, K. G. (2006). Treatment motivation, treatment expectancy, and helping alliance as predictors of outcome in cognitive behavioral treatment of OCD. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 37, 247-255.

Wolfe, B. E. e Goldfried, M. R. (1988). Research on psychotherapy integration: Recommendations and conclusions from an NIMH workshop. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 56, 448-451.

Zimmer, D. (1983). Die therapeutische beziehung: Konzepte, empirische befunde und prinzipien ihrer gestaltung. Weinheim: Beltz Psychologie Verlags Union.

Pubblicato il 03/09/2008 alle ore 15:08

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

premiazione francescano

Donata Francescato: 2019 SCRA

Donata Francescato, già Professore Ordinario di Psicologia di Comunità all’Università La Sapienza di Roma, Direttore Scientifico con Edoardo Giusti e Claudia Montanari della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica di Comunità e Psicoterapia Umanistica Integrata ha recentemente ricevuto il prestigioso premio. 

Pubblicato il 05 luglio 2019 alle ore 11:01 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
progetto casa del municipio VIII roma

La Casa del Municipio Roma VIII: un luogo per i diritti

L'Aspic aderisce al progetto del Municipio VIII per offrire la propria professionalità al servizio dei cittadini in tema di: diritti al lavoro, diritti delle donne, diritto al benessere e alla salutogenesi.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 13:10 da florinda [email protected] Archiviato in: Iniziative ASPIC
International Dictionary of Psychotherapy

International Dictionary of Psychotherapy

I'm glad to inform you that the International Dictionary of Psychotherapy has been published by Routledge: tra i modelli e i contributi presenti quelli di Edoardo Giusti e Claudia Montanari.

Pubblicato il 03 luglio 2019 alle ore 10:19 da florinda [email protected] Archiviato in: Ricerca scientifica

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.