L'alleanza terapeutica

Alleanza terapeuta-paziente, alleanza paziente-terapeuta, mutua alleanza terapeutica, concordanza terapeuta-paziente e risultati della CBT per il GAD

Langhoff C., Baer T., Zubraegel D., Linden M. (2008). Therapist-Patient Alliance, Patient-Therapist Alliance, Mutual Therapeutic Alliance, Therapist-Patient Concordance, and Outcome of CBT in GAD. Journal of Cognitive Psychotherapy: An International Quarterly, 22(1), 68-79.

La relazione tra clinico e paziente è una delle aree primarie della ricerca in psicoterapia. L'alleanza terapeutica è stata indagata in vari setting e orientamenti psicoterapeutici (Barber, 2000; Castonguay, 1996; Cottraux et al., 1995; Frieswyk et al., 1986; Gaston, 1991, 1998; Hartley e Strupp, 1983; Hintikka, Laukkanen, Marttunen, e Lehtonen, 2006; Hogduin, De Haan, e Schaap, 1989; Keijsers, Scraap, Hoogduin e Lainmors, 1995; Krupnick, 1996; Loeb et al., 2005; Luborsky, McLellan, Woody, O'Brien, e Auerbach, 1985; Malik, Bentler, Alimohamed, Gallagher-Thompson e Thompson, 2003; Newman e Strauss, 2003; Orlinsky, Grawe e Parks, 1994; Vogel, Hansen, Stiles e Gotestam, 2006).

La letteratura scientifica suggerisce che la qualità dell'alleanza di lavoro è positivamente correlata ai risultati del trattamento e può, di per sé, guidare il cambiamento terapeutico (Horvath e Symonds, 1991; Martin, Garske e Davis, 2000). In ogni caso, ci sono anche studi che non hanno trovato correlazioni significative (DeRubeis, 1990; Feeley, DeRubeis e Gelfand, 1999), ma questo potrebbe dipendere dalle diverse definizioni che si attribuiscono all'alleanza terapeutica (Dill-Standiford, Stiles e Rorer, 1988; Horvath, 2000; Wolfe e Goldfried, 1988; Zimmer, 1983).

Differenti scuole propongono differenti definizioni per questo costrutto. In psicoanalisi, ad esempio, il transfert e il controtransfert sono ritenuti fattori indispensabili della terapia (Freud, 1958) e, nella psicoterapia centrata sul cliente, l'alleanza terapeutica è vista come l'elemento primario del trattamento (Rogers, 1958; Schmidt-Traub, 2003; Truax & Carkhuff, 1967). Al contrario, è diffusa l'opinione che nelle terapie cognitivo-comportamentali l'alleanza di lavoro sia poco curata. Ci sono evidenze empiriche della maggior direttività degli psicoterapeuti cognitivo-comportamentali (Greenwald, Kornblith, Hersen, Bellack e Himmelhoch, 1981; Hardy e Shapiro, 1985; Sloane, Staples, Cristol, Yorkston e Whipple, 1975; Stiles, Shapiro e Firth-Cozens, 1988; Brunik & Schroeder, 1979), ma anche del loro raggiungimento di elevati livelli di supporto emotivo, empatia e accoglimento del paziente (Keijsers, Scraap e Hoogduin, 2000; Sloane et al., 1975; Stiles et al., 1988).

Secondo Langhoff, Baer, Zubraegel e Linden, autori del presente articolo, esistono quattro possibili prospettive sull'alleanza terapeutica:

  • l'alleanza terapeuta-paziente (TPA: Therapist-Patient Alliance), che riflette come il terapeuta vede il suo rapporto con il paziente;
  • l'alleanza paziente-terapeuta (PTA: Patient-Therapist Alliance) ), che riflette come il paziente vede il suo rapporto con il terapeuta;
  • la mutua alleanza terapeutica (MTA: Mutual Therapeutic Alliance), riferita a come un giudice esterno valuta la relazione tra clinico e paziente.
  • la concordanza terapeuta-paziente (TPC: Therapist-Patient Concordance), cioè l'indice di concordanza tra la visione del terapeuta e quella del paziente sulla loro relazione.

Gli autori si sono quindi posti lo scopo di investigare simultaneamente la TPA, la PTA, la MTA e la TPC, con gli obiettivi di misurarle durante il trattamento del disturbo d'ansia generalizzato, di analizzare le interazioni tra le quattro misure e di correlarle con i risultati ottenuti.

Metodo

In un processo clinico controllato, dei soggetti con disturbo d'ansia generalizzata sono stati assegnati in modo casuale ad un trattamento cognitivo-comportamentale o ad un gruppo di controllo. I soggetti del gruppo di controllo hanno ricevuto il trattamento dopo un certo periodo di attesa.

Partecipanti

Erano 72 i pazienti coinvolti nello studio (36 per ogni gruppo) con un'età media di 43,3 anni. L'83% del campione era composto da donne. A nessuno è stato somministrato un trattamento farmacologico, ma 15 soggetti hanno abbandonato la ricerca.

Trattamento

Il trattamento è stato fornito da 12 psicoterapeuti ad orientamento cognitivo-comportamentale nel contesto della loro regolare pratica privata, con un massimo di 25 sedute da 50 minuti.

Alla fine del trattamento si è registrata una diminuzione significativa dei punteggi d'ansia dei clienti, misurati prima e dopo la psicoterapia con la Hamilton Anxiety Scale (Hamilton, 1959). Inoltre, è stata trovata una differenza significativa tra i punteggi del gruppo sperimentale e di quello di controllo ottenuti dopo il periodo di trattamento del primo gruppo. I risultati ottenuti risultavano stabili ad un follow up di 8 mesi.

Strumenti

Dopo ogni sessione, il paziente (PTA) e il terapeuta (TPA) completavano separatamente una scala per valutare la qualit� della loro relazione. Gli indicatori utilizzati erano: empatia, cooperazione, trasparenza (comprensione delle procedure terapeutiche da parte del cliente), focus (se sono stati trattati argomenti importanti per il paziente), progresso (progressi ottenuti dal paziente), struttura (valutazione dell'organizzazione della seduta) e rispetto degli obiettivi della seduta.

La concordanza terapeuta- paziente (TPC) è stata calcolata utilizzando le valutazioni del paziente e del terapeuta, mentre la mutua alleanza terapeutica (MTA) è stata valutata da più osservatori esterni che hanno ascoltato le registrazioni delle sedute.

Risultati e discussione

Langhoff, Baer, Zubraegel e Linden traggono interessanti conclusioni dai dati raccolti e analizzati. I loro risultati mostrano che i terapeuti cognitivo-comportamentali sono in grado di ottenere punteggi positivi in tutti gli aspetti misurati dell'alleanza di lavoro e questo è stato osservato sia dai terapeuti, che dai paziente e dagli osservatori esterni. I punteggi sono rimasti elevati nel corso di tutto il trattamento e, secondo gli autori, questo suggerisce che l'alleanza terapeutica è una caratteristica stabile della relazione, non dipendente dalle singole sessioni. Solo per l'indicatore progresso è stato riscontrato un significativo aumento nel corso del tempo, come era auspicabile aspettarsi. Inoltre, la concordanza tra le valutazioni del clinico e quelle dell'utente è risultata elevata. La differenza più ampia è stata rilevata nell'indicatore empatia, mentre la minore nell'indicatore focus. Gli osservatori, però, hanno rilevato meno progressi rispetto a quelli rilevati da paziente e clinico, probabilmente perché meno coinvolti nel processo.

E' stata riscontrata una correlazione significativa tra la valutazione dell'alleanza terapeutica fornita dagli osservatori e il risultato del trattamento, ma non una correlazione tra i risultati ottenuti e le valutazioni fornite da paziente e analista, incluso il punteggio di concordanza tra loro. Una possibile spiegazione per questo fenomeno è che gli osservatori, esterni e neutrali, possono valutare i fenomeni in modo diverso dagli attori coinvolti, forse con più obiettività.

Secondo Langhoff, Baer, Zubraegel e Linden, i risultati di questa ricerca mostrano l'importanza di differenziare i vari punti di vista sull'alleanza terapeutica, quello del terapeuta è solo uno dei diversi possibili.

Bibliografia

Barber, J. P. (2000). Alliance predicts patients' outcome beyond in-treatment change in symptoms. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 68, 1027-1032.

Brunik, S. A. e Schroeder, H. E. (1979). Verbal therapeutic behavior of expert psychoanalytically oriented,gestalt, and behavior therapists. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 47, 567-574.

Castonguay, L. G. (1996). Predicting the effect of cognitive therapy for depression: A study of unique and common factors. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 64, 497-504.

Cottraux, J., Note, I. D., Cungi, C., Légeron, P., Heim, F., Chneiweiss, L., et al. (1995). A controlled study of cognitive-behavior therapy with buspirone or placebo in panic disorder with agoraphobia. A one year follow-up. British Journal of Psychiatry, 167, 635-641.

DeRubeis, R. J. (1990). How does cognitive therapy work? Cognitive change and symptom change in cognitive therapy and pharmacotherapy for depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 58, 862-869.

Dill-Standiford, T. J., Stiles, W. B. e Rorer, L. G. (1988). Counselor and client agreement on session impact. Journal of Counseling Psychology, 35, 47-55.

Feeley, M., DeRubeis, R. J. e Gelfand, L. A. (1999). The temporal relation of adherence and alliance to symptom change in cognitive therapy for depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 67, 578-582.

Freud, S. (1958). On beginning the treatment: Further recommendations on the technique of psychoanalysis. In J. Stachey (Ed. & Trans.), The standard edition of the complete psychological works of Sigmund Freud (Vol. 12). London: Hogarth Press. (Original work published in 1913.)

Frieswyk, S. H., Allen, J. G., Colson, D. B., Cayne, L., Gibbard, G. O., Horwitz, C. G., et al. (1986). Therapeutic alliance: Its place as a process and outcome variable in dynamic psychotherapy research. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 54, 32-38.

Gaston, L. (1991). Alliance prediction of outcome beyond in-treatment symptomatic change as psychotherapy processes. Psychotherapy Research, 1, 104-112.

Gaston, L. (1998). Alliance, technique, and their interactions in predicting outcome of behavioral, cognitive and brief therapy. Psychotherapy Research, 8, 190-209.

Greenwald, D. P., Kornblith, S. J., Hersen, M., Bellack, A. S., & Himmelhoch, J. M. (1981). Differences between social skill therapists and psychotherapists in treating depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 49, 757-759.

Hamilton, M. (1959). The assessment of anxiety states by rating. British Journal of Medical Psychology, 32, 50-55.

Hardy, G. E. e Shapiro, D. A. (1985). Therapist response modes in prescriptive vs. exploratory psychotherapy. British Journal of Clinical Psychology, 24, 235-245.

Hartley, D. E. e Strupp, H. (1983). The therapeutic alliance and its relation to outcome in brief psychotherapy. In J. M. Masling (Ed.), Empirical studies of psychoanalytic theories (pp. 1-37). Hillsdale, NJ: Erlbaum.

Hintikka, U., Laukkanen, E., Marttunen, M. e Lehtonen, J. (2006). Good working alliance and psychotherapy are associated with positive changes in cognitive performance among adolescent psychiatric inpatients. Bulletin of the Menninger Clinic, 70, 316-335.

Hogduin, C. A. L., De Haan, E. e Schaap, C. (1989). The significance of patient-therapist relationship in the treatment of obsessive-compulsive disorder. British Journal of Clinical Psychology, 28, 185-186.

Horvath, A. O. (2000). The therapeutic relationship: From transference to alliance. Journal of Clinical Psychology,56, 163-173.

Horvath, A. O. e Symonds, B. D. (1991). Relation between working alliance and outcome in psychotherapy: A meta-analysis. Journal of Counseling Psychology, 38, 139-149.

Keijsers, G. P. J., Scraap, C. P. D. R., Hoogduin, C. A. L. e Lainmers, M. W. (1995). Patient-therapist interaction in the behavioral treatment of panic disorder with agoraphobia. Behavior Modification, 19, 491-517.

Keijsers, G. P. J., Scraap, C. P. D. R. e Hoogduin, C. A. L. (2000). The impact of interpersonal patient and therapist behavior on outcome in cognitive-behavior therapy. A review of empirical studies. Behavior Modification, 24, 264-297.

Krupnick, J. L. (1996). The role of the therapeutic alliance in psychotherapy and pharmacotherapy outcome: Findings in the National Institute of Mental Health Treatment of Depression Collaborative Research Program. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 64, 532-539.

Loeb, K. L., Wilson, G. T., Labouvie, E., Pratt, E. M., Hayaki, J., Walsh, B. T., et al. (2005). Therapeutic alliance and treatment adherence in two interventions for bulimia nervosa: A study of process and outcome. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 73, 1097-1107.

Luborsky, L., McLellan, A. T., Woody, G. E., O'Brien C. P. e Auerbach A. (1985). Therapist success and its determinants. Archives of General Psychiatry, 42, 602-611.

Malik, M. L., Bentler, L. E., Alimohamed, S., Gallagher-Tompson, D. e Thompson, L. (2003). Are all cognitive therapies alike? A comparison of cognitive and noncognitive therapy process and implications for application of empirically supported treatments. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 71, 150-158.

Martin, D. J., Garske, J. P. e Davis, M. K. (2000). Relation of the therapeutic alliance with outcome and other variables: A meta-analytic review. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 68, 438-450.

Newman, C. F. e Strauss, J. L. (2003). When clients are untruthful. Implications for the therapeutic alliance, case conceptualization, and intervention. Journal of Cognitive Psychotherapy, 17, 241-252.

Orlinsky, D. E., Grawe, K. e Parks, B. K. (1994). Process and outcome in psychotherapy - noch einmal. In A. E. Bergin e S. L. Garfield (Eds.), Handbook of psychotherapy and behavior change (pp. 270-376). New York: Wiley.

Rogers, C. R. (1958). The characteristics of a helping relationship. Personnel and Guidance Journal, 37, 6-16.

Schmidt-Traub, S. (2003). Therapeutische beziehung - Ein berblick. Psychotherapeutische Praxis, 3, 111-129.

Sloane, R. B., Staples, F. R., Cristol, A. H., Yorkston, N. J. e Whipple, K. (1975). Short-term analytically oriented psychotherapy versus behavior therapy. American Journal of Psychiatry, 132, 373-377.

Stiles, W. B., Shapiro, D. A. e Firth-Cozens, J. A. (1988). Verbal response mode use in contrasting psychotherapies: A within-subjects comparison. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 56, 727-733.

Truax, C. e Carkhuff, R. R. (1967). Toward effective counseling and psychotherapy: Training and practice. Chicago: Aldine.

Vogel, P. A., Hansen, B., Stiles T. C. e Gotestam, K. G. (2006). Treatment motivation, treatment expectancy, and helping alliance as predictors of outcome in cognitive behavioral treatment of OCD. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 37, 247-255.

Wolfe, B. E. e Goldfried, M. R. (1988). Research on psychotherapy integration: Recommendations and conclusions from an NIMH workshop. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 56, 448-451.

Zimmer, D. (1983). Die therapeutische beziehung: Konzepte, empirische befunde und prinzipien ihrer gestaltung. Weinheim: Beltz Psychologie Verlags Union.

Pubblicato il 03/09/2008 alle ore 15:08

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

centro d'ascolto aspic

Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) a distanza

Il Centro di Ascolto Psicologico (C.A.P.) effettua incontri a distanza per garantire il servizio di consulenza psicologica anche in questo difficile momento di emergenza. Il servizio è gratuitamente offerto ai soci Aspic Psicologia.

Pubblicato il 20 marzo 2020 alle ore 15:26 da redazione Archiviato in: Iniziative ASPIC
gruppo_autostima_esposito_aspicpsicologia

Gruppo online di evoluzione per l’autostima

Segnaliamo con piacere questa iniziativa della nostra socia, la dr.ssa Francesca Esposito, che propone un gruppo di evoluzione per l'autostima: il gruppo si svolge online.

Pubblicato il 01 dicembre 2020 alle ore 17:59 da florinda [email protected] Archiviato in: Aspicpsicologia.org
copertina Nuovo Consumo Novembre

Aspic Psicologia per il 25 Novembre, Giornata Internazionale di lotta alla violenza contro le donne

In occasione della Giornata Intenazionale di lotta contro la violenza sulle donne, Aspic Psicologia propone un'intervista rilasciata dalla nostra socia Elisabetta Gallotta, alla rivista dei soci Coop Nuovo Consumo. 

Pubblicato il 17 novembre 2020 alle ore 18:16 da redazione Archiviato in: Attualità, Iniziative ASPIC

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.