Stop Smoking

di Donatella Tridici

Abstract: la dipendenza dal fumo di sigaretta è una dipendenza complessa, non è un semplice “vizio”. Il Corso Stop Smoking è un corso pilota sul trattamento della dipendenza da fumo, che ha visto come partecipanti allievi fumatori specializzandi dei corsi Aspic. Il trattamento integrato di gruppo, proposto nel Corso, ha dato esiti interessanti. Sono stati identificati fattori di cambiamento, per il trattamento della dipendenza da fumo.

Keywords: dipendenza, tabagismo, sigaretta, trattamento, gruppo.

 

Fumo: numeri nella popolazione generale

Il fumo di tabacco costituisce oggi uno dei principali problemi sanitari, in Italia, come nel resto del mondo: rappresenta, infatti, la principale causa prevenibile di malattie e decessi prematuri nei Paesi industrializzati.

É responsabile nel mondo di 4 milioni di morti l'anno e l'OMS stima che nel 2025, se non vi saranno variazioni significative di tendenza, i morti saranno circa 10 milioni. In altri termini, l'aumento sarà del 50% nei Paesi industrializzati e del 700% nei Paesi in via di sviluppo.

In Italia, il fumo di tabacco causa circa 90.000 morti l'anno ed è responsabile del 90% dei tumori polmonari, del 70% dei casi di bronchite cronica ed enfisema e del 25% dei casi di malattie cardiovascolari.

Fumo: numeri negli operatori “sanitari”

Il numero medio dei fumatori, in Italia, si aggira intorno al 25% (16 milioni): 34% maschi, 17% donne (Modonutti, 2001). Colpisce un dato, quello che riguarda il numero dei fumatori tra gli operatori sanitari: in particolare, quello dei medici, su cui si hanno ricerche ufficiali: in Italia la percentuale dei medici che fuma sfiora il 40%, venti volte in più rispetto ai medici degli Usa, al 2%. I medici italiani fumano, paradossalmente, più dei loro pazienti, ossia più della popolazione generale (Pizzo et al., 2003; Mangiaracina, 2005).

Sugli psicologi non vi sono dati ufficiali, ricordiamo, però, purtroppo, tra le vittime illustri del tabacco Sigmund Freud, accanito fumatore di sigari, che arrivava a fumarne anche 20 al giorno. Tentò a più riprese di smettere, riuscendoci per 3 volte, fino ad un periodo massimo di 14 mesi. La sua abitudine ai sigari gli provocò un tumore alla guancia ed al palato. Nel 1923 subì il primo di ben 33 interventi che gli avrebbero asportato la parte superiore della guancia e tutta la parte destra del palato. Nonostante gli atroci dolori, le difficoltà nel parlare, all’udito e nell’assunzione di cibo che ne conseguirono, non smise di fumare fino alla fine dei suoi giorni.

La dipendenza tabagica dei medici e degli psicologi solleva, spesso, controversie e perplessità.

Per un operatore sanitario e del benessere, infatti, trattare la propria dipendenza dal fumo di tabacco, rappresenta, oltre che una scelta chiaramente orientata al proprio benessere, anche un percorso di coerenza etica e professionale.

Fumo: chi vuole smettere?

Circa il 40% dei fumatori in Italia dichiara di voler smettere, ma solo il 5% dei fumatori che riesce a smettere da solo rimane astinente ad un anno. Le ricerche evidenziano che i fumatori che si avvalgono di un aiuto strutturato rimangono astinenti più a lungo (Garattini, La Vecchia, 2002).

Un'esperienza di gruppo per smettere di fumare

Introduzione al corso stop smoking

Il Corso Stop Smoking è un corso pilota, di intervento e formazione, sul trattamento della dipendenza dal fumo di tabacco, che ha visto come partecipanti allievi fumatori specializzandi dei corsi ASPIC in Psicoterapia e di quelli in Counseling.

Metodo

Il Corso si è avvalso della collaborazione di psicoterapeuti e medici e ha messo insieme le loro competenze e le tecniche maggiormente utilizzate negli interventi sul tabagismo:

  • gruppo psicoeducativo, gestito con un approccio che integrava: modello motivazionale di Prochasca e DiClemente, prevenzione delle ricadute di Marlatt, tecniche cognitivo comportamentali, tecniche gestaltiche e bioenergetiche (Dodgen, 2005; Yalom, 1997; Giusti, Tridici, 2009);
  • informazioni mediche, misurazione del monossido di carbonio e spirometria;
  • sedute di agopuntura per l'applicazione di un protocollo specifico per la disassuefazione dal fumo di sigarette.

Intervento psicoeducativo

Gli incontri di gruppo hanno avuto come obiettivi principali:

  • fornire un contesto protetto per facilitare la consapevolezza, la comprensione e stimolare un'attiva partecipazione al processo di cambiamento;
  • dare informazioni sui meccanismi della dipendenza per agevolare il cambiamento;
  • esplorare i pensieri irrazionali che “proteggono” e “sostengono” la dipendenza;
  • identificare le situazioni ad alto rischio specifiche per ogni persona;
  • aiutare la persona a sviluppare strategie di coping per gestire in modo alternativo (al fumare la sigaretta) le situazioni ad alto rischio individuate;
  • attivare le risorse interne ed esterne;
  • individuare e sperimentare sussidi, rimedi e attività alternativi (surrogati delle sigarette,        attività fisica, visualizzazione del risparmio economico...);
  • preparare alla gestione della “caduta”, perché non confluisca in una ricaduta vera e propria, ossia in una ripresa dell’“abitudine”, (ristrutturazione cognitiva del problema        “caduta”: non fallimento dovuto ad incapacità personali o impossibilità a smettere, ma fase fisiologica del processo di cambiamento, conseguenza legata a precise circostanze emotive o ambientali che si possono imparare a gestire in modo via via sempre più efficace);
  • sviluppare l'apprendimento interpersonale, l'accettazione, la condivisione, l'altruismo, il modeling, l'autoefficacia;
  • consapevolizzare le dinamiche che possono agire dietro il gesto di “autosostegno negativo” rappresentato dall'accensione della sigaretta ed imparare a sostituirlo con gesti di “autosostegno positivo e nutriente”, come il chiedere aiuto e sostegno: è stata a tal fine proposta la scelta, tra i membri del gruppo, di un “referente” da contattare nei momenti di difficoltà e di bisogno.

Conclusioni

Esiti

Alla conclusione del corso, ha smesso di fumare il 79% dei partecipanti fumatori.

Ha ridotto il numero di sigarette fumate tutto il restante 21% dei partecipanti fumatori.

Si nota, nel gruppo dei soggetti che ha smesso di fumare, una frequenza maggiore agli incontri di gruppo. Potremmo ipotizzare una possibile correlazione tra esito positivo e frequenza ai trattamenti, oppure tra esito e motivazione, che si sarebbe manifestata nella frequenza al Corso. Comunque, entrambe le ipotesi sono interessanti e meriterebbero ulteriori verifiche.

A 3 mesi dalla conclusione del Corso, il 57,89% dei partecipanti risulta ancora non fumatore.

Quindi, trascorsi 3 mesi, dal 79% dei non fumatori a fine corso, si è passati al 57,89%.

Il dato confermerebbe il problema relativo alle ricadute nella dipendenza. Dato che molte ricerche evidenziano. Smettere di fumare, si può, dunque. Più difficile è mantenersi non fumatori. Questa conferma, della tendenza alle ricadute, suggerirebbe la necessità di un trattamento che si distribuisca diversamente e più a lungo nel tempo, per meglio intervenire sui rischi connessi con le ricadute.

Fattori di cambiamento

I fattori che hanno svolto un ruolo significativo nell'attivare i cambiamenti realizzati sono stati così identificati: l'intervento integrato, psicologico e medico, il gruppo, la rete che si è creata dentro e fuori il gruppo, la coesione, il sostegno all'autostima, la consapevolizzazione e la condivisione del problema, l'attivazione delle risorse interne ed esterne e lo sperimentare via via, anche piccole, variazioni nel rapporto con la sigaretta.

Considerazioni finali

La dipendenza dal fumo di tabacco è una dipendenza complessa. È, inoltre, cosa molto importante da ricordare, socialmente accettata. Non è un semplice “vizio”, come comunemente viene designata, cioè, non ha risvolti e valenze “moralistiche”. È una dipendenza che ha dei risvolti medici, per le patologie che determina, e dei risvolti psicologici, per tutte le dinamiche e per tutti quei bisogni che sottende e soddisfa illusoriamente. Dire: “Fumo perché la sigaretta mi tira su l'umore, o perché mi calma, o perché mi consola, o perché mi fa compagnia, o perché mi fa sentire bene...”. Significa dire: “ho bisogno”. In altri termini, la sigaretta può essere considerata una forma illusoria di auto-medicamento. Però, come molti ex-fumatori testimoniano, è, proprio, la rinuncia a questa forma di “auto-cura”, ossia lo smettere di fumare, e il rispondere ai propri bisogni con maggiore consapevolezza e con altre modalità che aiuta a sentirsi più capaci, più sicuri di sé... a sentirsi veramente bene.

Bibliografia

Dodgen C. E. (2005), Nicotine dependance, Washington: APA.

Garattini S., La Vecchia C. (2002), Il fumo in Italia. Prevenzione, patologie e costi, Kurtis, Milano.

Giusti E., Tridici D., (2009), Smoking, basta davvero! Manuale strategico operativo per interventi terapeutici per il tabagismo, Roma: Sovera.

Jarvis M, Belcher M, Vessey C, Hutchinson D. Low cost carbon monoxide monitors in smoking assessment. Thorax; 1986, 41, 886-887.

Lesourne O. (1986), Il grande fumatore e la sua passione, Milano: Raffaello Cortina Editore.

Mangiaracina G. (2005), Curare il fumo. Manuale per smettere di fumare, Roma: EDUP.

Modonutti G.B. (2001), Prevenzione, giovani e tabacco’01, Udine: Edizioni Goliardiche. 

Pizzo A.M., Chellini E., Grazzini G. et al. (2003) Italian general practitioners and smoking cessation strategies. Tumori, 89(3), 250-4.

Tridici D., (2011), Un corso Stop Smoking, Integrazione nelle Psicoterapie, 1, 192-200.

Yalom I. D. (1997), Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo, Torino: Bollati Boringhieri.

Note sull'autore

Donatella Tridici, psicologa clinica e psicoterapeuta individuale e di gruppo, ha una specializzazione in Psicoterapia Umanistica Integrata, conseguita presso l'Aspic. Ha collaborato per diversi anni ad attività di ricerca negli ambiti relativi alla psicoterapia e alla psicologia della salute. È co-autrice del testo Smoking, basta davvero!. Svolge attività clinica individuale e di gruppo, occupandosi di depressione, ansia, difficoltà emotive, dipendenza affettiva e dipendenza da fumo di tabacco.

Pubblicato il 30/05/2011 alle ore 16:46

Condividi

Commenti

Nessun commento presente.

Aggiungi commento

rivista integrazione immagine

Rivista Integrazione nelle Psicoterapie numero 9 - 2019

E' stato pubblicato l'ultimo numero della rivista "Integrazione nelle Psicoterapie", dedicato ai Cittadini di Genova dal Nucleo NSPS Aspic Emergenza, progettato e realizzato con il contributo dei soci AspicARSA e Aspic Psicologia.

Pubblicato il 01 marzo 2019 alle ore 09:42 da florinda [email protected] Archiviato in: Aspicpsicologia.org, Iniziative ASPIC, Ricerca scientifica
al-anon-7aprile2019

7 Aprile 2019: Seminario aperto di Al-Anon

L'Associazione Gruppi Familiari Al-Anon - Area Lazio Campania invita tutti a partecipare al seminario aperto che si terrà il 7 Aprile 2019 dalle 9.30 alle 17.00: Capire... se stessi, i genitori e gli altri. Conoscenza, cambiamento e rinascita.

Pubblicato il 26 febbraio 2019 alle ore 15:03 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità
Overeaters_Anonymous

Riunione aperta: Accettare la Malattia senza provare vergogna

Condividiamo l'invito a partecipare alla Riunione Aperta dal titolo “Accettare la Malattia senza provare vergogna” promossa da Overeaters Anonymous A.P.S.(OA) che si terrà il 17 Marzo 2019 a Roma presso la Chiesa Santa Maria Goretti – Via Tripolitania 143.

Pubblicato il 26 febbraio 2019 alle ore 14:49 da florinda [email protected] Archiviato in: Attualità

Aspic Psicologia © Associazione Aspic Psicologia Responsabile: Florinda Barbuto. - Partita IVA 97873710582. Privacy Policy e cookie.
Made with oZone iQ

Informativa

Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.